ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Tutto quello che dicono i giornali dal... 12 marzo 2010
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 39, 40, 41 ... 48, 49, 50  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Sab Apr 24, 2010 23:10    Oggetto: PREZIOSI e 'MINE VAGANTI' di OZPETEK a Tribeca Film Festival Rispondi citando







"Mine Vaganti" ("Loose cannons"), il film di Ferzan Ozpetek, entra in competizione nella principale sezione del TRIBECA, il prestigioso festival fondato a New York da Robert De Niro con la produttrice Jane Rosenthal all’indomani dell’attentato alle torri gemelle.

Unico film italiano selezionato per il concorso che comprende dodici titoli internazionali, alla 9ª edizione del FILM FESTIVAL che si apre il 21 aprile 2010, la pellicola sarà in lizza in "World Narrative Feature Competition" per i premi al migliore film, al migliore attore, alla migliore attrice: North American Premiere in italiano con sottotitoli in lingua inglese.




ha scritto:



Faces of the Festival: Ferzan Ozpetek



Meet Ferzan Ozpetek, the director of the delightful Italian family comedy Loose Cannons. Lovely southern Italy landscapes + swoony Italian actors—sounds like a recipe for La Dolce Vita.



04.22.10

By Kristin McCracken







TribecaFilm.com: Tell us a little about Loose Cannons.

Ferzan Ozpetek: Loose Cannons is a film about family secrets, some of which are open but unacknowledged, others that are truly hidden and very surprising when they finally surface. Tommaso, fantastically interpreted by Riccardo Scamarcio, who has created his own life in Rome, goes home to Lecce in Southern Italy for a family party where his father intends to hand over the family firm to him and his brother. But as it turns out, not everything is what it seems. Not only does Tommaso have to stay for much longer than he had thought, he also has to come to terms with who he is and who he wants to be.

TribecaFilm.com: What inspired you to tell this story?

FO: A lot of my work deals with different angles on the concept of family, both the biological one you are born into and the one you build for yourself as you grow up. Loose Cannons began with an idea about something that actually happened to a friend of mine. It started off with a confession-revelation between two brothers, an event which almost destroyed my friend. Loose Cannons is a very personal film. I have dedicated it to my father who passed away a year ago, perhaps because having reached 50, I felt some kind of need to look back, to re-evaluate my relationship with my own parents and family that shares some aspects with the story I tell.

TribecaFilm.com: What's the craziest thing (or "lightning strikes" moment) that happened while making the film?

FO: There wasn't so much a particular moment, but rather an intense process of falling in love. The film is set in the Apulian town of Lecce, a place I visited for the first time eight years ago and simply fell in love with. There is a marvelous atmosphere in Lecce with the beauty of its architecture, the surrounding landscape, and the excellent food, all of which chimed with the story. It is very rich in traditions, just like the family in the story, and the setting became almost an additional character. I have to say that following this Lecce experience, I feel stronger; so many new people have entered my life, many new friends from the Salento area who I hope will continue to be a part of my life for a long time.

TribecaFilm.com: What's the biggest thing you learned while making Loose Cannons?

FO: You have got to trust your actors! I didn't exactly learn this only now, but the sense of the script as a collaboration was especially strong with Loose Cannons. Before starting the shoot, I wrote the screenplay with Ivan Cotroneo, who came to the set while I was filming in Apulia, and together we changed some dialogue and scenes according to the mood on the set. There were various modifications and rewrites as well as a fair amount of improvisation. I was lucky to have such a stellar cast of actors who I could sometimes tell to run with their scenes, and some of the funniest scenes are theirs as much as mine or Ivan's.

TribecaFilm.com: What's your advice for aspiring filmmakers?

FO: Put your heart in everything you do and take the long view. I was fortunate to have a long apprenticeship as assistant directors with many outstanding but very different filmmakers from Mario Bava to Marco Risi or Massimo Troisi. But I also had to wait into my mid-thirties for the chance to direct my first feature, Hamam (The Turkish Bath). Sometimes, it takes patience.

TribecaFilm.com: What are your hopes for the film at Tribeca? How do you think New York audiences will respond?

FO: New York is one of the big creative centers of the world, and to me it has always felt like a special privilege to be represented here. Most of my films were released in the US, and New York especially has always been very hospitable to my work. I hope the same holds for Loose Cannons. There is a specific Mediterranean atmosphere about the film that I hope the Tribeca audience will relate to. At the same time, its story is universal—everybody has a family, and everybody has to realize who they are in this context, positively, negatively, or ambiguously. And I hope people will laugh because even though it deals with serious issues, the film is a about life's absurdities, too. It is a true comedy of manners.

TribecaFilm.com: If you could have dinner with any filmmaker (alive or dead), who would it be?

FO: If I can dream, it would be two of the greats: Michael Powell and Vittorio de Sica. That should make for very interesting dinner conversation.

TribecaFilm.com: What piece of art (book/film/music/tv show/what-have-you) are you currently recommending to your friends most often?

FO: Well, let's do the first three: Hungarian-Swiss writer Agota Kristof's trilogy The Notebook, The Proof, The Third Lie, an amazingly evocative novel about Central Europe at war; French director Jacques Audiard's tough film A Prophet; the song Kutlama by Turkish pop diva Sezen Aksu.

TribecaFilm.com: What would your biopic be called?

FO: An Italian critic recently was kind enough to call a monograph about my work so far Ad Occhi Aperti (With Open Eyes). I hope that is true about my life, too.

TribecaFilm.com: What makes Loose Cannons a Tribeca must-see?

FO: It's a comedy, and audiences in all screening so far laughed a lot, but it's not an escapist fantasy. I certainly don't try to teach anything in the film, but in addition to being amused, the audience might still learn something – about their own relationships with their family and their friends, about what it means or does not mean to be gay in a society that still has problems to come to terms with homosexuality. And last but not least, I think Tribeca audiences cannot afford to miss the performance of the ensemble cast. Most actors in Loose Cannons are major stars in their own right in Italy, and the way they pulled together really made the film.












_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
*lisicris*



Registrato: 19/11/04 19:16
Messaggi: 10422
Residenza: Gaeta (LT)

MessaggioInviato: Dom Apr 25, 2010 15:58    Oggetto: Rispondi citando


Grazie mille x l articolo
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
pascale61



Registrato: 18/11/09 12:05
Messaggi: 3478
Residenza: Francia

MessaggioInviato: Dom Apr 25, 2010 18:49    Oggetto: Rispondi citando


Grazie per l'articolo e buona serata.
Top
Profilo Invia messaggio privato
^Gaia^



Registrato: 20/03/04 22:22
Messaggi: 5202

MessaggioInviato: Dom Apr 25, 2010 19:27    Oggetto: Rispondi citando


Grazie Giuly per l'info Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 02:12    Oggetto: Pescara 28/4/10'E ALFIN DELLA RIMA io m'ardo!' per ADRICESTA Rispondi citando










        Spettacolo Teatrale in Prima Nazionale!

            protagonista: Silvano Torrieri
            per la Regia di Danilo Volponi


        " E ALFIN DELLA RIMA... IO M'ARDO ! "


        Mercoledi' 28 APRILE 2010 ■ ORE 21.15

        PESCARA Teatro AUDITORIUM FLAIANO




        Lungomare C. Colombo ■ Biglietto d'ingresso: euro 12.
        Per acquisto in prevendita ■ telefonare al 331 2024904



Parte dell'incasso sarà devoluto in beneficenza per sostenere il Progetto
"UN SOGNO IN CORSIA" promosso dall'Associazione ADRICESTA Onlus





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 02:52    Oggetto: Vasto -CH 30/4/10 Palace Hotel - CENA benefica per ADRICESTA Rispondi citando








    CENA di Beneficenza a favore di ADRICESTA Onlus

    per sostenere il Progetto " UN SOGNO IN CORSIA "



    www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7170 Exclamation




    Venerdì 30 APRILE 2010 • ore 20.00 • VASTO (CH)

    presso il PALACE HOTEL prenotazione 0873809056

    ADRICESTA ONLUS Tel. 0873341977 •3472615019



PREZIOSI presenta il Progetto www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=6763

www.adricesta.com è il sito web di ADRICESTA ONLUS (Associazione Donazione Ricerca
Italiana Cellule Staminali Trapianto e Assistenza)
homepage www.alessandropreziosi.tv




_________________


L'ultima modifica di genziana il Mar Apr 27, 2010 10:53, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nenepdl



Registrato: 10/03/08 08:11
Messaggi: 4052
Residenza: PROVINCIA DI PADOVA

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 07:58    Oggetto: Re: ALESSANDRO PREZIOSI - intervista Corriere della Sera 24/ Rispondi citando


genziana ha scritto:

ha scritto:



    Per ricambiare i vostri messaggi Very Happy l'ominoturchino ha trovato questo "cameo"

    Sereno weekend del 25 aprile! Baci e profumo di teneri glicini, piero e giuliana


grazie infinite per questa chicca! Very Happy
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 20:47    Oggetto: ALESSANDRO PREZIOSI e 'Mine vaganti'='Loose Cannons' OZPETEK Rispondi citando



ha scritto:




Vaghe stelle da film, mine vaganti partenopee



25/04/2010 - Paolo Colucci

Ma che piacere andare al cinema in questo periodo e scoprire che gran parte degli attori di uno dei film top dei botteghini sono napoletani.
«Mine vaganti», e perché non dire che le mine vaganti sono i nostri bravissimi attori Alessandro Preziosi, Lunetta Savino, Carmine Recano e la mitica Ilaria Occhini napoletanizzata dallo straordinario Dudù La Capria. Ferzan Ozpetek questa volta ha superato se stesso, il film è uno straordinario spaccato di vita provinciale. Alessandro Preziosi noto ormai da anni è bravissimo, la furbizia, l’aplomb e l’arte di recitare sono per lui un gioco da bambini. Si rigira sulla scena come un pesce in un acquario. Straordinaria Lunetta Savino anni trascorsi sulle scene che traspaiano dai suoi occhi brillanti, le sue movenze familiari ci fanno sentire a casa a noi napoletani, Carmine Recano un po’ scomodo nella pellicola, ci fa comunque tenerezza nella parte del parente bistrattato. Lo splendore, l’eleganza, lo charme di una Ilaria Occhini un po’ invecchiata per motivi scenici, ci fanno capire quanto la sua bravura di attrice abbia attinto dalla cultura, dai ricordi e dalle tradizioni di suo marito Dudù La Capria. È vero, sono molto fiero da napoletano di andare al cinema e ritrovarmi un po’ a casa tra questi bravi attori che recitano ancora con passione, con amore e con la grande arte dei napoletani. Un grazie enorme al bravo regista, a questi interpreti magnifici e a tutti gli altri che hanno dato una lezione, in questo film italo-napoletano, della grande arte della recitazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA







        Grazie alla preziosa ricerca di Gloria93 Very Happy brava!

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 21:36    Oggetto: ALESSANDRO PREZIOSI e 'Mine vaganti'='Loose Cannons' TRIBECA Rispondi citando



ha scritto:




SPECIALE/CINEMA/

      Mine vaganti ” colpiranno TRIBECA



di Samira Leglib - 21 aprile 2010

Dopo essere stato presentato in anteprima alla Sessantesima Berlinale in Febbraio e aver riscosso grande successo al botteghino italiano in Marzo, il film "Mine Vaganti" del regista turco-italiano Ferzan Ozpetek sarà in concorso al Tribeca Film Festival nella sezione World Narrative Feature Competition.

La nona edizione del festival patrocinato da Robert De Niro aprirà le porte al pubblico dal prossimo 21 Aprile fino al 2 Maggio (biglietti in vendita da domani, lunedì 19), il film di Ozpetek è l'unico italiano a partecipare. Oggi7 avrà la prossima settimana un'intervista col regista e con le attrici Elena Sofia Ricci e Lunetta Savino.
Fedele al format della commedia, meno melo e più all'italiana questa volta, Ferzan Ozpetek ci introduce a un'altra delle sue famiglie allargate, lo stesso modello familiare che ci ha insegnato ad apprezzare ne "Le Fate Ignoranti" (2001) e "Saturno Contro" (2007). La famiglia Cantone, padre, madre, tre figli, una nonna e una zia zitella, è una delle più rispettabili del Salento. Proprietari di un pastificio da generazioni, abitano una villa nella barocca e solare città di Lecce. Tommaso (Riccardo Scamarcio) è il minore dei due figli maschi e la famiglia lo crede a Roma alla facoltà di Economia e Commercio, laurea con cui potrà poi prendere le redini dell'azienda insieme al fratello Antonio (Alessandro Preziosi). Ma Tommaso ha tutt'altre ambizioni così quando il padre (Ennio Fantastichini) convoca una cena di famiglia per ufficializzare il passaggio dell'attività in mano ai figli, decide di confessare pubblicamente la sua omosessualità nella speranza di venire così estromesso dagli affari ed essere finalmente libero. Il colpo di scena arriva abbastanza presto nel plot con Antonio che, un momento prima che Tommaso riesca a prendere la parola, sgancia la prima mina e confessa a sua volta di essere gay. La reazione del capofamiglia è quella che tutti si aspettavano: caccia il figlio prima dal suo tetto e poi dall'azienda. Tommaso è ora il suo unico bene, il figliol prodigo che porterà avanti gli affari e salverà i Cantone dal disonore.

Ilare è la scena della "confessione" dove il regista si serve della telecamera per offrire una panoramica introspettiva della famiglia Cantone, una carrellata di personaggi ognuno unico nelle sue eccentricità: il padre Vincenzo irremovibile e fedifrago, la madre Stefania (Lunetta Savino) connivente e nevrotica, la zia zitella (Elena Sofia Ricci) che ogni notte apre la porta all'amante, la nonna (Ilaria Occhini) che ha sacrificato il vero amore per il buon nome. Quest'ultima incarna forse la vera anima della famiglia Cantone da e attraverso cui gli eventi hanno origine e tornano a ripetersi, seppure sotto svariate vesti. Ognuno ha la sua verità che va tenuta al riparo da occhi indiscreti, eppure tutti sono accumunati dall'incapacità di uscire allo scoperto e infrangere il perbenismo della mentalità provinciale. La regola non detta del "salvare le apparenze", sempre tenace nel Meridione e forse da qui la scelta di ambientare il film in Puglia, governa tutte le scene topiche del film e diventa parodia quando lo spettatore unisce le due facce della medaglia e vede fino a che punto, ancora nella società odierna, l'individuo non è un essere libero, né fuori né (soprattutto) in seno alla famiglia.

In un'intervista in occasione del Festival di Berlino Ferzan Ozpetek racconta di essersi ispirato a un fatto accaduto a un amico, ma poi sfodera tutte le sue arti nella costruzione di personaggi quasi letterari. La nonna ne è un esempio: come le eroine del Romanticismo ha vissuto una vita di finzione, tuttavia non rinuncia a diffondere il messaggio di condurre la propria vita come la si vuole e non lasciarsi condizionare da quello che gli altri vogliono.

Ozpetek sfrutta appieno i meccanismi della commedia coadiuvato da una colonna sonora (per cui sceglie Patty Pravo) che ritma le sfaccettature di questa saga familiare. Gag comiche, iperrealismi, risate, offrono in realtà spunti di riflessione. Se si pensava fosse un altro film sull'omosessualità maschile, questa è solo un pretesto per sollevare il tappeto di casa e mostrare la polvere che si nasconde al di sotto.




"Mine Vaganti" (110min)

Domenica 25 alle 4pm (Village East Cinema)
Lunedì 26 alle 7pm (Chelsea Clearview Cinema)
Martedì 27 alle 12pm (Chelsea Clearview Cinema)
Mercoledì 28 alle 6pm (Village East Cinema)
Sabato 1 Maggio alle 8pm (Village East Cinema)
Per maggiori informazioni consultare il sito del festival: www.tribecafilm.com








ha scritto:




Tribeca ‘10 | “Loose Cannons


Director Ferzan Ozpetek Keeps It All About the Family








by indieWIRE (April 20, 2010)

Tribeca director Ferzan Ozpetek’s “Loose Cannons,” screening in the World Narrative Feature Competition, is a playful take on family obligation and the possibility of being uprooted from comfortable surroundings.

Tommaso (Riccardo Scamarcio, “Eden Is West”) has a comfortable life in Rome as an aspiring writer and a steady relationship with his boyfriend Marco - a life he has kept secret from his family. So when he’s called back to his hometown of Lecce in Italy’s deep south to help run the family pasta business, he decides to finally reveal his homosexuality to his conservative family and hopefully get out of his business obligations in the process. But when his plans are thwarted by his brother, Tommaso gets stuck on the path that he was desperately trying to avoid.

Director Ferzan Ozpetek (“Facing Windows,” “A Perfect Day”) takes a playful approach to this family dramedy, matching a critique of provincial Southern values with an eccentric cast of characters that includes a philandering conservative father, a boozing aunt, a pair of disgruntled maids, and Tommaso’s bubbly friends. As each family member’s quirks slowly come to the surface, Ozpetek’s heartfelt film reveals that Tommaso isn’t the only one struggling to navigate between la bella figura (a good public image) and his true desires. [Synopsis courtesy of the Tribeca Film Festival]


Loose Cannons
World Narrative Feature Competition
Director: Ferzan Ozpetek
Primary Cast: Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Ennio Fantastichini, Lunetta Savino, Elena Sofia Ricci
Screenwriter: Ferzan Ozpetek, Ivan Cotroneo
Producer: Domenico Procacci
Editor: Patrizio Marone
Director of Photography: Maurizio Calvesi
Production Designer: Andrea Crisanti
Composer: Pasquale Catalano
110 min., Italy


[Editor’s Note: This is one interview in a series profiling directors whose films are screening at the 2010 Tribeca Film Festival.]

Director Ferzan Ozpetek on learning the filmmaking ropes in Italy and his inspiration on “Loose Cannons”...

I was born in Istanbul in Turkey but was drawn to Italy to study because of its rich cinematic tradition. I moved to Rome to study film in 1976 and had the great fortune to work as assistant director with many great filmmakers. I was fortunate that my first film “Hamam: The Turkish Bath” was shown at Cannes and became quite successful internationally, which allowed me to realize my other films, eight features so far.

A lot of my work deals with different angles on the concept of family, both the biological one you are born into and the one you build for yourself as you grow up. “Loose Cannons” began with an idea about something that actually happened to a friend of mine. It started off with a confession-revelation between two brothers, an event which almost destroyed my friend. “Loose Cannons” is a very personal film. I have dedicated it to my father who passed away some years ago, perhaps because after turning 51, I felt some kind of need to look back, to re-evaluate my relationship with my own parents and family that shares some aspects with the story I tell.

Ozpetek on how important location was to him in shooting his film…

Eight years ago I visited Lecce in Apulia for the first time and simply fell in love with it. There is a marvelous atmosphere in Lecce with the beauty of its architecture, the surrounding landscape and the excellent food, all of which chimed with the story. It is very rich in traditions, just like the family in the story, and the setting became almost an additional character.

Before starting the shoot, I wrote the screenplay with Ivan Cotroneo, who came to the set while I was filming in Apulia, and together we changed some dialogue and scenes according to the mood on the set. There were various modifications and rewrites as well as a fair amount of improvisation. I was lucky to have such a stellar cast of actors who I could sometimes tell to run with their scenes, and some of the funniest scenes are theirs as much as mine or Ivan’s.


And on what he hopes a U.S. audience will take away from the picture…

Most of my films were released in the U.S., and New York especially has always been very hospitable to my work. I hope the same holds for “Loose Cannons.” There is a specific Mediterranean atmosphere about the film that I hope the Tribeca audience will relate to. At the same time, its story is universal – everybody has a family, and everybody has to realize who they are in this context, positively, negatively, or ambiguously. And I hope people will laugh because even though it deals with serious issues, the film is about life’s absurdities, too. It is a true comedy of manners.

Ozpetek on his filmmaking sensibilities…

At the end of the first showing of the film, some people asked me whether it was modeled directly on classic Italian comedies such as those by Monicelli, Germi or Petri. For me it is naturally a great honor to be associated with these filmmakers. They are obviously filmmakers that have influenced me and my work and elements that are a part of my life. I grew up professionally with their works and the works of others in Italian cinema. So I am very proud to be mentioned alongside them even though any similarities are unintentional; I am not conscious of them when I am filming, just as I do not imitate the Turkish comedies I watched as a child. But these films are certainly a background that shaped my sensibilities.

And on what’s in store for the future…

I am still focussed on promoting the film. There are many projects I am looking into, but I haven’t really decided yet what will be next.







_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
pascale61



Registrato: 18/11/09 12:05
Messaggi: 3478
Residenza: Francia

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 21:44    Oggetto: Rispondi citando


Buona serata. Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
Adry



Registrato: 07/05/04 18:52
Messaggi: 3248
Residenza: provincia di Trapani

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 22:15    Oggetto: Re: ALESSANDRO PREZIOSI e 'Mine vaganti'='Loose Cannons' OZP Rispondi citando


genziana ha scritto:

ha scritto:




Vaghe stelle da film, mine vaganti partenopee



25/04/2010 - Paolo Colucci

Ma che piacere andare al cinema in questo periodo e scoprire che gran parte degli attori di uno dei film top dei botteghini sono napoletani.
«Mine vaganti», e perché non dire che le mine vaganti sono i nostri bravissimi attori Alessandro Preziosi, Lunetta Savino, Carmine Recano e la mitica Ilaria Occhini napoletanizzata dallo straordinario Dudù La Capria. Ferzan Ozpetek questa volta ha superato se stesso, il film è uno straordinario spaccato di vita provinciale. Alessandro Preziosi noto ormai da anni è bravissimo, la furbizia, l’aplomb e l’arte di recitare sono per lui un gioco da bambini. Si rigira sulla scena come un pesce in un acquario. Straordinaria Lunetta Savino anni trascorsi sulle scene che traspaiano dai suoi occhi brillanti, le sue movenze familiari ci fanno sentire a casa a noi napoletani, Carmine Recano un po’ scomodo nella pellicola, ci fa comunque tenerezza nella parte del parente bistrattato. Lo splendore, l’eleganza, lo charme di una Ilaria Occhini un po’ invecchiata per motivi scenici, ci fanno capire quanto la sua bravura di attrice abbia attinto dalla cultura, dai ricordi e dalle tradizioni di suo marito Dudù La Capria. È vero, sono molto fiero da napoletano di andare al cinema e ritrovarmi un po’ a casa tra questi bravi attori che recitano ancora con passione, con amore e con la grande arte dei napoletani. Un grazie enorme al bravo regista, a questi interpreti magnifici e a tutti gli altri che hanno dato una lezione, in questo film italo-napoletano, della grande arte della recitazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA







        Grazie alla preziosa ricerca di Gloria93 Very Happy brava!


che meravigliosa definizione di Ale!!!
grazie Giuly e grazie Gloria!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
cinzia76



Registrato: 10/07/08 16:50
Messaggi: 8414
Residenza: PROVINCIA DI VENEZIA

MessaggioInviato: Lun Apr 26, 2010 23:34    Oggetto: Rispondi citando


Concordo con te carissima Adry Very Happy Shocked !Bellissima la definizione usata per il nostro Capitano Laughing !
Grazie Giuly e Gloria Wink !

_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato
claudia_napoli



Registrato: 14/02/07 11:47
Messaggi: 11433
Residenza: Roma (ma 'tengo' il cuore napoletano)

MessaggioInviato: Mar Apr 27, 2010 01:41    Oggetto: Rispondi citando


Citazione:
Alessandro Preziosi noto ormai da anni è bravissimo, la furbizia, l’aplomb e l’arte di recitare sono per lui un gioco da bambini. Si rigira sulla scena come un pesce in un acquario.


BELLISSIMA CRITICA
E SOPRATTUTTO VERISSIMA!!!

GRANDISSIMO ALE E NOI FAN CHE LO SAPEVAMO GIA' DA TANTO TEMPO Wink

_________________


Con tutto l'oro del mondo non si può comprare il battito del cuore, nè un lampo di tenerezza-de Lamartine
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nenepdl



Registrato: 10/03/08 08:11
Messaggi: 4052
Residenza: PROVINCIA DI PADOVA

MessaggioInviato: Mar Apr 27, 2010 07:56    Oggetto: Rispondi citando


si rigira sulla scena come un pesce in un acquario...

Alessandro...sei grande!!!!! finalmente se ne stanno accorgendo Capitano..noi lo sapevamo già da molto tempo!!! un abbraccio!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Mar Apr 27, 2010 10:36    Oggetto: Firmiamo 5 X MILLE per ADRICESTA: Dichiarazione redditi 2010 Rispondi citando




      Compilando il Modello della Dichiarazione dei Redditi 2010

      nella scheda riservata alla destinazione del 5 X MILLE dona

      all'ADRICESTA questa quota dell'IRPEF [che già hai versato

      allo Stato] nessun esborso in più, ed abbinato all'8 X MILLE


      Arrow www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=6475







sostieni con noi progetti per l'Infanzia lungodegente, lo sviluppo della Ricerca Scientifica

e la conoscenza circa la Donazione di cellule staminali (non embrionali) e loro trapianto.




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 39, 40, 41 ... 48, 49, 50  Successivo
Pagina 40 di 50

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati