ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

IL MIO CYRANO
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 59, 60, 61 ... 196, 197, 198  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
chiara ale



Registrato: 22/10/06 18:27
Messaggi: 4605
Residenza: prov. Chieti

MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2012 20:12    Oggetto: Rispondi citando


      Grazie!
A te Genziana per la preziosa rassegna stampa: immagino il grande lavoro che ci sia dietro ma vale sicuramente la pena poter condividere articoli così belli come quello de Il Centro che ci regala una straordinaria storia di solidarietà e coraggio con protagonista il nostro Generale Carla, rendendo onore al lavoro che da anni spende a favore di iniziative solidali anche all'estero.

A Voi care adricestine e forumiste che ci avete reso partecipi delle vostre esperienze in teatro con Cyrano... siete una testimonianza forte e sensibile del successo artistico che sta riscuotendo Alessandro, e mi fa piacere scoprire l'interesse che alcune di voi mostrano nel momento in cui entrano a conoscenza per la prima volta dei progetti benefici soffermandosi con le care volontarie al desk... Wink

Continuiamo così!

Un abbraccio

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2012 20:47    Oggetto: 21/02/2012 CYRANO DE BERGERAC nel Teatro Comunale di ROVIGO Rispondi citando



        21 Febbraio • Teatro Sociale, ROVIGO





    da GiuRen Very Happy il desk benefico ADRICESTA ONLUS nel foyer

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
claudia_napoli



Registrato: 14/02/07 11:47
Messaggi: 11433
Residenza: Roma (ma 'tengo' il cuore napoletano)

MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2012 21:16    Oggetto: Rispondi citando


Può interessare in questo topic? Wink Wink


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


ROVIGO - TEATRO COMUNALE


GUARDATE CHE MERAVIGLIA QUESTO TEATRO!!!!!!!!






cenni storici


Il Teatro Sociale venne eretto fra il 1817 ed il 1819, rispecchiando la convinzione dell’epoca che considerava il melodramma come il genere di spettacolo meritevole della massima considerazione.
All’epoca della costruzione del Teatro Sociale, in questo genere di spettacolo, Rovigo aveva già una tradizione più che secolare. Il primo documento di un melodramma allestito a Rovigo risale al 1683: lo spettacolo fu ospitato nella sala della Loggia dei Notai, visto che il primo teatro in città venne edificato, per iniziativa di Celio Campagnella, nel 1694. A dispetto della relativa scarsità di popolazione e della oggettiva scarsità di ricchezza, il melodramma a Rovigo dovette incontrare un notevole favore, se presto in città divennero normali tre stagioni d’opera all’anno, la più importante delle quali si teneva in autunno, in coincidenza con la fiera.
Pochi anni dopo il Campagnella, fu costruito dai Manfredini un altro teatro più grande, passato poi ai Venezze e successivamente ai Roncale, il quale rimase attivo fino all’inizio del XIX sec., quando, risultando ormai insufficiente per il costante incremento di pubblico, fu deciso di costruire un terzo e più grande teatro.
Nel 1816 venne costituita la Società del Teatro che, nel luogo dove fino al 1809 sorgeva il piccolo convento di S. Maria dei Battuti demolito in seguito alla soppressione napoleonica, individuò l’area più adatta alla costruzione di un nuovo teatro. Il teatro si sarebbe trovato ubicato su una piazza, in quanto anche la chiesa di S. Giustina era stata abbattuta. Per il progetto la Società del Teatro si rivolse a Sante Baseggio. L’ingegnere rodigino vantava una certa esperienza nello specifico campo della progettazione teatrale, avendo restaurato il Teatro Roncale e partecipato al concorso per la Fenice di Venezia con un progetto che, pur non risultando vincitore, era stato tra i più apprezzati.
Baseggio elaborò un primo progetto che fra l’altro prevedeva due aperture ad arco ai lati del portico centrale, aperture destinate all’accesso delle carrozze. Ma parve più opportuno recuperare quegli spazi esterni ai servizi interni del teatro: fu quella la variante più significativa del secondo progetto rispetto al primo, ma anche numerosi dettagli vennero rivisti, conferendo all’insieme una maggiore vivacità complessiva.
Il Teatro della Società, questo il nome originale, aprì al pubblico, in senso assoluto, la sera del 3 marzo del 1819 con “L’ombra di Fetonte, ossia l’omaggio della riconoscenza rodigina” di Sante Campioni, in occasione della visita a Rovigo dell’Imperatore Francesco I d’Asburgo. L’inaugurazione ufficiale si tenne il 26 aprile 1819, all’avvio della prima stagione, con la rappresentazione “Adelaide di Borgogna”, appositamente composta da Pietro Generali, il musicista italiano allora considerato secondo solo a Rossini, ed interpretata da tre dei più famosi cantanti del momento, Violante Camporesi, Claudio Bonoldi e Giuseppe Fioravanti.
Il Teatro venne restaurato per la prima volta nel 1858, sotto la presidenza del cav. Antonio Gobbatti; i lavori riguardarono l’intero edificio, il palcoscenico, le decorazioni della sala, il riscaldamento e l’introduzione dell’illuminazione a gas.
Ma quello che vediamo oggi e che, illuminato a giorno, fa bella mostra di sè durante le stagioni liriche e di prosa, nobilitando la già bella Piazza Garibaldi, non è propriamente il Teatro costruito da Sante Baseggio. Un incendio, infatti, distrusse nella notte tra il 21 e 22 gennaio 1902 la bella sala del Baseggio, costruita prevalentemente di legno per le esigenze dell’acustica, e ciò che ne rimane sono solo la facciata ed il ridotto.

Il Teatro venne ricostruito in due anni. Il progetto, fornito dall’ingegnere padovano Daniele Donghi, mantenne la parte anteriore del precedente edificio, rimasta praticamente indenne, con la bella facciata neoclassica ed il fastoso foyer decorato con gradevoli pitture. Per la sala l’architetto sperimentò, fra i primi, l’uso del cemento armato per una destinazione così particolare; il risultato, dal punto di vista dell’acustica, fu senz’altro felice. Grazie alla decorazione del padovano Giovanni Vianello, semplice, elegante ed ottenuta principalmente con mezzi pittorici, il teatro rodigino è tra i primi del Veneto ad adottare i nuovi canoni dello stile liberty.
Il nuovo Teatro Sociale fu inaugurato da Pietro Mascagni, che vi diresse la propria “Iris” il 12 ottobre 1904 .
Ripresa dunque l’attività, il Teatro di Rovigo seppe tenere alto il prestigio conquistato, pur affrontando momenti di grave crisi. La scarsità delle risorse finanziarie impedì, in genere, di scritturare interpreti affermati, impegnando gli organizzatori ad individuare giovani sicuramente promettenti; per questi motivi il Sociale può vantare di aver tenuto a battesimo due dei maggiori cantanti del nostro secolo: Beniamino Gigli e Renata Tebaldi.
Nel corso degli anni l’evoluzione delle esigenze culturali rese sempre più impegnativo l’allestimento degli spettacoli, cosicché solo l’intervento pubblico poté garantire realizzazioni dignitose. Per questo il Teatro Sociale, inserito nel ristretto novero dei “Teatri lirici di tradizione” nel 1967, fu, alla fine, rilevato dall’Amministrazione Comunale che dal 1964 ad oggi, oltre a curarne il radicale restauro, provvede alla sua gestione diretta affidata all'Assessorato alla Cultura e Spettacolo.
Oggi, oltre alla stagione lirica e di balletto, il Sociale ospita un'affermata e seguitissima stagione di prosa, una stagione concertistica e numerose altre iniziative di spettacolo rivolte anche a favore dei giovani.
La collaborazione con consulenti di provata esperienza e di grande conoscenza dei singoli generi di spettacolo garantisce da sempre la qualità degli spettacoli sotto il profilo artistico.
_________________


Con tutto l'oro del mondo non si può comprare il battito del cuore, nè un lampo di tenerezza-de Lamartine


L'ultima modifica di claudia_napoli il Gio Feb 23, 2012 11:19, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Marilina



Registrato: 25/11/11 16:51
Messaggi: 3582
Residenza: OLBIA

MessaggioInviato: Mar Feb 21, 2012 21:22    Oggetto: Rispondi citando


Shocked i teatri sono uno piu' bello dell'altro.. viene voglia di visitarli tutti!!!
Grazie Claudia!!

Giuren in bocca al lupo per il desk Very Happy
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 00:46    Oggetto: 21/02/2012 CYRANO DE BERGERAC Teatro Sociale Comunale ROVIGO Rispondi citando



ha scritto:



ROVIGO Il Cyrano con Preziosi al Teatro Sociale
    Il romantico Preziosi è Cyrano de Bergerac


Rovigo, 21 febbraio 2012 - Da non perdere, questa sera alle 21, sul palcoscenico del Teatro Sociale di Rovigo, la nuovissima edizione di «Cyrano de Bergerac», la «commedia eroica» alla quale il fragile ed eccitabile Edmond Rostand ha affidato la sua sopravvivenza di drammaturgo. Nella triplice veste di produttore (con Tommaso Mattei che ne ha curato traduzione e adattamento del testo), regista e protagonista Alessandro Preziosi, che molto ha puntato su un alleggerimento e uno svecchiamento di questa commedia celeberrima su cui si è posata troppa polvere. Era stato l’attore Benoit Constant Coquelin detto l’ainé ad aprire la mente e il cuore dello scrittore poco meno che trentenne su quel poeta bizzarro e cesellatore, polemista imbattibile, filosofo innovatore, scrittore di fantascienza e spadaccino che era vissuto fragorosamente nella prima metà del Seicento.

E quasi per paradosso la celebrità postuma di Cyrano de Bergerac non è frutto dei versi e dei libri, delle burle e dei viaggi sulla luna, ma di quel suo formidabile naso, che, nella commedia di Rostand, troneggia dall’inizio alla fine, patetico e offensivo, intellettuale e schermidore, curioso e schizzinoso. Andata in scena il 28 dicembre 1897 al Théâtre de la Porte Saint-Martin di Parigi, la commedia riportò un successo che sopravvisse al delicato e permaloso Edmond Rostand che, come tanti e in pochi giorni, venne stroncato nel 1918 dall’epidemia di febbre «spagnola».

La vicenda è nota ed è l’eterna storia dei «male amati»: Cyrano ama Rossana, che a sua volta ama Cristiano, che però non è in grado di apprezzare l’affetto sublime della fanciulla. Intorno a questo scombinato triangolo, Rostand intesse genialmente tutta una trama di piccoli eventi che servono soprattutto a delineare il carattere del protagonista e l’aticipità della sua presenza sulla scena del mondo e del teatro. Il tutto in calibratissimi versi in rima baciata che diventano brividi cromatici sulle cose e sulle parole, con il passato che ritorna come «il tempo delle more amarognole» e con la luna «opalina», che nei recessi della notte trasforma i personaggi in un nero mantello. E ogni volta che Cyrano torna in scena si ripete il miracolo e la follia di un teatro che scommette sulla parola tutta la sua lunga storia.

La nuova versione scenica curata da Alessandro Preziosi, come si diceva, alleggerisce il testo e anche il protagonista della commedia, operando subito un ridimensionamento del naso, che viene riportato alla normalità, per puntare piuttosto a una ben calcolata miscela di ironia e sentimento, impudenza e patetismo. In scena, accanto a Preziosi, Valentina Cenni, Benjamin Stender, Massimo Zordan.
Le scene sono di Andrea Taddei e i costumi di Alessandro Lai.

Sergio Garbato




IL RESTO DEL CARLINO - Ediz. Rovigo - 21 febbraio 2012






        21 Febbraio • Teatro Sociale, ROVIGO

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nenepdl



Registrato: 10/03/08 08:11
Messaggi: 4052
Residenza: PROVINCIA DI PADOVA

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 08:15    Oggetto: Rispondi citando


Grazie di cuore a tutte/i voi!
...per i resoconti...
...per le foto...
...per i desk e il vostro impegno costante...
...per le emozioni...
...per la condivisione...


Si avvicina la "mia" data di Mestre e sapere che Ale è in terra veneta già mi riempie di emozione!!! A presto Capitano!!!
A presto ragazze!!!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
mari27



Registrato: 17/06/04 17:49
Messaggi: 6094

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 14:12    Oggetto: Rispondi citando


-


Un tour ........senza respiro!
Il Cyrano domenica a Firenze, ieri a Rovigo,
da oggi al 26 a Mestre.

Spesso mi chiedo... chissà che tourbillon di emozioni,
di sensazioni, di visi, di voci, di colori e di fatica!.......
....ne ricavate voi attori da queste esperienze!
.......chissà com'è la realtà vista con i vostri occhi in questi giorni?
com'è la prospettiva vista dalla parte del palcoscenico?
Vi auguro le migliori emozioni!!



Top
Profilo Invia messaggio privato
Marilina



Registrato: 25/11/11 16:51
Messaggi: 3582
Residenza: OLBIA

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 14:41    Oggetto: Rispondi citando


Shocked mary hai proprio ragione...
fare l'attore di teatro non è una passeggiata... come dice Ale, il teatro è fatica...

un saluto a chi farà il desk stasera soprattutto a Cinzia che lo fa per la prima volta Very Happy
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 15:00    Oggetto: Da 22 a 26/2/12 'CYRANO' - Teatro Sociale Toniolo MESTRE \VE Rispondi citando


ha scritto:



    CYRANO DE BERGERAC di Edmond Rostand


    Diretto ed interpretato da: Alessandro Preziosi


...............



traduzione e adattamento: Tommaso Mattei
scene: Andrea Taddei
costumi: Alessandro Lai
musiche: Andrea Farri
luci: Valerio Tiberi
collaborazione artistica e movimenti scenici: Nicolaj Karpov

personaggi ed interpreti:

CYRANO DE BERGERAC Alessandro Preziosi
CRISTIANO Benjamin Stender
ROSSANA Valentina Cenni
DE GUICHE Massimo Zordan
LE BRET Emiliano Masala
REGENAU-VALVERT Marco Canuto *
LIGNERE-CADETTO Giuseppe Tosti *
MOSCHETTIERE CADETTO Francesco Civile *
CUOCO-CADETTO Gianni Rossi *
MOSCHETTIERE CADETTO Salvatore Cuomo *
DAMA-SUORA Sara Borghi *
MONTFLEURY-LISA-SUORA Natasha Truden *
RAGAZZO-SUORA Giannina Raspini *
VENDITRICE-CADETTO-SUORA Bianca Pugno Vanoni *
* allievi di Link Academy Roma

Produzione: TEATRO STABILE D'ABRUZZO e KHORA.TEATRO




il trailer dello spettacolo: www.teatrailer.it/spettacoli/cyrano-de-bergerac?cities=Venezia

la recensione:
Edoardo, 21 febbraio 2012




Alessandro Preziosi debutta nella regia teatrale con una versione del celebre Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand. Un'opera lunga e complessa da mettere in scena, che nella sua veste originaria richiede un gran numero di personaggi, elaborate scenografie, costumi sontuosi e perfino una scena di battaglia. Rostand la scrisse nel 1897 durante un periodo di grande depressione, ottenendo fin da subito un grande successo per il fatto di riportare in auge un romanticismo e un'epica del passato in una Parigi eccitata dalla scoperta del cinematografo e scossa dai germi dell'antisemitismo emersi con lo scandalo dell'Affair Dreyfus.

Ispirandosi liberamente alla vita di un poeta-soldato della prima metà del Seicento, Rostand racconta in versi alessandrini le gesta di un abilissimo spadaccino e straordinario poeta dal naso aquilino, noto in tutta la Guascogna tanto per la velocità della sua lingua che per quella della sua spada. Cyrano ha un carattere facilmente irascibile, che lo porta a scontrarsi e a umiliare con la spada e con gli scherni tutti quei malcapitati che hanno la sfortuna di prenderlo in giro per il suo naso e il suo aspetto grottesco. La sua unica debolezza si chiama Rossana, la bellissima cugina che è al centro dei pensieri e delle poesie dello scontroso soldato. Rossana è tuttavia innamorata del bel Cristiano, giovane e inesperto cadetto poco incline a esprimere i suoi sentimenti in rima. Per amore di Rossana, Cyrano guarda le spalle a Cristiano e compone per lui versi di corteggiamento, vivendo nell'ombra e nel riflesso dell'amico l'amore per la sua bella.

La storia è un meraviglioso insieme di avventura, farsa, romanticismo e amicizia virile, nello spirito dei poemi epici d'ispirazione classica e del teatro comico moderno di Feydeau. Dopo essere stato impersonato da Gérard Depardieu al cinema e da attori come Gigi Proietti, Franco Branciaroli e Massimo Popolizio in teatro, Cyrano trova una nuova curiosa impersonificazione in uno dei belli dello spettacolo di oggi: Alessandro Preziosi. L'attore, assieme alla sua compagnia KHORA.teatro, ha deciso di debuttare come regista interpretando il “brutto” protagonista di Rostand. Nelle sue mani e nella sua persona, Cyrano diventa una commedia in costume, dove i versi in rime alessandrine vengono trasformati in una prosa fresca e vivace, desiderosa di interpretare tutto lo spirito epico e romantico dell'opera francese, più che di darne un'interpretazione filologica. Grazie alla collaborazione artistica di Nikolaj Karpov, studioso di Stanislavskij e Mejerchol'd, la dimensione immaginaria e distante del mondo letterario di Rostand acquisisce una visione moderna grazie all'energia propagata dai numerosi attori.

Lo spettacolo è in tournée dall'inizio del 2012 e attraversa un po' tutta l'Italia fino alla fine della primavera. Fra le tappe del viaggio di Cyrano, anche il Teatro Nuovo di Milano (6-18 marzo), il Bellini di Napoli (17-22 aprile) e il Teatro Stabile d'Abruzzo (26-27 aprile), dove Preziosi è “padrone di casa” da qualche mese.








Dal 22 al 26 febbraio, Teatro Sociale Toniolo, MESTRE

il desk ADRICESTA ci accoglierà nel foyer, ogni giorno



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
cinzia76



Registrato: 10/07/08 16:50
Messaggi: 8414
Residenza: PROVINCIA DI VENEZIA

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 15:40    Oggetto: Rispondi citando


Marilina ha scritto:
Shocked mary hai proprio ragione...
fare l'attore di teatro non è una passeggiata... come dice Ale, il teatro è fatica...

un saluto a chi farà il desk stasera soprattutto a Cinzia che lo fa per la prima volta Very Happy


Grazie cara Marili' cara Wink !
_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 33074

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 16:45    Oggetto: Da 22 a 26/2/12 'CYRANO' - Teatro Sociale Toniolo MESTRE \VE Rispondi citando



ha scritto:



    Alessandro Preziosi è Cyrano de Bergerac
    al Toniolo di Mestre


Mestre (VE) - La Stagione di Prosa del Teatro Toniolo di Mestre, riserva un sussulto d'eccezione, presentando dal 22 al 26 febbraio 2012, Cyrano de Bergerac, il dramma post-romantico per eccellenza, vera summa delle potenzialità espressive nella sfera dei sentimenti e delle passioni umane, interpretato e diretto da Alessandro Preziosi.

Cyrano de Bergerac è uno dei personaggi più conosciuti e amati del teatro di tutti i tempi. La sua geniale temerarietà, la drammaticità della sua fiera esistenza, vissuta pericolosamente all'insegna del non piegarsi mai alla mediocrità e alle convenienze, costi quel che costi, ne fanno un autentico eroe romantico e al contempo un personaggio straordinariamente moderno. Banco di prova interpretativo assoluto, quindi, per un attore di grande talento che non teme confronti con i "giganti" della scena cui Cyrano ha legato voce e movenze, nel suo tragitto ultracentenario per i teatri di tutto il mondo...

La celebre commedia teatrale in cinque atti, pubblicata nel 1897 dal poeta drammatico francese Edmond Rostand (1868-1918) e ispirata alla figura storica di Savinien Cyrano de Bergerac, uno dei più estrosi scrittori del seicento francese, precursore della letteratura fantascientifica ebbe già dalla prima rappresentazione, un eccezionale trionfo di pubblico e critica che salutò questo dramma post-romantico come una vera e propria summa delle potenzialità espressive nella sfera dei sentimenti e delle passioni umane.
L'opera di Rostand è stata tradotta, adattata e interpretata innumerevoli volte: Cyrano è uno dei personaggi più conosciuti e amati del teatro. La sua geniale temerarietà, la drammaticità della sua fiera esistenza, vissuta pericolosamente all'insegna del non piegarsi mai alla mediocrità e alle convenienze, costi quel che costi, ne fanno un autentico eroe romantico e al contempo un personaggio straordinariamente moderno.

La vicenda in breve racconta di Cyrano de Bergerac, cadetto di Guascogna, ammiratore temuto per la sua infallibile spada e per i suoi motti spiritosi e taglienti, che essendo afflitto da un naso mostruoso, non ha il coraggio di manifestare alla cugina Rossana il suo amore per lei. Costei, ignara dei sentimenti del cugino, lo prega di prendere sotto la sua protezione il giovane Cristiano de Neuvillette del quale è innamorata. Poiché questi non riesce a esprimere in belle frasi il suo sentimento, Cyrano gliele suggerisce e fa in modo che Cristiano possa sposare Rossana a dispetto del Conte De Guiche innamorato della donna. Questi, adirato, trasferisce subito Cristiano e Cyrano al fronte per combattere: da qui, de Bergerac, a nome di Cristiano, scrive numerose lettere d’appassionata poesia per Rossana mantenendo sempre per sé questo segreto anche quando il giovane muore combattendo. Solo al termine della propria vita, trascorsi molti anni, Cyrano, seppur involontariamente, confesserà all’amata il suo sentimento, ma quando lei ricambierà sarà ormai troppo tardi.

La traduzione scelta è quella della ormai classica in versi martelliani di Mario Giobbe, cruciale in memorabili allestimenti come quello di Gino Cervi del 1953.
Nell’allestimento di Khora.teatro lo scontroso spadaccino, dal mostruoso naso, anche se ogni allusione metaforica pare essere scomparsa, o quantomeno relegata nella fase di costruzione del personaggio, è interpretato da Alessandro Preziosi, reduce dai successi televisivi e cinematografici, ma soprattutto dal percorso intrapreso con Amleto, che raccoglie la sfida tutta teatrale di mettere in scena lo scrittore e poeta perennemente in bolletta dall'irresistibile e vitale creatività, che ama mettere in ridicolo i suoi nemici con la straordinaria abilità della spada, leggendaria almeno quanto la lingua, tutta giocata tra trovate comiche e i giochi di parole, pur raggiungendo tra le vette più alte della poesia ottocentesca.
La produzione oltre che dallo stesso Alessandro Preziosi, come in tutti gli allestimenti di Khora.teatro è curata da Aldo Allegrini e Tommaso Mattei.


Stagione Teatrale 2011-2012 Io Sono Teatro 2011/12

Dal 22 al 26 febbraio 2012:
Dal 22 al 25 febbraio alle ore 21.00.
Giovedì 23 febbraio anche alle 16.30.
Domenica 26 febbraio alle ore 16.30

Teatro Toniolo, P.tta Cesare Battisti, 1 - Mestre (VE)

Cyrano de Bergerac

da Edmond Rostand

Regia di Alessandro Preziosi

Con Alessandro Preziosi, Valentina Cenni, Massimo Zordan, Emilano Masala, Marco Canuto, Benjamin Stender, Sara Borghi, Francesco Civile, Salvatore Cuomo, Giannina Raspini, Gianni Rossi, Bianca Pugno Vanoni, Giuseppe Tosti, Natasha Truden

Regia: Alessandro Preziosi
Scene: Andrea Taddei
Costumi: Alessandro Lai
Musiche: Andrea Farri
Luci: Valerio Tiberi
Collaborazione artistica e movimenti scenici: Nikolaj Karpov
Una produzione KHORA.teatro in coproduzione con TSA

Info: Tel. 041 3969220/230 ; www.culturaspettacolovenezia.it/toniolo







Dal 22 al 26 febbraio, Teatro Sociale Toniolo, MESTRE

il desk ADRICESTA ci accoglierà nel foyer, ogni giorno



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mari27



Registrato: 17/06/04 17:49
Messaggi: 6094

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 17:00    Oggetto: Rispondi citando


cinzia76 ha scritto:
Marilina ha scritto:
Shocked mary hai proprio ragione...
fare l'attore di teatro non è una passeggiata... come dice Ale, il teatro è fatica...

un saluto a chi farà il desk stasera soprattutto a Cinzia che lo fa per la prima volta Very Happy


Grazie cara Marili' cara Wink !




In bocca al lupo, Cinzia!!


***
Top
Profilo Invia messaggio privato
Antonietta68



Registrato: 03/04/07 09:43
Messaggi: 2380
Residenza: S.Maria C. V. CASERTA

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 18:19    Oggetto: Rispondi citando


Stasera,per la prima volta,la nostra cara Cinzia sarà al desk!In bocca al lupo tesò!
Approfitto per ringraziare Carla e tutte le volontarie che hanno accolto noi forumiste alla prova del desk,non facile quanto si creda ma neanche impossibile!
In bocca al lupo al capitano e a tutta la compagnia.

_________________







"LE MANI CHE AIUTANO SONO PIù SACRE DELLE BOCCHE CHE PREGANO"
Top
Profilo Invia messaggio privato
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3598
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 20:07    Oggetto: Cyrano a Mestre Rispondi citando


In bocca al lupo Cinziaaaaaaaaaaaaaaa!!! Smile Smile

In bocca al lupo al nostro Capitano/Cyrano!!!! Very Happy Very Happy

E' bellissimo il teatro!!!!

ciaooooooooo Smile Smile

Ciao Giuren Smile Smile
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
franca3



Registrato: 20/02/10 20:06
Messaggi: 567

MessaggioInviato: Mer Feb 22, 2012 21:15    Oggetto: Rispondi citando


Alessandro ...


pensa pure alla tua salute!..

se potessi..

ti farei mangiare tutti i giorni cibo buono e nutriente quattro volte al giorno, ti farei vestire con abiti adatti al clima, ti farei dormire otto ore al giorno, ti farei lavorare in teatro un giorno si e uno no per non farti stancare molto, ti farei trovare tutti i giorni tanti pupazzetti simpatici per farti sorridere e poi tante tante coccole...

Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 59, 60, 61 ... 196, 197, 198  Successivo
Pagina 60 di 198

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati