ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

ALE al Teatro VASCELLO-Roma-dopo FESTEGGIAMO suo compleanno
Vai a Precedente  1, 2, 3, ... 14, 15, 16  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
anticlaudia



Registrato: 19/11/09 09:46
Messaggi: 1531
Residenza: francavilla fontana (BR)

MessaggioInviato: Ven Mar 18, 2011 16:37    Oggetto: Rispondi citando


Che iniziativa meravigliosaaaaaaaaaaaaaaaaa......sarà un successone.......mi piacerebbe assistere a questo spettacolo.......magari in futuro ci saranno altre occasioni....in bocca la lupo,Ale!!!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy
_________________
ALE IO CREDO IN TE

...<Gli angeli vengono se tu li preghi,e quando arrivano ti guardano,ti sorridono e se ne vanno....per lasciarti un sogno lungo una notte ma che vale una vita...vivilo a fondo perchè lui non torna più!>...(T.F.)

Antonella
Top
Profilo Invia messaggio privato
Franca~



Registrato: 16/02/10 23:59
Messaggi: 311
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Mar 18, 2011 17:15    Oggetto: Rispondi citando


Prontissimi per assistere ad un'altra perfonmance teatrale sicuramente affascinante ed unica.....rivedere il nostro caro Alessandro a teatro non può che darci tanta carica!!
Very Happy Very Happy
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
@miri



Registrato: 09/02/11 17:27
Messaggi: 45
Residenza: Biella

MessaggioInviato: Ven Mar 18, 2011 23:37    Oggetto: Rispondi citando


Peccato non poter essere a Roma ..... ma tanti pensieri gioiosi a chi
fortunatamente potrà parteciparvi !!!!!!

Un grande in bocca al lupo al nostro Testimonial .... vai Alessandro !!!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dona



Registrato: 23/08/06 13:12
Messaggi: 365
Residenza: Toscana

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 09:26    Oggetto: Rispondi citando


Con grande sacrificio(soprattutto perchè il mattino dopo dovrò essere al lavoro a 250 km di distanza)ma con grandissima gioia , io ci sarò! Laughing
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Helena x



Registrato: 08/10/06 18:42
Messaggi: 7782

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 10:46    Oggetto: Ciao a tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!! Rispondi citando


Ciao a tutti!!!
Che belleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!
IO VADO A ROMAAAAAAAAAAAAAAAA!!!
Sono molto felice!!!
Ci vediamo a tutti a teatro!!!
Helena!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
anticlaudia



Registrato: 19/11/09 09:46
Messaggi: 1531
Residenza: francavilla fontana (BR)

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 11:42    Oggetto: Rispondi citando


Davvero HELENA???????? Shocked Shocked Shocked sono felicissima per te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy
_________________
ALE IO CREDO IN TE

...<Gli angeli vengono se tu li preghi,e quando arrivano ti guardano,ti sorridono e se ne vanno....per lasciarti un sogno lungo una notte ma che vale una vita...vivilo a fondo perchè lui non torna più!>...(T.F.)

Antonella
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 35528

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 17:52    Oggetto: 19 Marzo 2011 - FESTA DEI PAPA' - Auguri ALESSANDRO @->- Rispondi citando




          19 Marzo 2011 è Festa dei Papà!

          il forum festeggia genitori e figli








              A te, Papà sensibile e innamorato

              oggi e sempre un Augurio sincero

              dolce e tenero per Elena e Andrea

              Per te Alessandro, la Festa serena

              affettuosamente...piero e giuliana


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
^Gaia^



Registrato: 20/03/04 22:22
Messaggi: 5204

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 18:39    Oggetto: Rispondi citando


Bellissima iniziativa!!

Complimenti!!

Io purtroppo nn potrò esserci a Roma, anche se sarò li con il cuore!!

Però vorrei partecipare per il regalo!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Helena x



Registrato: 08/10/06 18:42
Messaggi: 7782

MessaggioInviato: Sab Mar 19, 2011 18:44    Oggetto: Rispondi citando


anticlaudia ha scritto:
Davvero HELENA???????? Shocked Shocked Shocked sono felicissima per te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Very Happy Very Happy Very Happy

Ciao Antonella!!!
Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!
E sono molto,molto feliceeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!
Grazieeeeeeeee!!!
Helena!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 35528

MessaggioInviato: Dom Mar 20, 2011 01:36    Oggetto: ROMA 18/4/11 T.VASCELLO Doppio Assoluto ALESSANDRO PREZIOSI Rispondi citando




      ......



      Lunedì 18 Aprile 2011 - ROMA - ore 21.00

      TEATRO VASCELLO : Sala Giancarlo Nanni

      3° "DOPPIO ASSOLUTO" protagonisti


      Alessandro Preziosi & Michele Rabbia

      LA DIVINA MIMESIS

      di Pier Paolo Pasolini


      LA VOCE INTORNO AL SUONO

"È un'idea che risale al 1963, ma finora non sono riuscito a trovare la chiave giusta. Volevo fare qualcosa di ribollente e magmatico, ne è uscito qualcosa di poetico anche se in prosa […] a un Inferno medioevale con le vecchie pene si contrappone un Inferno neocapitalistico. Ma siamo, per il momento, al "mezzo del cammin di nostra vita…" "opera, se mai ve ne fu da farsi, e, per mio strazio, così verde così verde, del verde di una volta, della mi joventud, nel mondaccio ingiallito della mia anima..." Il recital riflette, nel tema della rassegna (doppio assoluto), il rapporto metalinguistico tra Pasolini e Dante, come nel dialogo in scena tra parola e musica, e al tempo stesso indica un commento al testo dantesco, che per Pasolini è in effetti "mimesi" (o imitazione) della realtà e dei linguaggi che si adottano per rappresentare la vita, così che i testi circolano di continuo, aprendosi su orizzonti dell'opera imitata e dell'opera nuova che da quella scaturisce. Come Pasolini intraprende un suo "Inferno" in chiave dichiaratamente autobiografica sdoppiandosi in Dante e in Virgilio, così quindi la narrazione si sdoppia in parola e musica, paesaggio sonoro percussivo che ci accompagna nell'inesausto confronto con la letteratura e la realtà del nostro tempo. E come Dante, Pasolini è critico caustico del suo tempo, ma attualizza al presente il testo dantesco, immagina un viaggio nell'oltreterra, con una guida, che non è Gramsci o Rimbaud, che Pasolini sente come simili, o, ironicamente, Chaplin, ma comunque, come Virgilio, un poeta, ovvero Pasolini stesso, o meglio un doppio di se stesso: il "poeta civile" che Pasolini era negli anni Cinquanta , con la passione per il popolo, la storia, l'ideologia, il mito e lo stile. Il viaggio nell'Inferno è, in Pasolini, un viaggio nell'"Irrealtà" che non è fuori di noi. Al contrario, "altro luogo non è che il mondo" : un universo sociale percorso dal consumismo, dal crollo dei valori precipitati nella "volgarità" e nel "conformismo" e dalla tremenda fine degli ideali di "purezza", "altezza morale" e "onestà intellettuale". Una generazione politicamente e socialmente ridotta a "un'ombra, una sopravvivenza" che annovera tra i mali peggiori, sul piano esistenziale; l'ignavia e che risulta oggi di straordinaria attualità.

©KHORA.teatro 2011




Al Teatro Vascello, la rassegna DOPPIO ASSOLUTO prevede appuntamenti inediti in equilibrio fra voci e suoni, in cui sono protagonisti importanti autori ed interpreti della scena musicale e teatrale. DOPPIO ASSOLUTO è il luogo in cui l'attore incontra il musicista, in cui grandi artisti oltrepassano il loro specifico settore per condividere, confrontarsi e creare percorsi nuovi.



            ............


Il Teatro Il Vascello nasce nel 1989 dalla ristrutturazione del Cinema Vascello, costruito nel 1946. La nuova sala è concepita dall'arch. Costantino Dardi e da Giancarlo Nanni. E’ una struttura polivalente che permette il più ampio uso di soluzioni sceniche, teatro a "pianta centrale", "circolare", "a più piani", "all'italiana", con una gradinata per il pubblico di 400 posti, una parte della quale può essere retraibile eliminando 150 posti e ampliando lo spazio-palcoscenico di altri 6 metri di profondità. La sala regia corre al di sopra della gradinata e consente il passaggio sopraelevato sino alla zona retropalco alla quale si congiunge con due scale laterali. I camerini sono posti lungo la scena, lateralmente. La nuova sistemazione dell’ingresso, l'atrio e il foyer sono stati realizzati nel 1995 dagli architetti M.A. Di Martino e B. Agostinelli. [ da www.teatrovascello.it ]




    Per Sostenitrici e Sostenitori, Tessera 2011, posti in prima fila

    Come assistere allo spettacolo insieme all'ADRICESTA ONLUS!

    Come aderire ad una iniziativa preziosa con brindisi augurale!!


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nenepd



Registrato: 14/09/07 12:56
Messaggi: 2162
Residenza: PROVINCIA DI PADOVA

MessaggioInviato: Dom Mar 20, 2011 16:55    Oggetto: Rispondi citando


Carissimo forum!!! Che bella questa sorpresa che ho appena letto!!
Ale ritorna in teatro, dal vivo!!!! Auguro a tutte coloro che potranno assistere che possa essere una serata densa d'emozioni!!!

Io non ci sarò ma parteciperò sicuramente al regalo per il nostro Capitano!!!!

Ciao a tutti, vi abbraccio con affetto!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pattyFI



Registrato: 03/01/07 21:15
Messaggi: 3276
Residenza: PELAGO (FI)

MessaggioInviato: Dom Mar 20, 2011 19:56    Oggetto: Rispondi citando


In bocca al lupo Donatella...la Toscana e tuttei quelli che ammirano Ale e Vittoria e' ben rappresentata con te e con la ns.Helena Very Happy

Un saluto a tutte/i quelli che avranno la fortuna di partecipare a questa serata!
_________________
Donare un sorriso ad un bambino malato è un atto d'amore!



Io e te che facemmo invidia al mondo, avremmo vinto mai contro un miliardo di persone! [Mille giorni di te e di me]
C.Baglioni
Top
Profilo Invia messaggio privato
Helena x



Registrato: 08/10/06 18:42
Messaggi: 7782

MessaggioInviato: Dom Mar 20, 2011 21:23    Oggetto: Ciao ! Rispondi citando


Ciao "patty"!
Grazie milleeeeeeeeeeeeeeeeee!!! Wink
Sono molto feliceeeeee!!!
Perché vedere Alessandro Preziosi é grande la felicitá!!!
Ma devo studiare "PIERO PAOLO PASOLINI"!
Moltooooooooooooooooooooooo! Wink
"PER ALESSANDRO E VITTORIA TUTTO"!
Buona serata!
Helena!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
vity



Registrato: 20/06/09 10:26
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Dom Mar 20, 2011 22:31    Oggetto: Rispondi citando


io ci vengo perche voglio chiedere a alessandro di dirci la veritàuna volta tanto ci provo a venire per rispetto verso tutti quelli che gli vogliono bene per vederese lui ci dice che succede
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 35528

MessaggioInviato: Lun Mar 21, 2011 01:00    Oggetto: ROMA 18/4/2011 Doppio Assoluto LA DIVINA MIMESIS di PASOLINI Rispondi citando




Appunti sulla Divina mimesis di P. P. Pasolini . di Roberto Bertoni


La Divina mimesis risale al 1963-65, ma fu pubblicato nel 1975. Si tratta di un'opera incompleta: ne possediamo solo alcuni canti e appunti per altri canti.

Il titolo riflette un rapporto con Dante di tipo metalinguistico: mentre è modellato sul sintagma "La Divina Commedia", al tempo stesso indica un commento al testo dantesco, che per Pasolini è in effetti "mimesi" (o imitazione) della realtà e dei linguaggi che si adottano per rappresentare la vita.

Come "nel mezzo del cammin di nostra vita" della Commedia di Dante, nel Canto I di La Divina mimesis, "verso i quarant'anni" [DM, 6] Pasolini immagina un viaggio nell'oltreterra, con una guida, che non è Gramsci o Rimbaud, che Pasolini sente come simili, o, ironicamente, Chaplin [DM, 16], ma comunque, come Virgilio, un poeta, ovvero Pasolini stesso, o meglio un doppio di se stesso: il "poeta civile" che Pasolini era negli anni Cinquanta [DM, 6], con la passione per il popolo, la storia, l'ideologia, il mito e lo stile.

Il viaggio nell'Inferno e in due Paradisi (quello capitalista e quello comunista) è, in Pasolini, un viaggio nell'"Irrealtà" [DM, 35]. L'oltreterra di Pasolini, l'"Irrealtà", non è fuori di noi. Al contrario, "altro luogo non è che il mondo" [DM, 19] nell'epoca del neocapitalismo: un universo sociale percorso dal consumismo ("ognuno di noi [...] è la figura di un acquirente", DM, 42), dalla fine dei valori precipitati nella "volgarità" e nel "conformismo" [DM, 63] e dal crollo degli ideali di "purezza", "altezza morale" e "onestà intellettuale". La generazione di Pasolini è politicamente e socialmente ridotta a "un'ombra, una sopravvivenza" [DM, 13]. Tra i mali peggiori, sul piano esistenziale, per Pasolini c'è infatti l'ignavia [DM, 19]. C'è una crisi di identità: la vita privata è vissuta in isolamento con "la piaga di un dubbio, il dolore di una lacerazione [...] di cui gli altri hanno ragione di disinteressarsi" [DM, 15]; la gente "vive nella confusione" [DM, 35].

Negli aspetti appena citati si notano, rispetto all'ideologia di Pasolini, la disillusione nei confronti tanto del capitalismo quanto delle opposizioni tentate negli anni Cinquanta, e un riscontro dell'alienazione sociale e personale dell'Italia neoindustriale nata col miracolo economico.

Come Dante, Pasolini è critico caustico del suo tempo, ma attualizza al presente il testo dantesco; in parte lo imita nella suddivisione in Canti, in alcuni particolari elementi di lingua e di stile; ma poi se ne distacca, scegliendo non i versi in terzine (come aveva fatto in Le ceneri di Gramsci), bensì una prosa standard, che sembrerebbe tra l'altro contraddire il plurilinguismo difeso da Pasolini e da lui riscontrato anche in Dante. Sul piano linguistico, Pasolini anticipa i tempi, dichiarando, già fin dagli anni Sessanta, che il modello standard di italiano non è più quello letterario, bensì lo standard basato "sull'italiano parlato nel Nord, come lingua franca della seconda industrializzazzione": per questo scrive nella "'supposta' lingua nuova" caratterizzata soprattutto dalla "assoluta prevalenza della comunicatività sull'espressività" [DM, 59]. Sebbene diversa dalla lingua di Dante, e diversa dal plurilinguismo riscontrato da Pasolini in Dante, la lingua scelta da Pasolini dagli anni Sessanta in poi costituisce un'innovazione fondata su uno studio della realtà linguistica italiana: in tal senso il metodo di Pasolini non è dissimile da quello di Dante, che nel De Vulgari Eloquentia individuava le lingue parlate in Italia e ne costruiva una propria basata su quelle.

È visibile l'interesse di Pasolini per Dante non solo sul piano della critica alla società, ma anche su quello dell'autobiografia. La Commedia è narrata in prima persona e Dante fa riferimento a sé, in tal senso operando in parte entro il genere autobiografico; e l'ansia dell'influenza di Pasolini lo porta a staccarsi da Dante accentuando il discorso autobiografico (leggendo ad esempio Virgilio non come un altro da sé rispetto a Dante, ma come un alter ego: lo dimostra la scelta del Pasolini di un tempo come guida nell'oltreterra).

Mentre Pasolini imita Dante, se ne distacca; ma al tempo stesso La Divina mimesis costituisce indirettamente un commento a Dante: ce ne fa capire certi aspetti, ad esempio questo aspetto di autobiografia. Come sempre, nell'intertestualità, i testi circolano di continuo, aprendosi su orizzonti dell'opera imitata e dell'opera nuova che da quella scaturisce.

Nella Divina mimesis, a differenza che in Dante, c'è una tendenza laica, non religiosa; e sono accentuati gli aspetti politici, sociali e esistenziali. Il percorso teologico di Dante si trasforma inoltre in un percorso simbolico e psicologico. (L'aspetto psicologico è messo in evidenza da un richiamo all'Id, cioè l'inconscio secondo Freud, DM, 26).

Certe allegorie dantesche si trasformano in simboli in quanto in La Divina mimesis, al contrario che nella Commedia, sono spiegate, non lasciate implicite affinché il lettore le decifri secondo gli schemi che le contengono (siano essi teologali, filosofici, o di altro tipo). Ad esempio la lonza, il leone e la lupa: in Pasolini la lonza indica l'illusione, il leone "sonno, ferocia e egoismo" e la lupa lussuria [DM, 14-17].

In La Divina mimesis, al contrario che in Dante, le pene dei dannati non sono "spettacolari" perché, scrive Pasolini, "in questo luogo la sola pena è esserci" [DV, 50]. Questa è la punizione, non il contrappasso come in Dante.

In La Divina mimesis, è pronunciata una severa critica anche all'assenza di impegno degli intellettuali: i letterati sono all'Inferno, ma sono in qualche modo difesi gli scrittori anticonformisti che abbiano "l'altezza dello stile" e "la purezza della parola", perché è in questo modo, secondo Pasolini, che si manifesta l'impegno coincidente con una "testimonianza della realtà" [DV, 40]. Chi è colpevole, infatti, secondo Pasolini, è chi non si è ribellato: i conformisti, i politicanti, i corrotti.

Nalla Divina mimesis, il compito (laico) di redimere chi vive tra le pene del presente sembrerebbe affidato all'arte, a una ricerca di sé, e socialmente al perseguimento della verità, dicendola non "di nascosto", bensì apertamente [DV, 18].






      Nel testo sopra riportato: l'abbreviazione DM sta per LA DIVINA MIMESIS, Ed. Torino, Einaudi, 1975.
      Le cifre che seguono l'abbreviazione tra parentesi quadre indicano i riferimenti ai numeri di pagina del
      saggio. La recensione originale è pubblicata in www.pasolini.net/narrativa_divinamimesis_recens.htm


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, ... 14, 15, 16  Successivo
Pagina 2 di 16

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy