ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

18/03/12 MILANO Serata Benefica con ALESSANDRO per ADRICESTA
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Lun Apr 02, 2012 00:41    Oggetto: 18/03/12 MILANO Serata x UN SOGNO IN CORSIA: fotografie (11) Rispondi citando










        .........





        .........



        .........

















    il messaggio di Carla, Presidente di ADRICESTA

    i resoconti di Volontarie e Sostenitori intervenuti

    i commenti degli utenti per "Un Sogno In Corsia"

Very Happy www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7556&start=75

    fotografie in esclusiva per il Forum di Alessandro

_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Adry



Registrato: 07/05/04 18:52
Messaggi: 3256
Residenza: provincia di Trapani

MessaggioInviato: Mer Apr 04, 2012 23:41    Oggetto: Rispondi citando


ho saputo che pure Antonello era presente alla serata.Come mai nelle foto non è presente così come Claudia e le altre volontarie? E' solo una semplice curiosità, niente di che
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Gio Apr 05, 2012 11:33    Oggetto: 18/03/12 MILANO Serata per UN SOGNO IN CORSIA con ALE/Cyrano Rispondi citando



    ADRICESTA ONLUS • 8° anno dell'Associazione

    Domenica 18 Marzo 2012 - ore 20.00 - MILANO

    Serata di Solidarietà per UN SOGNO In CORSIA


ha scritto:

      UN GOL per I BAMBINI IN DIFFICOLTÀ


di Roberta Beta

Che a Milano girino più soldi che nel resto d’italia è assodato, è bello vedere che i milanesi sono anche molto generosi soprattutto quando si parla di Beneficenza. A Roma le persone preferiscono apparire agli eventi “charity” e aspirano ad essere invitati piuttosto che tirare fuori i soldi di tasca propria. Naturalmente questo non vale per tutti ma la capitale industriale è decisamente diversa. Pochi giorni fa, in un nuovo albergo di via Santa Sofia, e cioè il modernissimo Uptown Hotel, si è tenuta una Cena per raccogliere fondi a favore di un Progetto legato ai Bambini ricoverati nei Reparti di Oncoematologia di tutti gli Ospedali d’Italia.
Si tratta di “Un Sogno in Corsia”, progetto voluto da ADRICESTA ONLUS, associazione presieduta da Carla Panzino il cui testimonial è l’attore Alessandro Preziosi. Lo scopo di Un Sogno in Corsia è quello di realizzare i Sogni dei piccoli degenti ai quali si cerca di dare un sollievo nonostante il lungo isolamento al quale sono sottoposti a causa dei rischi che la loro malattia procura. Oltre a Preziosi sono tanti i personaggi che partecipano agli eventi realizzati dall’associazione. Tra loro ci sono Paolo Maldini, Francesco Totti e personaggi dello spettacolo come Daniele Pecci e Manuel Casella che hanno contribuito all’esaudirsi di tanti desideri con ausilio delle Forze dell’Ordine quali la Capitaneria di Porto di Pescara, la Guardia di Finanza e l’Arma dei Carabinieri. A Milano, domenica scorsa, grazia all’aiuto di Adriana e Paolo Maldini sono stati raccolti 22.000 euro in una serata. Il momento clou è stata l’asta: sono state battute tre maglie del Milan autografate da Ibrahimovic, che ha scatenato una vera lotta per l’accaparramento ma soprattutto la maglia di Silva che è andata al miglior offerente per 2.000 euro. Paolo Maldini voleva acquistare la maglia del capitano dell’Inter, Javier Zanetti, autografata da tutta la squadra, grande spirito sportivo quindi, che però è stato superato dall’offerta di un interista doc.
La Solidarietà si è vista negli occhi gioiosi e stanchi di tutti presenti a partire da un Alessandro Preziosi appena giunto dal Teatro Nuovo dove ha concluso la tappa milanese del suo Cyrano. Ale era stravolto ma si è lasciato trascinare dall’entusiasmo. Niente arie da divo per lui e neppure per Maldini, lo storico capitano del Milan in pensione nonostante la giovane età, ma solo tanta voglia di stare insieme per una buona causa. Tra tanti personaggi in vista che sembrano spendere la loro vita tra gozzovigli e dissolutezze, per fortuna, ce ne sono altrettanti che vivono la loro condizione di privilegiati con spirito di coscienza e che esprimono la gratitudine per il benessere ricevuto donandosi agli altri senza reticenze, specialmente quando si parla di bambini: quelle piccole creature che dovrebbero essere il nostro futuro e che invece vivono troppo poco anche se lasciano il segno nel cuore di tutti noi.

Venerdì, 23 marzo 2012
- IO spio - pag. 19





_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Lun Apr 09, 2012 00:37    Oggetto: 18/03/12 MILANO Serata per UN SOGNO IN CORSIA con ALE/Cyrano Rispondi citando



    ADRICESTA ONLUS • 8° anno dell'Associazione

    Domenica 18 Marzo 2012 - ore 20.00 - MILANO

    Serata di Solidarietà per UN SOGNO In CORSIA


      . in compagnia di ALESSANDRO PREZIOSI

      . con il cast del " CYRANO DE BERGERAC "


ha scritto:


      Assegno da 22 mila euro per Adricesta


    Serata di Solidarietà con Preziosi e la famiglia Maldini i fondi
    utilizzati per promuovere il Progetto “ Un Sogno In Corsia ”


PESCARA. Un assegno da 22 mila euro per l'ADRICESTA, l'Associazione di Carla Panzino che da anni si batte per promuovere progetti a favore dei bambini ospedalizzati e per sostenere l’assistenza sanitaria pubblica. I fondi sono stati raccolti in una serata a Milano in occasione della tournée del Cyrano de Bergerac con l’attore Alessandro Preziosi. Al Progetto intitolato "Un Sogno In Corsia" per realizzare i sogni dei bambini ospedalizzati hanno partecipato lo storico capitano del Milan Paolo Maldini e la moglie Adriana, il protettore delle serate milanesi dell'ADRICESTA Angelo, Roberta Beta e tanti personaggi dello spettacolo. Per la serata per raccogliere fondi sono stati chiamati a raccolta tutti gli amici lombardi dell'Associazione. "Speravamo che fossero una sessantina", raccontano, "e invece siamo arrivati a 120 rinunciando perfino ad altre adesioni poiché era il limite massimo del ristorante". La tenacia di Preziosi, grande promotore di solidarietà per ADRICESTA, la forza della famiglia Maldini determinata a raccogliere sempre più fondi per "Un Sogno In Corsia", il lavoro frenetico di tutte le volontarie e il sostegno della Sweet Years hanno permesso un risultato entusiasmante. Dopo la proiezione del video-spot del progetto, è iniziata la serata condotta da Beta in cui è stata organizzata un'asta di maglie dei campioni come Ibrahimovic, Silva e Zanetti. All'asta è andato anche il pallone del Milan. Alla serata sono intervenuti, i Leo Club Ib3 (giovani Lions) che hanno donato 6.500 euro per il progetto. Inoltre, l'organizzatrice del galà di Pavia ha consegnato l'assegno di 4.700 euro per la manifestazione con la Polizia di Stato e la Questura di Pavia. I responsabili di una nota azienda telefonica hanno confermato che sosterranno il Progetto "Un Buco Nel Muro" al San Matteo di Pavia e all'Umberto I Roma fornendo l'utenza gratis. Tanti, quindi, i benefattori fidelizzati in anni di serio volontariato che hanno posto l'Associazione ai primi posti della regione con la certezza che ADRICESTA si fonda su criteri di efficacia ed efficienza ed è improntata ai valori di trasparenza, accessibilità e affidabilità. I progetti si basano sull'operato di una forte motivazione volontaristica. Il volontariato è una componente importante di ADRICESTA: i volontari svolgono un ruolo fondamentale nell'opera di informazione e di sensibilizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



    IL CENTRO - Domenica 8 aprile 2012 - Pagina 6 - PESCARA




_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Mar Mag 08, 2012 14:06    Oggetto: febbraio 2012 - DOSSIER MEDICINA intervista teatro/ADRICESTA Rispondi citando



ha scritto:



              Copertina

              Alessandro Preziosi

              il teatro nel sangue
              i bambini nel cuore


Trentotto anni, due figlie, origini napoletane ed uno spiccato senso artistico che, circa vent’anni fa, lo ha strappato ad una promettente carriera forense, all’inseguimento di una passione, quella per il suo lavoro, che oggi ama terribilmente ed incondizionatamente. Già acclamatissimo da pubblico e critica come attore del piccolo e grande schermo, troviamo ora Alessandro Preziosi impegnato in una tournée teatrale come regista ed interprete di Cyrano De Bergerac, la celeberrima commedia di Edmond Rostand, meraviglioso mix di romanticismo, ironia ed esilarante comicità.




Di Alessia Addari (Direttore Responsabile)
Febbraio 2012

Figlio di avvocati. Laureato con 110 e lode in giurisprudenza, frequenti poi l’Accademia dei Filodrammatici a Milano. Quale il motivo di questa inconsueta “inversione di marcia” nella tua vita?
Non è affatto facile ricostruire i motivi di certe scelte, soprattutto quando queste avvengono sulla base di certe frustrazioni o aspirazioni trattenute. Il mio caso è un po’ una combinazione delle due: la voglia di tenermi libero ed allo stesso tempo non sapere come gestire questa libertà, intesa soprattutto come possibilità di agire indipendentemente da una struttura che ti sovrasta, sia familiare che lavorativa. Quando ho scelto avevo ventiquattro anni, laureato in legge e già praticante da un anno in uno studio di avvocatura civile. In questa occasione ho avuto la grande fortuna di trovare una passione, un terreno fertile per il mio entusiasmo per la vita e la mia visione delle cose, così aerea, astratta e velleitaria. Ed è proprio su questa velleitarietà, poi diventata una professione, che ho trovato la mia dimensione, attraverso una disciplina nel creare un vero e proprio lavoro, sia attraverso il teatro che il cinema e la televisione.

Recentissima la tua nomina a Direttore Artistico del Teatro Stabile d’Abruzzo. Un grande impegno, soprattutto in una realtà, come quella della nostra Regione, afflitta ultimamente da una profonda crisi culturale e bisognosa di nuovo slancio e spessore artistico. Sono già al vaglio progetti ed iniziative in tal senso?
Assolutamente si. Il primo e fondamentale progetto riguarda una vera e propria riprogrammazione della stagione teatrale, che vivrà attraverso una circuitazione non più legata al solo Teatro Comunale de L’Aquila, ma anche agli altri Teatri di Chieti, Pescara e Teramo, con un coinvolgimento, dunque, dell’intera Regione. La nuova distribuzione sarà relativa sia a spettacoli di debutto nazionale prodotti dal Teatro Stabile de L’Aquila, sia a spettacoli ospitati da questo stesso.
Proprio a proposito di produzioni, mia intenzione sarebbe quella di mettere in scena testi di autori ancora in vita, drammaturgie moderne e soprattutto italiane, coinvolgendo brillanti protagonisti del nostro cinema quali Favino, Germano, Battiston, attori con una spinta teatrale impareggiabile ed inoltre molto stimati ed apprezzati dal grande pubblico giovanile.


Sempre a proposito della grande passione per il teatro, di enorme successo il tuo debutto lo scorso gennaio in duplice veste di interprete e regista in una nuova produzione di Cyrano De Bergerac. Che significato attribuisci all’opera di Rostand e come potrebbe inserirsi in un contesto sociale come quello che stiamo vivendo?
La scelta di mettere in scena il Cyrano nasce dalla possibilità di creare, attraverso questo meraviglioso personaggio, una sorta di paravento per poter parlare di qualcuno che combatte contro i compromessi, i pregiudizi, l’avidità e la menzogna. Sono infatti sostenitore della grande attualità delle opere classiche, che a tutt’oggi continuano ad avere così tanta forza ed appiglio all’interno del nostro sociale, colpendo ancora molto animi e sensibilità. Questo, probabilmente, il motivo del grande successo di questi spettacoli, in grado di coinvolgere il pubblico, fino all’immedesimazione in realtà e situazioni sempre più vicine al proprio vissuto. Cyrano è un personaggio assolutamente diverso da quelli interpretati finora: lui ha il coraggio di aprirsi al pubblico, di rendersi meraviglioso per sé e per la città, di mettersi in mostra nel bene e nel male. Ammette in maniera responsabile ed eroica la propria debolezza nel non riuscire a farsi amici, in questo spirito di fierezza ed orgoglio che lo attanaglia, non rendendolo adatto ed adeguato alla società nella quale vive. Un ritratto questo che in fondo corrisponde anche al disagio di alcune personalità del nostro tempo, manifestato soprattutto nell’affrontare i grandi sentimenti come l’amicizia, l’amore o anche la vita sociale e la politica. Tutto questo, dunque, è alla base della straordinarietà di quest’opera.

Un percorso professionale in ascesa il tuo, che ti annovera nella rosa degli attori più apprezzati del panorama artistico italiano. Se oggi, all’apice del tuo successo, dovessi stilare un bilancio della tua vita, cosa ne risulterebbe?
Sicuramente, dal punto di vista professionale, cercherei il più possibile di variare le mie esperienze, continuando ad accettare ogni tipo di sfida, come accaduto in passato con il canto, i musical o lavorare contemporaneamente in teatro ed al cinema, o al cinema ed in televisione. L’intenzione è quella di rendere ancor più considerevole la quantità del lavoro finora svolto, le mie letture ed anche questa recente direzione del Teatro Stabile de L’Aquila. Dovendo stilare un bilancio del mio percorso professionale posso, dunque, affermare che tornando indietro rifarei tutto, lasciando forse un po’ più spazio per delle esperienze all’estero, magari in Europa, dove avere la possibilità di confrontarmi con altri mondi ed altri modi di lavorare, sempre utili per accrescere il proprio bagaglio di esperienze.

Una fama che ti definisce un attore piuttosto schivo e restio a parlar di te e della tua vita privata, mentre in realtà sembrerebbe tu sia un gran chiacchierone con uno spiccato senso dell’umorismo, a testimonianza del tuo sangue napoletano. Quale di queste due immagini ti rappresenta di più?
Naturalmente la seconda! Il problema è legato alla grande confusione ed allo stordimento del mezzo mediatico, considerato nel suo complesso televisivo, giornalistico e cartaceo. Forse l’unico che salverei è quello radiofonico, il solo, a mio parere, davvero capace di far capire al meglio la persona con cui hai a che fare, perché la senti parlare in presa diretta, perché può smentire, chiarire quello che dice o farsi capire per quello che realmente è. Oggi le deduzioni dei giornalisti o le etichette con le quali ti portano avanti sono un po’ riduttive. Io sono sempre stato un tipo molto molto aperto, ma ho smesso di esserlo quando mi sono accorto che alla fine, l’unica cosa che interessava era sapere cosa succedesse nella mia vita privata, che onestamente non ritengo altrettanto interessante quanto il mio percorso professionale.

Forte e duraturo è il tuo legame con l’Associazione pescarese ADRICESTA, (Associazione Donazione Ricerca Italiana Cellule Staminali Trapianto e Assistenza), di cui sei illustre testimonial ormai da molti anni. Un forte messaggio di amore, solidarietà e speranza con l’ intenzione di sensibilizzare quanto più possibile ad una situazione di dolore e sofferenza, quella dei piccoli malati di leucemia. Cosa ti ha spinto ad avvicinarti a questa realtà?
Ciò che mi ha avvicinato ad ADRICESTA è forse lo stesso criterio che mi ha spinto a fare l’attore… non c’è una scelta vera e propria. E’ stata una meravigliosa occasione che mi è stata offerta e che ho colto all’inizio con grande entusiasmo e partecipazione. Con gli anni e con la nascita delle mie due figlie, purtroppo, mi sono reso conto della difficoltà nel dedicare il tempo necessario a questo progetto, nonostante ciò l’organizzazione è riuscita a creare condizioni tali affinché fossi sempre presente in occasioni o eventi importanti. Per il resto, l’amore e la disponibilità che in fondo è il minimo che io possa dare e forse anche poco rispetto a quello che in una vita più equilibrata sarei riuscito a fare per questi bambini.

“Un Buco Nel Muro” è il nome del progetto che hai sposato, la cui intenzione è quella di alleviare il senso di isolamento dei piccoli pazienti ricoverati nei centri oncoematologici pediatrici. Quali sono i canali e le iniziative in grado di poter combattere la solitudine di questi bambini?
Devo dire con estremo piacere che, durante questi anni, tutti gli obiettivi che ADRICESTA ed io ci eravamo proposti in merito a questo progetto, sono andati a buon fine. Siamo infatti riusciti nell’intento di creare postazioni multimediali all’interno delle stanze sterili dei bimbi malati di leucemia, nonostante queste apparecchiature fossero assai difficili da installare in questi luoghi, a cui si aggiunge anche quello di aver realizzato, sempre attraverso una iniziativa dell’Associazione, i sogni di questi piccoli degenti. Per ciò che riguarda la raccolta fondi, questa avviene in maniera molto ordinata, attraverso cene di beneficenza o la vendita durante le ottanta date della mia tournée, di alcuni miei gadget in appositi desk, dove peraltro è possibile per gli spettatori avere informazioni dettagliate sia sull’Associazione che sulle sue attività. Del resto, il mio motto con ADRICESTA è sempre stato “miglioriamoci”, anche se ammetto che farlo è davvero molto faticoso, forse addirittura vano come proposito, ma sarebbe ancor più mortale non provarci.

Questo tuo impegno sociale, l’interesse e l’aiuto nei confronti dei piccoli, ha sicuramente creato un valore aggiunto sia alla tua carriera che ai tuoi rapporti personali. Cos’è cambiato nell’approccio con gli altri e nel tuo modo di vedere la vita?
Emotivamente l’incontro con questa realtà mi ha permesso di ridimensionare molto i problemi del quotidiano che ho dovuto affrontare, per fortuna molto meno gravi rispetto a quelli con cui ho avuto a che fare visitando i bambini negli ospedali o ascoltando le storie raccontate dai genitori di questi piccoli. Umanamente, invece, rispetto alla sofferenza altrui, credo ci sia un preciso percorso e solo negli anni, alla fine di un periodo della tua vita, si possano tirare le somme. E’ infatti molto difficile superare il contraccolpo emotivo, razionalizzare e capire bene il senso della vita o il modo in cui poter aiutare gli altri. Ci vuole un’età per metabolizzare il dolore in maniera concreta, ed io credo di stare ancora percorrendo una strada, sempre molto distratto dalle cose che faccio e, soprattutto, dal mio lavoro che ritengo sia emotivamente molto delicato, tanto da non permettermi mai di avvitarmi in maniera definitiva rispetto ad un punto, facendomi sentire sempre incostante e contraddittorio. Devo dire che, a questo proposito, il confronto con ADRICESTA è stato ed è molto importante. Infatti tutte le volte in cui sono con loro, e purtroppo ultimamente un po’ meno di frequente, mi accorgo davvero di quanto mi dia gioia questo contatto. Poi vedo tanti bambini che sono guariti, grazie anche al sostegno morale, ed allora lì sono davvero felice.




        Solidarietà

        Alessandro Preziosi e ADRICESTA:

        Grandi progetti per “piccoli amici”


Tanti modi per trasmettere un messaggio meraviglioso: alleviare il senso di isolamento dei piccoli pazienti ricoverati nei centri onco-ematologici pediatrici. Infatti, i giovani ospiti ricoverati per lunghi periodi, già indeboliti dalla malattia, sono sottoposti a dura prova dall’isolamento in camera sterile, necessario in questi casi. Con l’ausilio di computer e webcam, la “prigione” si trasforma, il bambino può comunicare con l’esterno, mantenendo una relazione “quasi” normale con l’ambiente: importantissimo in un momento di grave disagio e fragilità.

Alessandro Preziosi





Un Buco Nel Muro”:
con ADRICESTA una webcam contro la solitudine.



Scopo del progetto è varcare la soglia dell’isolamento, tramite internet, per i piccoli pazienti ricoverati in camere sterili, inaccessibili ad un contatto umano (se non con un genitore alla volta). E’ prevista la dotazione di strumenti e sistemi di comunicazione tecnologicamente avanzati che, ricorrendo anche a telecamere collegate ad Internet, potranno alleviare il senso di solitudine per chi è costretto a vivere in piccole camere per diversi mesi, lontano dai suoi punti di riferimento abituali, quali la famiglia, gli amici e la scuola. Il progetto, partito inizialmente per l’Ospedale di Pescara, sta trovando un tale seguito in tutte le parti di Italia, che si è deciso di coprire cinque città in tutto, due al Nord e due al Sud. I presupposti della suddetta iniziativa riguardano i seguenti punti:

• con l’ausilio di un computer all’interno della camera, il bambino può comunicare con i propri amici che vengono a fargli visita (tramite postazioni multimediali all’esterno del reparto);

• tramite la rete, il bambino in isolamento può interagire, cooperare e giocare insieme a tutti gli altri utenti collegati in quel momento, consentendogli in questo modo di sentirsi meno lontano dal suo punto di riferimento scolastico, nonché familiare. Le attività proposte consentiranno di seguire una lezione scolastica, di scambiare opinioni su avvenimenti esterni e parlare delle esperienze vissute in ospedale;

• con le postazioni multimediali all’esterno dei reparti, i visitatori (compagni di scuola, amici, parenti etc.) che per motivi igienici non possono entrare in reparto, tantomeno nelle camere dei bambini degenti, potranno effettuare collegamenti e dialogare in questo modo con il paziente ricoverato. L’utilizzo della posta elettronica consentirà al bambino ricoverato di progettare e lavorare, in contatto con la scuola di appartenenza, per sviluppare compiti senza sottoporsi a tempi ed orari rigidi di lavoro;

• uso di internet, incontrare amici virtuali per vivere una situazione che li faccia sentire “fuori dalla camera di isolamento”; con l’introduzione delle webcam la camera sterile si trasforma in un prolungamento dell’habitat familiare e il bambino può mantenere una relazione abbastanza normale con l’ambiente, potendo collegarsi con teatri, musei, scuola e quant’altro che possa in qualche modo rompere il disagio e la fragilità vissuta in prima persona dai pazienti pediatrici in isolamento. Nonostante difficoltà logistiche per l’organizzazione degli spazi multimediali e di un sistema di manutenzione nei reparti, ma sarà nulla in confronto a quanto affrontato giornalmente dai piccoli ospiti, che, indeboliti dalla malattia, vivono una realtà difficile da accettare per chi ha solo volontà di giocare, ridere e conoscere amici.





Un Sogno In Corsia”: realizziamo i loro desideri.


L’iniziativa si propone di realizzare i sogni e i desideri dei bambini lungodegenti ricoverati nei vari reparti pediatrici ospedalieri. Il progetto verrà promosso negli ospedali italiani, con il coinvolgimento prioritario dei bambini ricoverati, a cui verrà data la possibilità di disegnare i loro sogni su fogli da disegno stampati dalla ADRICESTA, sorteggiandone poi, uno per ogni nosocomio (più uno di riserva), direttamente dai referenti Ospedalieri di ciascun ospedale, unitamente alla delegata regionale e volontari dell’Associazione di competenza. Questo progetto, ha l’obiettivo di regalare al bambino malato un momento di felicità, che lo distolga dal suo problema quotidiano: attraverso il disegno, il bambino ci comunicherà i suoi desideri ma, soprattutto, i suoi bisogni, tanto espressi quanto latenti, che uno volta riconosciuti possono aiutare medici, genitori e associazioni di volontariato, a migliorare la dura permanenza in ospedale del bambino, sostenendolo anche psicologicamente. Il sogno prioritario del bambino malato sarà sicuramente quello di guarire ma, la guarigione, deve essere considerata la vittoria di una lotta che ogni giorno il bambino, i medici e i genitori combattono. Questa iniziativa, invece, fa si che il bambino fruisca nel mondo reale di quella possibilità di sognare senza dover pensare alla sua malattia, grazie alla generosità di chi vorrà realizzare i suoi desideri: concretizzarli rappresenta quindi, per i piccoli pazienti, l’evasione dalla realtà del proprio quotidiano e restituisce loro nuove e concrete capacità per affrontare al meglio la malattia e le cure, oltre ad un nuovo rinnovato entusiasmo per la vita. I disegni verranno poi esposti durante una serata di beneficenza, alla quale parteciperanno personaggi del mondo dello sport e della spettacolo, per la raccolta dei fondi necessari per esaudire tutti i sogni sorteggiati e, se necessario, anche parzialmente o totalmente quelli di riserva.




    DOSSIER MEDICINA – Salute Medicina Benessere in Rivista
    Il trimestrale - Anno 6 - n. 13 - Gennaio-Febbraio-Marzo 2012

web www.dossiermedicina.com






_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Mar Mag 08, 2012 14:36    Oggetto: febbraio 2012 - DOSSIER MEDICINA intervista teatro/ADRICESTA Rispondi citando



ha scritto:










_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34630

MessaggioInviato: Mar Mag 08, 2012 14:36    Oggetto: febbraio 2012 - DOSSIER MEDICINA intervista teatro/ADRICESTA Rispondi citando



ha scritto:











      in questo topic per commenti RISPONDI: Non Riporta

_________________



L'ultima modifica di genziana il Mer Mag 09, 2012 07:24, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Helena x



Registrato: 08/10/06 18:42
Messaggi: 7749

MessaggioInviato: Mar Mag 08, 2012 14:43    Oggetto: Grazie!!! Rispondi citando


GRAZIE MILLE!

Helena!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11
Pagina 11 di 11

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy