ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Tutto quello che dicono i giornali dal... 18 maggio 2009
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4 ... 47, 48, 49  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
sarah72andrea



Registrato: 27/03/08 19:03
Messaggi: 7489

MessaggioInviato: Mer Mag 20, 2009 13:15    Oggetto: Rispondi citando


GRAZIE MILLE GIULY X TUTTE LE INFO...

UN GRANDE IN BOCCA A LUPO ALESSANDRO X I NUOVI E I FUTURI IMPEGNI...

BACIO SARAH

_________________

GLI AMICI SONO QUELLE RARE PERSONE CHE TI CHIEDONO COME STAI E POI ASCOLTANO PERSINO LA RISPOSTA...
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34507

MessaggioInviato: Mer Mag 20, 2009 15:32    Oggetto: ALESSANDRO PREZIOSI / Khora Teatro. 'IL SAPORE DELLA CENERE' Rispondi citando



ha scritto:






    Grazie a Marilena Very Happy M1944 per aver scansionato l'originale cartaceo

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34507

MessaggioInviato: Mer Mag 20, 2009 17:09    Oggetto: PREZIOSI narra 'PIERINO E IL LUPO' 22.5.09 Bonci CESENA (FC) Rispondi citando




    ALESSANDRO PREZIOSI, voce narrante 'Pierino e il lupo' di Prokof'ev

    YOUNG MUSICIANS' SYMPHONY ORCHESTRA, diretta da PAOLO OLMI

    CESENA (FC) Teatro Nuovo CARISPORT | ore 21.00, 22 maggio 2009







ha scritto:



        La grande MUSICA al CARISPORT

        E Preziosi recita 'Pierino e il lupo'


La favola musicale scritta da Sergei Prokof’ev è stata scelta per insegnare ai bambini le caratteristiche degli strumenti di un'orchestra. Venerdì 22 il celebre attore presterà la voce per la serata di musica colta organizzata dal maestro P. Olmi



Cesena, 20 maggio 2009 - Sarà un grande spot per la Musica colta la serata di venerdì prossimo, 22 maggio, al Nuovo Teatro Carisport. Il polo d’attrazione sarà Alessandro Preziosi, attore diventato famoso con le fiction televisive, che per la prima volta presterà la voce alla favola musicale Pierino e il lupo che Sergei Prokof’ev scrisse per divertire i bambini insegnando loro le caratteristiche degli strumenti che formano un’orchestra.

Il maestro Paolo Olmi, poi, ha inserito nel programma due ‘chicche’ musicali quasi mai eseguite da queste parti: l’Ouverture accademica che Johannes Brahms scrisse per riconoscenza nei confronti dell’Università di Breslavia che gli aveva conferito una laurea onoraria, e la Guida d’orchestra per i giovani, variazione e fuga su un tema di Henry Purcell, un brano di Benjamin Britten che spiegherà (con l’aiuto della voce di Alessandro Preziosi) come si costruisce una fuga musicale.

Sul palco, a disposizione della bacchetta di Paolo Olmi, ci saranno i giovani musicisti della Young Musicians’ Symphony Orchestra di Londra, formata da elementi delle tre prestigiose accademie musicali londinesi, che ieri pomeriggio hanno iniziato le prove col maestro Olmi, partito per Londra subito dopo la conferenza stampa che si è svolta al Teatro Bonci. In mezzo al pubblico, invece, canteranno i cori cesenati ‘Marietta Alboni’ e ‘Maria Callas’.

Nella promozione del Concerto alla Fondazione Carisp, sponsor della stagione del ‘Bonci’, si affiancherà l’Orogel, da nove anni insieme a Paolo Olmi nei suoi spettacoli cesenati.

Info 0547.355959.








recensioni e commenti: topic www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=6927


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
chiara ale



Registrato: 22/10/06 18:27
Messaggi: 4605
Residenza: prov. Chieti

MessaggioInviato: Mer Mag 20, 2009 19:27    Oggetto: Rispondi citando


Grazie mille Giuliana per tutte le ultime info Wink
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34507

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 01:03    Oggetto: ALESSANDRO PREZIOSI / Khora Teatro. 'IL SAPORE DELLA CENERE' Rispondi citando



ha scritto:




          IL SAPORE DELLA CENERE

      Speak truth to power di Ariel Dorfman


Dal 19 al 21 maggio 2009 il Teatro Eliseo di Roma ospiterà in prima nazionale lo spettacolo promosso dalla Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus Il sapore della cenere di Ariel Dorfman, ispirato al libro Speak truth to power di Kerry Kennedy, di Juan Diego Puerta Lopez, con la partecipazione straordinaria in video di Piera Degli Esposti, Enrico Lo Verso e Alessandro Preziosi




    Comunicato stampa: pubblicato martedì 19 maggio 2009


    IL SAPORE DELLA CENERE SPEAK TRUTH TO POWER



testo di Ariel Dorfman - ispirato al libro Speak truth to power di Kerry Kennedy (Umbrage ed.) - traduzione di Alessandra Serra

regia, coreografia e costumi di Juan Diego Puerta Lopez

con: Ilenia Caleo, Piergiuseppe Di Tanno, Lydia Giordano, Ugo Piva, Giada Prandi, Maria Noemi Regalia, Alessandro Riceci, Ulisse Romanò, Chiara Tomarelli - e con la partecipazione in video di Piera Degli Esposti, Enrico Lo Verso e Alessandro Preziosi

musiche di German Arrieta e Giuliano Lombardo - scenografia di Francesco Scandale - realizzazione video di Degli Esposti, Lo Verso e Preziosi di Andrés ArceMaldonado - video di scena Stefania Bonatelli e Francesco Scandale - assistente alla regia Daniela Perticarà - ufficio stampa Nicola Conticello - foto di scena Paolo Porto

prodotto da Alessandro Preziosi e Tommaso Mattei per Khora.teatro in coproduzione con Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus e con Centro per l’Arte Contemporanea “L. Pecci” (Prato) con il patrocinio dell’IILA (Istituto di Cultura Italo Latino Americano) collaborazione organizzativa Isabella Arnaud, Marco Martorelli e Francesco Papa - produzione esecutiva Aldo Allegrini





Il libro Speak truth to power, difensori dei Diritti Umani che stanno cambiando il mondo, presenta una rosa di personaggi straordinari, eroici, provenienti da più di trentacinque paesi. Le interviste condotte dall’attivista per i diritti Kerry Kennedy, figlia di Robert, ci colpiscono e coinvolgono, poiché il tema dei diritti umani ha la voce di coloro che li vivono in prima persona: parlano di libertà di espressione, di bambini in guerra, di impegno per l’ambiente, di libertà religiosa, di diritti delle minoranze e di schiavitù sessuale. Alcuni di questi personaggi hanno vissuto sulla propria pelle l’esperienza della violazione dei diritti umani, che li ha segnati profondamente. Eppure il libro è ben lontano dall’essere un elenco di vittime, è piuttosto l’affermazione che esiste la possibilità del cambiamento, che si evince dall’estremo coraggio che accomuna tutti loro. La loro determinazione, il loro valore e la loro dedizione di fronte al pericolo costante e apparentemente insormontabile, ci sfidano a prendere il testimone e a far parte della corsa verso una società più giusta. Sono maestri che ci mostrano come essere pienamente umani.


Il testo teatrale è stato scritto dal celebre drammaturgo cileno Ariel Dorfman. L’edizione italiana è stata tradotta da Alessandra Serra. Le storie che i protagonisti narrano sono di per sé molto forti. Questo testo non dà una facile risposta alle domande poste nel libro di Kerry Kennedy, ma mette in scena il conflitto in se stesso, girando la domanda al pubblico, proprio attraverso i suoi personaggi. La messa in scena dello spettacolo è stata affidata al regista e coreografo colombiano Juan Diego Puerta Lopez, da anni in Italia, che per una coincidenza di percorsi sta lavorando da tempo su tematiche molto vicine a quelle contenute nel libro della Kennedy. La scelta di Puerta Lopez come regista è stata determinata dalla certezza che avrebbe saputo utilizzare una forma di linguaggio scenico “universale” in grado di arrivare, in maniera più semplice e diretta, ad un pubblico eterogeneo, riuscendo a toccare anche l’immaginario dei più giovani. Il cast vede la partecipazione di un gruppo di giovani talenti, professionisti della scena nazionale Ilenia Caleo, Piergiuseppe Di Tanno, Lydia Giordano, Ugo Piva, Giada Prandi, Maria Noemi Regalia, Alessandro Riceci, Ulisse Romanò, Chiara Tomarelli e con la partecipazione straordinaria in video di Piera Degli Esposti, Enrico Lo Verso e Alessandro Preziosi.


Khora Teatro, dopo il grande successo dell’anteprima tenutasi nel luglio scorso presso il Centro per l’Arte Contemporanea “Luigi Pecci” di Prato alla presenza della signora Kerry Kennedy, e dell’autore Ariel Dorfman, ha deciso di adottare il progetto con la prospettiva di realizzare una serie di eventi sul territorio nazionale e, in collaborazione con la Fondazione Kennedy, una capillare distribuzione per le scuole per sensibilizzare soprattutto i giovani alla cultura della difesa dei diritti umani.


Dopo la significativa adesione di Piera Degli Esposti, Enrico Lo Verso e Alessandro Preziosi, il progetto si propone di creare un vero e proprio network di attori che con la loro immagine diano un contributo attivo, attraverso la loro partecipazione allo spettacolo, in difesa dei diritti umani.


Il sapore della cenere” è uno spettacolo che intende regalare emozioni in grado di scuotere da quel torpore che ci ha resi sonnolenti di fronte al dolore, all’orrore, alla crudeltà e all’ingiustizia. È una messinscena nella quale non vi sono personaggi. Gli attori presteranno la loro voce e la loro emotività per restituire le esperienze di uomini e donne che hanno conosciuto la violenza, la tortura, la guerra. Pertanto, le loro “interpretazioni” saranno solo uno strumento di mediazione tra la parola (che evoca, che suscita, che sprona) e le suggestioni dello spettatore. Lo spazio visivo sarà un luogo astratto e spettacolare, uno scenario feroce dell’animo, che prevede l’interazione tra testo, musica, proiezione di immagini di video arte su un grande schermo scenografico, creati e realizzati da Stefania Bonatelli e Francesco Scandale e la proiezione fotografica dei difensori realizzata da Eddie Adams. La musica del compositore colombiano German Arrieta e di Giuliano Lombardo, appare là dove la parola diventa respiro, in un susseguirsi di situazioni che stimolano fortemente l’immaginario del pubblico. “Il sapore della cenere” è un momento di riflessione sui diritti umani, che vuole coinvolgere e appassionare ma anche sensibilizzare contro gli abusi in atto nel mondo. È uno spettacolo che non ha l’ambizione di trarre alcuna conclusione prestabilita, ma vuole soprattutto portare l’attenzione su delle tematiche non ci lascia indifferenti. È un’occasione importante per tratteggiare nell’aria gesti, movimenti che richiamano alla memoria quelle ferite che un conflitto, qualsiasi conflitto, lascia nel cuore dell’essere umano.



Note di regia - Ho pensato questo spettacolo lasciandomi trasportare dalle suggestioni del testo di Ariel Dorfman, pensandolo sin dall’inizio come un “teatro di documenti”, fatto sopratutto di testimonianze: voci di uomini che hanno lottato (e continuano a lottare) per affermare i diritti umani nel loro paese. Parole dure come pietre scagliate contro la coscienza dell’essere umano, parole cariche di un emozione che colpisce nel profondo, che lascia una cicatrice e a cui non si può rimanere indifferenti. Ed è proprio da questo sentimento di “non indifferenza” che ho iniziato il mio lavoro costruendo un percorso lungo e difficile con un gruppo di attori, a cui ho chiesto sin dall’inizio la massima dedizione. Ci siamo chiusi in uno spazio, e abbiamo lasciato che le emozioni scorressero lungo la pelle, che i ricordi affiorassero per restituirci quelle sensazioni di sofferenza che percepivamo nelle parole di Dorfman. E poi è affiorata anche la mia infanzia, i ricordi del mio paese, della gente comune che soffriva quotidianamente, delle ingiustizie che oramai erano “consuetudine di vita”, uno sguardo stanco sulla vita di ogni giorno. Le feste del mio quartiere, i riti del mio paese, le processioni, i giochi infantili nel “barrio”, le vittime sull’asfalto, insomma i ricordi e l’amarezza che ne conseguiva. E’ proprio il gioco dei bambini la matrice che mi ha guidato. Sette bascule (mataculin), come quelle che si vedono normalmente nei parchi giochi per l’infanzia, qui di colore nero, diventano un pretesto per essere strumento di tortura, una specie di “gioco al massacro”, inquietanti, usate in diverse combinazioni, fino ad elevare gli attori in una sospensione verso la libertà. Non ci sono solo i difensori, ma ho voluto mettere in scena anche il risvolto della medaglia, i torturatori, i carnefici delle vittime, dando loro una voce e un volto, offrendo la possibilità allo spettatore di ascoltare la lucida follia di chi perpetra quotidianamente un abuso su un altro essere umano, solo per affermare un proprio egoismo, un potere. Il video entra nella scena restituendo tutta la crudezza della tortura e dei torturatori. Mentre in altri due schermi, si notano i particolari degli strumenti di morte, dei passatempi, dei riti dei carnefici. Il gesto è pregno di significato: la sofferenza, l’umiliazione, le lacrime non ascoltate, le voci soffocate, le bocche tappate, i sospiri. Un gesto di liberazione, nulla di brusco, nulla di nevrotico nei corpi delle vittime, solo i torturatori, a lato della scena, relegati in un mondo chiuso e coatto, fatto invece di azioni ripetitive, ossessive, ci rimandano a quelle immagini tipiche di un ufficio di polizia o di agenti segreti dove si interrogano i criminali. Come durante i giochi dell’infanzia, gli oggetti di uso quotidiano, diventano nell’immaginazione infantile, qualcosa di altro, di diverso, a cui si attribuisce un valore più grande o immaginifico: semplici legni ora sono scettri, corone di plastica cingono la testa di un re stanco che cerca giustizia, fiori che vengono donati come offerta votiva; e il rito che si consuma in una processione tipica del folklore di alcuni paesi del latino america, fatta di simboli e di religione, sospesa tra il sacro e il profano. E la cenere, soffiata come le parole che volano fino al cuore dello spettatore; la cenere, come la calce, che nel mio paese (ricordo da bambino) copriva il sangue delle vittime nella strada; la cenere che è anche il corpo della persona amata che non c’è più, se non nel ricordo di coloro che gli sopravvivono. Alla fine arriva un immagine lirica, onirica, che ci rimanda a tanta drammaturgia del sogno (come gli scalognati Pirandelliani, abitanti della Villa del mago Cotrone ne “ I giganti della montagna”): un corpo disteso in mezzo a due aguzzini che si cibano di fiori mentre tutti gli altri cercano, chi più chi meno, di raggiungere un anelito di libertà; come una barca di profughi in mezzo al mare alla volta di un approdo, di una speranza di salvezza, riscoprendo nelle bascule il senso primario del gioco, una speranza di vita. - Juan Diego Puerta Lopez



ARIEL DORFMAN, autore cileno di numerose opere di narrativa, teatro, poesia e saggistica, oltre che di film, dirige la cattedra di Walter Hines Page all’Università di Duke, ma ha insegnato anche alla Sorbona e all’Università di Amsterdam. Ha ricevuto molti riconoscimenti internazionali, tra i quali il Premio Olivier per la miglior opera teatrale con Death and the Maiden (La morte e la Fanciulla da cui Roman Polanski ha tratto nel 1995 un film con Ben Kingsley e Sigourney Weaver) e il premio Writers’ Guild per la miglior sceneggiatura con Prisoners in time. I suoi libri più recenti sono The Nanny and the iceberg, un romanzo, e la biografia Heading south, looking north. Durante la dittatura di Pinochet, ha trascorso dieci anni in esilio. È Membro dell’Académie Universelle des Cultures. In Italia è stato pubblicato il saggio Come leggere Paperino (1971), scritto con Armand Mattelart, e il libro di memorie Verso sud, guardando a nord (1999).



JUAN DIEGO PUERTA LOPEZ, regista e coreografo, nasce a Medellín, Colombia. Studia nel suo paese teatro alla “Escuela Popular de Artes de Medellín” e danza contemporanea alla “Academia Superior de Artes de Bogotá”. Dal 1992 al 1994 fa parte dell’organico della compagnia EX-FANFARRIA TEATRO, fondata da Jose Manuel Freidel, una delle più rappresentative del teatro d’avanguardia in Colombia,partecipa alla creazione degli spettacoli: “La visita” diretto da Victor Viviescas, “Romance del Bacán y la Maleva” diretto da Fernando Zapata Abadia. Durante il 1995 è in tournée in Colombia, Stati Uniti e Italia con lo spettacolo “Aguirre, la espiral del guerrero” diretto da Federico Restrepo. Nel 1996 si trasferisce a Roma. Frequenta il seminario di teatro presso “L’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico” . Inoltre ha lavorato con altre compagnie e registi. Dal 1999 inizia un proprio percorso di ricerca teatrale e coreografica mettendo in scena gli spettacoli: “Onoff” (1999), “Pretexto” (2001), “Phrenetic”(2003), “Domestika” (2004), “Carne” (2005). Con i suoi spettacoli è stato invitato a numerosi teatri e festival nazionali e internazionali, tra i quali: Teatro Piccolo di Milano, Cantieri Teatrali Koreja, Teatro Due di Parma, Enzimi di Roma, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Danza A Prop di Barcellona, Festival Internacional de Medellin, Teatri 90 di Milano,Teatri dello Sport, Città Sonore di Roma, Festival Tramedautore di Outis, Festival Quartiere dell’Arte di Viterbo, Teatro Politeama di Lecce, teatro Palladium di Roma, ecc. Ha collaborato con il Centro Sperimentale di Cinematografia, diretto da Giancarlo Giannini, nella regia dello spettacolo “Storie di ordinaria follia” di P. Zelenka. Ha diretto lo spettacolo “Matrimoni” di Bepi Vigna, presentato a Milano al “Festival Fabbrica dell’Uomo 2007” di Outis. Di recente ha diretto lo spettacolo “Il sapore della cenere” di Ariel Dorfman.



IL PROMOTORE: ASSOCIAZIONE ROBERT F. KENNEDY FOUNDATION OF EUROPE Onlus (Roma)

La “Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus” è un’organizzazione non profit di cui è Presidente Onorario Kerry Kennedy ed è nata per sostenere la lotta per i diritti umani a livello internazionale, in particolare a livello europeo, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e per dare un aiuto concreto a quegli uomini e donne che dedicano la propria esistenza agli altri, denunciando oppressioni e limitazioni di quei diritti che dovrebbero essere alla base di qualsiasi essere umano. In Italia, Paese dove Kerry Kennedy ha deciso di stabilire la sede europea, è stata costituita la “Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus”, al fine di portare avanti tali progetti su scala europea.Una delle iniziative della RFK EuropeSpeak Truth To Power”, che ha ricevuto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana, il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, prevede una mostra fotografica, una rappresentazione teatrale, un libro ed un pacchetto educational. Il progetto ha come scopo quello di incoraggiare i Governi, le fondazioni e gli individui a sostenere i diritti umani e richiama l’attenzione sugli abusi ancora in essere. L’effetto duraturo del progetto dovrà essere quello di mostrare la capacità dell’individuo di creare un cambiamento a dispetto delle circostanze avverse. La “Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus” si pone il fine di coinvolgere, appassionare ed ispirare le coscienze individuali sulle problematiche della difesa dei diritti umani, della protezione dell’ambiente ed il sostegno della legalità contro ogni forma di criminalità organizzata. Il libro rappresenta una fonte di informazioni che offre un’immediata e personale connessione con un contesto in cui i lettori vengono immediatamente coinvolti nelle vicende e storie dei difensori dei diritti umani.





TEATRO ELISEO Via Nazionale, 183 − 00184 Roma

tel. botteghino: 06 4882114 | 06 48872222
- info@teatroeliseo.it - www.teatroeliseo.it -

ORARIO SPETTACOLI: Martedì, giovedì, venerdì – ore 20,45







_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34507

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 01:26    Oggetto: ALESSANDRO PREZIOSI / Khora Teatro. 'IL SAPORE DELLA CENERE' Rispondi citando



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
M1944



Registrato: 25/08/08 09:55
Messaggi: 1374

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 10:10    Oggetto: IL SAPORE DELLA CENERE Rispondi citando


Carissima GIULY , premetto che non parlo certo, dei copiosi e interessanti articoli del Forum, ma del commento riduttivo dato nell'articolo e in TV a quell'ora, per parlare di quest'opera.
Forse siamo noi superficiali nell'interessarci personalmente a certi lavori, e gli articoli ci sono stati in altri giornali, ma non li abbiamo visti.
Spero che il pienone non ci sia stato solo la prima serata, con ospiti invitati e gli attori presenti, ma continui ad esserci ogni sera, anche con gli interpreti più noti, solo in video.
Alessandro come al solito è coraggioso, rischia in proprio, diversifica il suo lavoro, si mette e ci mette alla prova.
Un tempo si sarebbe detto questa "cosa" è un pugno nello stomaco, ora diciamo un colpo al cuore, ma il fatto certo è, che quest'opera ci mostra la realtà presente tuttora in troppi paesi del mondo, che lo vogliamo sapere o no, che ci interessi o no.
GRAZIE ALESSANDRO e a tutti i partecipanti a questo importante lavoro, "Il Sapore della Cenere".

Marilena
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34507

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 11:53    Oggetto: PREZIOSI narra 'PIERINO E IL LUPO' 22.5.09 Bonci CESENA (FC) Rispondi citando




    ALESSANDRO PREZIOSI, voce narrante 'Pierino e il lupo' di Prokof'ev

    YOUNG MUSICIANS' SYMPHONY ORCHESTRA, diretta da PAOLO OLMI

    CESENA (FC) Teatro Nuovo CARISPORT | ore 21.00, 22 maggio 2009







ha scritto:



        "Pierino" Preziosi e "lupo" Olmi


        Il maestro e il noto attore sul palco per Prokoviev

Viaggia sulle ali della musica, la chiusura della stagione del Bonci, venerdì 22 maggio alle 21.00



di Claudia Rocchi

Cesena. La proposta è un classico invitante: c'è il Prokoviev della nota favola Pierino e il lupo, la poco frequentata Ouverture accademica di Brahms, e Variazione e fuga su un tema di Purcell composta da Britten. E poi c'è il nono ritorno consecutivo del maestro Paolo Olmi che può vantare una sorta di fan club sul territorio e, ciliegina sulla torta, la voce recitante dell'aitante Alessandro Preziosi. Sul palco, quasi 80 elementi di una giovane orchestra londinese: la Young Musicians' Symphony Orchestra; in qualità di aggiunti, in alto ai lati, anche due cori cesenati pronti a sfoggiare il proprio "ego": il Marietta Alboni diretto dal maestro Matteo Unich e il Maria Callas guidato da Silvia Biasini.

L'evento accomuna gli intenti del Maestro Olmi, del Bonci e di aziende sponsor quali Orogel e Fondazione Cassa di Risparmio, impegnati nella divulgazione della musica colta tra il grande pubblico.

"Anche se Pierino e il lupo non è una novità - fa sapere Olmi - per formare una generazione occorre fare conoscere nell'arco di vent'anni tutte le opere maggiori del repertorio. E la favola di Prokoviev funziona benissimo, con semplicità, in un perfetto equilibrio di alchimie musicali. La presenza di un attore famoso non va intesa come astuzia, ma come opportunità di divulgazione musicale. Purtroppo, chissà perché, i metodi di diffusione usati in altri campi quali cinema e teatro, non vengono mai sperimentati nella musica classica!"
Invogliato da Pierino e il lupo, il pubblico si troverà a contatto anche con altre due partiture: "L'Ouverture accademica di Brahms raramente è proposta - aggiunge la bacchetta -. Il compositore la scrisse per ringraziare della laurea honoris causa conferitagli dall'Università polacca di Breslavia. E l'accompagnò a un testo di sapore goliardico. L'inglese Britten invece scrisse intorno agli annai '50 la sua partitura che, un po' come Pierino e il lupo, è un'altra Guida all'orchestra per i giovani, traendola da una Variazione del conterraneo Purcell, arricchendola rispetto all'orchestra secentesca, di più strumenti. E, importante, il pezzo spiega cosa è una Fuga, giocando con essa nel sovrapporre gli ottoni".

Che dire di Alessandro Preziosi? E' la sua prima volta come voce recitante a servizio della musica, ma è la sua terza volta a Cesena.
Debuttò al Bonci dieci anni fa come Laerte nell'Amleto di Kim Rossi Stuart; in questa stagione invece è stato lui stesso il protagonista del dramma shakespeariano; tornò poi al Bonci quasi un lustro fa (ottobre 2004) nel Re Lear al fianco di Herlitzka. "E' un attore che ama sperimentarsi - fa sapere il direttore del Bonci, Franco Pollini - la sua disponibile versatilità e la popolarità ci hanno spinto a sceglierlo".

Info: 0547355959








recensioni e commenti: topic www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=6927


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
olivia@



Registrato: 05/10/06 08:23
Messaggi: 49

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 14:17    Oggetto: Rispondi citando




Il messaggero ha scritto:

di PAOLA PISA

Un enorme black carpet accoglie le invitate che brillano di diamanti e zaffiri quasi a fare gara con i gioielli che sono in mostra. Molti sono “citazioni” e “omaggi” alla “maison”. Chi ha un Bulgari stasera lo indossa. Una cascata, un tripudio, un subisso di gemme e argenti, ori e smeraldi, rubini e pietre colorate. Uno sfavillio di collier, bracciali, orecchini, spille, mandano in visibilio le invitate accorse nelle otto sale allestite ad hoc. Molte gioie “vintage” non sono mai state viste prima se non indossate dalle legittime proprietarie. Il valore? Inestimabile. Seratona di festa per l’inaugurazione di “Tra eternità e storia, 1884-2009”, esposizione che racconta centoventicinque anni di vita di Bulgari, griffe molto romana anche se il fondatore Sotirio era greco doc. Fu lui a scegliere di trasferire la sua “arte” nella capitale. A fare gli onori di casa a Palazzo delle Esposizioni ci sono Paolo e Nicola Bulgari con Francesco Trapani, più le rispettive, numerose famiglie. La migrazione interna si snoda seguendo le meraviglie create nei vari decenni in un buio fatto apposta per far risplendere le pietre più pregiate, più grandi, più pure: tutti nella Sala Liz Taylor che ospita i gioielli della diva tra cui quelli che le furono regalati da Richard Burton tra un momento d’amore e una scenata. Tutti nella Sala Dolce vita dove sono ingranditissime le immagini delle star che dagli Anni 50 accompagnano il marchio sui red carpet e sui set. Sofia, Soraya, Audrey, eccole qui. E via tra gli argenti più antichi, tra l’art decò e la pop art che ha influenzato i monili. Intanto, cliccatissimi, arrivano gli ospiti di rango che non potevano mancare tra il Palazzo di via Nazionale e Castel Sant’Angelo, dove si svolge la cena esclusiva che corona l’evento.
Tra le prime, in nero e gioielli al cardiopalmo, la super Lollobrigida. Ecco da Parigi Alain Delon con capelli brizzolati e barba e baffi, ecco Jessica Alba splendida in un abito dello stesso colore dei rubini che sfoggia. Tra le coppie bersagliate dai fotografi: Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi, Valeria Golino e Riccardo Scamarcio. Nasi incollati alle grandi vetrine dove appaiono i bracciali a forma di serpente, quelli Tubogas che la signora-romana-doc adora e i monili con le monete antiche, invenzione geniale che ha caratterizzato la griffe negli Anni 70. Gioielli nuovi e pregiatissimi andranno all’asta a New York con Christie’s a favore di Save the children. Si notano: Maddalena Letta, il principe Prospero Colonna e la moglie Jeanne, la principessa Alessandra Borghese, Giancarlo Abete e Mario D’Urso, Santo Versace, Dante e Francesca Ferretti, Gianmarco Tognazzi, Serena Autieri, Enrico e Federica Vanzina, Patricia Field celebre stilista di Sex and the city, Jason Lewis, Tosca D’Aquino, Ferzan Ozpetek, Luigi Ontani, Yvonne Sciò, miss Brasile Natalia Anderle. In un capannello salutano Silvia Venturini Fendi, Delfina Delettrez, Anna Fendi, Ilaria Fendi e con loro ci sono Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, stilisti di Valentino. Da Firenze sono arrivati Ferruccio e Ilaria Ferragamo. Non manca Sergio Loro Piana. In mille sono alla mostra, poi trasferimento per happy few a Castel Sant’Angelo infuocato da candele e bracieri. Dopo i finger food arrivano i primi. Su tavole ricche di argenti e edere servono la minestra siciliana detta alla Fregola, il toscano baccalà con ceci. Tra i dolci: “latte in piedi” con fragoline e “cremosa al cioccolato”. Lo champagne scorre, chiaramente, a fiumi mentre tutti brindano ai prossimi centoventicinque anni.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gloria93



Registrato: 16/05/07 21:17
Messaggi: 4544

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 15:03    Oggetto: Rispondi citando


grazie Olivia per le bellissime foto e l'articolo
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
vaness@



Registrato: 18/03/07 20:12
Messaggi: 119

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 15:42    Oggetto: Rispondi citando


oh ma che bello!!!

che foto fantastiche belli e abbronzati, questo quindi era ieri sera? Ma Alessandro non doveva correre a Cesena per fare le prove di Pierino già dal 19 scorso?

ahahhaahahahh a quanto pare aveva altre prove da fare!!!!! Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
sarah72andrea



Registrato: 27/03/08 19:03
Messaggi: 7489

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 16:04    Oggetto: Rispondi citando


vaness@ ha scritto:
oh ma che bello!!!

che foto fantastiche belli e abbronzati, questo quindi era ieri sera? Ma Alessandro non doveva correre a Cesena per fare le prove di Pierino già dal 19 scorso?

ahahhaahahahh a quanto pare aveva altre prove da fare!!!!! Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink Wink

NON E' DETTO CHE NON POSSA PRENDERSI UNA PAUSA .... Wink
_________________

GLI AMICI SONO QUELLE RARE PERSONE CHE TI CHIEDONO COME STAI E POI ASCOLTANO PERSINO LA RISPOSTA...
Top
Profilo Invia messaggio privato
M1944



Registrato: 25/08/08 09:55
Messaggi: 1374

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 16:23    Oggetto: BELLISSIMI BELLISSIMI Rispondi citando


Mamma mia che belli

PER VITTORIA E ALESSANDRO TUTTO

Non ho parole, li guardo e mi basta.
Marilena
Top
Profilo Invia messaggio privato
cinzia76



Registrato: 10/07/08 16:50
Messaggi: 8419
Residenza: PROVINCIA DI VENEZIA

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 16:27    Oggetto: Rispondi citando


SEMPLICEMENTE INCANTEVOLI Embarassed Laughing !!!
_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato
Zelda



Registrato: 17/07/08 14:38
Messaggi: 45

MessaggioInviato: Gio Mag 21, 2009 16:33    Oggetto: Rispondi citando


Ragazze........i gioielli Bulgari..... in confronto a loro due "impallidiscono" Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked

Sono b e l l i s s i m i s s i m i Razz Razz Razz Razz

Grazie Olivia
_________________
ZELDA


L'ultima modifica di Zelda il Gio Mag 21, 2009 17:31, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4 ... 47, 48, 49  Successivo
Pagina 3 di 49

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy