ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

"IL GIUDICE"- Gli Anni Spezzati e un abbraccio
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12 ... 24, 25, 26  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32314

MessaggioInviato: Dom Ott 13, 2013 12:47    Oggetto: Regia Graziano Diana GLI ANNI SPEZZATI - IL GIUDICE |RaiUno Rispondi citando



'Gli anni spezzati' serie Rai Uno regia: Graziano Diana

film tv 'Il giudice' 2013 rassegna stampa del Forum di Alessandro





              GLI ANNI SPEZZATI




I dieci anni che hanno sconvolto l’Italia, raccontati dal punto di vista di chi ha combattuto la violenza, l’intolleranza, il terrorismo e l’odio per i rivali politici restando fedele alle istituzioni. Tre destini comuni: nella stagione dell’odio, quando occorreva fare delle scelte. Tre uomini liberi. Tre uomini soli.

1. Alle 16:37 del 12 dicembre 1969 una bomba esplode nel cuore di Milano. E’ una strage, 17 morti e 88 feriti, il culmine di una scia di sangue che sta colpendo al cuore le istituzioni e la società civile. Un commissario capisce che questo è solo l’inizio del terrore. Da solo inizia a combattere contro chi crede di cambiare le cose con l’odio e la violenza, e trova sempre più seguaci. Inizia così la sua lotta contro tutti: contro uno Stato ambiguo che lo lascia solo, contro la stampa che lo diffama, contro chi lo vuole morto.

2. Un giudice e un procuratore, uniti da un’amicizia fraterna. Entrambi decisi a non piegarsi al ricatto terrorista e ad assicurare i criminali alla giustizia. Due vite, due destini legati a doppio filo alle sorti dello Stato. A separarli, il costo di una scelta senza scampo. Quella più difficile, quella che non potrà non avere conseguenze: cosa conta di più tra salvare un amico e difendere lo Stato?

3. Giorgio è un ingegnere della Fiat e vive il dramma delle lotte sindacali tra operai e colletti bianchi. Finché arriva il giorno in cui le contraddizioni del Paese raggiungono la soglia della sua casa, devastandola. Sua figlia, la luce dei suoi occhi, è entrata in un gruppo armato e sta per portare la guerra in casa. Cosa fare quando il nemico è tuo figlio? E’ possibile per un padre rinnegare un figlio quando in gioco c’è la salvezza della propria famiglia? Quale è il limite tra vita privata e dovere morale?


Serie Tv: due puntate da 100' cadauna per ogni episodio
Programmazione prevista: gennaio 2014 in prima serata


Regia: Graziano Diana
Sceneggiatura: Graziano Diana, Stefano Marcocci, Domenico Tommassetti
Direttore della fotografia: Claudio Sabatini
Scenografia: Giantito Burchiellaro e Carmelo Agate
Costumi: Francesca Brunori
Montaggio: Alessandro Heffler
Prodotto da Alessandro Jacchia e Maurizio Momi

fonte: albatrossfilm.it/serie/gli-anni-spezzati.html



in attesa di un topic dedicato esclusivamente a questo argomento,

commentiamo insieme qui topic Un abbraccio a tutti di Alessandro

gli articoli e le interviste dal set/2012 sono nelle pagine precedenti



_________________


L'ultima modifica di genziana il Lun Nov 25, 2013 18:03, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Mer Ott 16, 2013 09:21    Oggetto: Rispondi citando


Ho visto il promo del film e devo dire che è molto forte.Presenta bene tutto ciò che riguarda quegli anni in cui la violenza era il solo linguaggio usato per comunicare e imporre i propri ideali.Ale vedrai che anche in questo lavoro saprai arrivare,un abbraccio....

_________________

margherita79
Top
Profilo Invia messaggio privato
cinzia76



Registrato: 10/07/08 16:50
Messaggi: 8412
Residenza: PROVINCIA DI VENEZIA

MessaggioInviato: Mer Ott 16, 2013 19:46    Oggetto: Rispondi citando


Visti gli argomenti e i drammi di quel tempo sarà um film molto tosto ma che sarà sicuramente bello da vedere.........di certo non farà rilassare o sognare di sicuro rispecchiera' un'amara realtà....personalmente mi piacciono le storie vere e vissute anche se tristi e con epileghi non sempre positivi....
Ale aspettiamo di vederti in queste vesti!
_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32314

MessaggioInviato: Ven Ott 18, 2013 18:51    Oggetto: ogni martedì 21.15 -UN AMORE E UNA VENDETTA- Mediaset Extra! Rispondi citando







    UN ABBRACCIO ... IN TV MEDIASET Extra: 21.15

    dal 22 ogni martedì UN AMORE E UNA VENDETTA

      con ANNA VALLE e ALESSANDRO PREZIOSI


GRATIS su Canale 34 del Digitale Terrestre e Canale 17 di TivùSat

e se l'attesa è troppo lunga... tutte le intere puntate sono sul web:

www.video.mediaset.it/video/un_amore_e_una_vendetta/full/403020/primo-episodio.html





rassegna stampa 2011 www.alessandropreziosi.tv/forum/viewtopic.php?t=7452


commentiamo insieme qui topic Un abbraccio a tutti di Alessandro


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3546
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Sab Ott 19, 2013 00:22    Oggetto: Rispondi citando


uauuuuuuuuuuuuu....che bello...la rivedrò volentieri.....la mia fiction preferita!!!!!!!!! Laughing Laughing Laughing
...grazie a Lorenzo Bermann.......sono quì!!!!! Laughing Laughing Laughing
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Marilina



Registrato: 25/11/11 16:51
Messaggi: 3540
Residenza: OLBIA

MessaggioInviato: Sab Ott 19, 2013 08:23    Oggetto: Rispondi citando


Very Happy Giuliana grazieeee!!! Bello poterla vedere su web quando si vuole Very Happy
_________________


Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Helena x



Registrato: 08/10/06 18:42
Messaggi: 7681

MessaggioInviato: Sab Ott 19, 2013 10:15    Oggetto: Ciao!!! Rispondi citando


Grazie mille Giuliana!!!
Che bello!!!
Helena!
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
*lisicris*



Registrato: 19/11/04 19:16
Messaggi: 10422
Residenza: Gaeta (LT)

MessaggioInviato: Sab Ott 19, 2013 14:03    Oggetto: Rispondi citando


grazie mille giuly
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Lun Ott 21, 2013 08:47    Oggetto: Rispondi citando


Grazie Giuly è sempre un piacere rivederlo...........
_________________

margherita79
Top
Profilo Invia messaggio privato
claudia_napoli



Registrato: 14/02/07 11:47
Messaggi: 11420
Residenza: Roma (ma 'tengo' il cuore napoletano)

MessaggioInviato: Lun Ott 21, 2013 09:30    Oggetto: Rispondi citando


ciao Ale buon inizio settimana
stavo notando come in questa foto de gli anni spezzati sei uguale a Giannini
è da tanto che vedo te e lui come i due più grandi attori italiani
dai tempi insospettabili di Elisa eheh ci ho visto lungo Very Happy Very Happy Very Happy Razz


un abbraccio a te alla cara Carla e un ringraziamento a Giuly per tutte
queste belle notizie

baci Claudia
_________________


Con tutto l'oro del mondo non si può comprare il battito del cuore, nè un lampo di tenerezza-de Lamartine
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32314

MessaggioInviato: Gio Ott 31, 2013 11:40    Oggetto: Premio AcquiStoria TV a DIANA x GLI ANNI SPEZZATI-Il Giudice Rispondi citando



'Gli anni spezzati' serie: Rai Uno regia: Graziano Diana





film tv 'Il giudice' |2013 Rassegna stampa del Forum di Alessandro




ha scritto:



estratto relativo al PREMIO ACQUI STORIA - 2013 -


Il Premio “La Storia in TV” 2013 vuole rendere un significativo omaggio alla serie televisiva «Gli anni spezzati. Il giudice». Il film premiato fa parte di una trilogia con altre due fiction intitolate «Il commissario» e «L’ingegnere». Alla consegna del Premio a Graziano Diana, regista della trilogia, sarà presente lo scrittore Luciano Garibaldi, co-autore della sceneggiatura e Massimo Coco, figlio del procuratore generale di Genova assassinato con la sua scorta dalle BR. Non ci sarà il giudice Sossi a causa di problemi di famiglia. (16/10/2013)

Tratto dal libro «Nella prigione delle Brigate Rosse», scritto dal giudice Mario Sossi e dal giornalista Luciano Garibaldi, è la ricostruzione del rapimento del giudice Sossi, effettuato a Genova dalle Brigate Rosse nel 1974, e del conseguente ricatto allo Stato, compiuto dall’organizzazione terroristica, ma fallito per la coraggiosa iniziativa del procuratore generale Francesco Coco, che rifiutò di porre in libertà i terroristi, la cui scarcerazione era stata richiesta in cambio della vita del giudice Sossi.
Il film premiato fa parte di una trilogia insieme ad altre due fiction: «Il commissario» e «L’ingegnere». La prima è dedicata all’omicidio del Commissario Calabresi e l’altra alla «marcia dei quarantamila» a Torino del 1981. (fonte: lancora.eu)









      Graziano Diana con Franco Di Mare: intervista dopo la premiazione per 'Gli anni spezzati - Il giudice'

"Grazie, se penso che l'anno scorso di questi tempi stavo per affrontare l'inverno serbo con ancora davanti quattro mesi di riprese! Adesso mi sono trovato davanti una platea affollata e attenta a seguire le immagini del "promo" e a parlare degli anni spezzati, su un palco dove si avvicendavano Roberto Napoletano, Giuseppe Marcenaro, Maurizio Serra... "
"Voglio ancora ringraziare la giuria e gli organizzatori per questo importante riconoscimento, ma anche per la loro calda e affettuosa ospitalità." 20 ottobre 2013 - fonte: GRAZIANO DIANA, via pagina facebook personale




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32314

MessaggioInviato: Gio Ott 31, 2013 12:28    Oggetto: Regia Graziano Diana GLI ANNI SPEZZATI - IL GIUDICE |RaiUno Rispondi citando



'Gli anni spezzati' serie: Rai Uno regia: Graziano Diana

film tv 'Il giudice' |2013 Rassegna stampa del Forum di Alessandro



ha scritto:



L'INTERVISTA
Il regista, Efebo per «Edda Ciano e il comunista», ha un altro lavoro pronto, in onda a gennaio su Rai1. Bloccata invece la serie su Beppe Alfano



        Quegli anni di piombo «rimossi»


Graziano Diana racconta il rapimento Sossi, BR, anarchici e neofascisti ne «Gli anni spezzati»
«Testimonianza per i giovani di oggi incapaci di comprendere sentimenti e dinamiche di quei tempi»




Maria Lombardo

C'è un progetto nel cassetto di Rai Fiction che non parte. Graziano Diana, bravo regista di Edda Ciano e il comunista dal libro di Marcello Sorgi, Efebo d'oro ad Agrigento nei giorni scorsi per la miglior produzione televisiva dell'anno, ci tiene molto a raccontare quella pagina oscura di storia della Sicilia, di un vittima di mafia appartenente al mondo dell'informazione, a questa testata, quel Beppe Alfano ucciso da tre colpi di pistola a Barcellona Pozzo di Gotto nel gennaio 1993: venti anni fa. Ma per inspiegabili motivi la Rai non si decide a far partire la produzione. Non è la prima volta che Graziano Diana fine e colto regista passato alla macchina da presa dopo anni di lavoro da sceneggiatore, si cimenta, lui sardo, con storie di mafia in Sicilia. Era sua la regia de La vita rubata storia vera di Graziella Campagna, una ragazzina vittima della mafia perché involontariamente aveva letto un biglietto. Era il 12 dicembre del 1985. E non sono stati pochi i «veti» che il regista ci racconta di aver incontrato sul set della fiction girata in gran parte a Savoca e poi a Catania, invece che a Messina com'era previsto.
Ora dalla mafia si passa al terrorismo.
In sei puntate Graziano Diana racconta il terrorismo degli anni Settanta: la fiction andrà in onda su Rai1 a gennaio. Ad Agrigento dove l'abbiamo incontrato per ritirare l'Efebo d'oro, Graziano Diana ci anticipa qualche notizia sul suo prossimo lavoro, già montato e consegnato, pronto ad essere mandato in onda sempre per le reti Rai. Si tratta de Gli anni spezzati: tre storie che si svolgono in tre città diverse e che girano attorno ai personaggi rispettivamente di un commissario, un giudice, un ingegnere.
La prima storia si svolge a Milano fra il 1969 e il ‘72, nell'ambiente degli anarchici e neofascisti; la seconda a Genova fra il ‘74 e il ‘76 con l'attentato al giudice Sossi (interpretato da Alessandro Preziosi mentre la moglie sarà Stefania Rocca: "squadra" vincente dopo appunto Edda Ciano e il comunista) le Brigate rosse e le trattative Stato - eversione (prima del caso Moro che arriverà nel ‘78); la terza storia si svolge a Torino fra il ‘79 e l'80 con Prima linea e la Fiat, il licenziamento di 61 operai per sospetta contiguità col terrorismo: vicenda raccontata dal punto di vista di un ingegnere della Fiat interpretato da Alessio Boni. Fra gli altri interpreti Emilio Solfrizzi, Luisa Ranieri, Ennio Fantastichini, Paola Pitagora.
Il bellissimo Alessandro Preziosi, adeguatamente imbruttito e con gli occhi pesti, è Mario Sossi, 42 anni, sostituto procuratore di Genova che nell'aprile del ‘74 mentre sta per entrare nel portone di casa, viene fermato da tre giovani e costretto a salire su un furgone. Il giorno successivo, arriva il volantino: «Un nucleo armato delle BR ha arrestato e rinchiuso in un carcere del popolo, il sostituto procuratore Mario Sossi».
La fiction affronta lo spinoso tema delle trattative Stato-eversione. Le BR vogliono dimostrare che hanno raggiunto una tale efficienza da arrivare a colpire fino al cuore dello Stato. Lo Stato si pone per la prima volta - arriverà poco tempo dopo il rapimento di Aldo Moro - il problema di trattare con le BR o no per salvare la vita di una persona.
«Ogni trattativa con i criminali è assurda» secondo l'allora ministro dell'Interno Emilio Taviani. La moglie di Sossi invia suppliche al Papa e chiede, al Presidente della Repubblica, di intervenire. Il presidente Leone risponde che la dignità dello Stato va salvaguardata.
Intanto Le Brigate rosse devastano sezioni e circoli di partiti a Milano, Torino, Roma, Napoli, Bologna le Monza; i neofascisti invece agiscono per lo più nel Mezzogiorno: a Catania, Cagliari, Salerno, Napoli e Roma ma non disdegnano Brescia, Bologna e soprattutto Savona.
Questi sono gli anni di piombo. E Graziano Diana in un dialogo in tema di trattativa Stato-eversione fa dire a un giudice di Genova che la trattativa non cambierà molto per lo Stato, «tanto l'Italia è irredimibile! ».

Pura ricostruzione storica, Diana?
«No, ci sono vicende romanzate con personaggi di fantasia che si mescolano a episodi realmente accaduti che sono storicamente ricostruiti, con l'intervento anche di due consulenti storici che si chiamano Enzo Baldoni e Sandro Provvisionato, uno di sinistra e l'altro di destra per avere la doppia chiave di lettura».

Quale immagine emerge dell'Italia di quegli anni?
«C'era una frattura nel Paese e quegli anni sono stati rimossi e dimenticati. Il film ha quindi il valore di una testimonianza per i giovani di oggi incapaci di comprendere sentimenti e dinamiche che si agitavano in quei tempi».

Ha utilizzato documenti filmati?
«Sì. Per raccontare le manifestazioni studentesche di quegli anni ho utilizzato dei filmati delle Teche Rai, alcune le ho ricostruite con attori e comparse. Al centro c'è il rapporto genitori-figli, lo scontro fra generazioni. E poi per creare il clima dell'epoca - in fondo si copre con le tre storie un arco di 10 anni, quindi sono tre epoche diverse, si può dire - ho visto molti film di quel tempo, anche commedie, per capire cosa pensavano, volevano, come si divertivano gli italiani di allora».

Nel cast ci sarà anche un attore siciliano che si sta affermando sempre di più: Alessio Vassallo. Dopo soap come Agrodolce ha già lavorato ne Il giovane Montalbano e per Graziano Diana è la terza volta che lo dirige. L'ultima è stata La vita rubata dove Vassallo faceva il fratello di Beppe Fiorello.
Se non sono molte le fiction da lui dirette, Diana è un noto sceneggiatore (fra i suoi titoli Il colpo di coda, Un eroe borghese, La donna della domenica) e nel ricevere l'Efebo ha auspicato che la manifestazione agrigentina - che ha come mission il rapporto fra scrittura e realizzazione filmica, voglia istituire una sezione per la sceneggiatura, parte fondamentale del successo di un film, non meno del libro o romanzo che costituisce la fonte del racconto, come è stato per Edda Ciano e il comunista.

30/10/2013




LA SICILIA - Spettacoli - pagina 17 - mercoledì 30 ottobre 2013





26/10/2013

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Gio Ott 31, 2013 13:12    Oggetto: Rispondi citando


Grazie Giuly......
Complimenti a GRAZIANO DIANA e a tutti quelli che con lui hanno realizzato questo lavoro
_________________

margherita79
Top
Profilo Invia messaggio privato
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3546
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Gio Ott 31, 2013 23:51    Oggetto: Rispondi citando


Grazie Giuly.....

ancora complimenti a G. Diana....un bravo regista che sicuramente ha fatto un ottimo lavoro e sarà interessante vederlo in TV quanto prima!! Smile Smile
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32314

MessaggioInviato: Ven Nov 01, 2013 18:38    Oggetto: Regia Graziano Diana GLI ANNI SPEZZATI - IL GIUDICE |RaiUno Rispondi citando



ha scritto:



Anni di piombo: L’"Acqui Storia" è stato assegnato al regista Graziano Diana


          Un premio per la fiction su Sossi


La stagione più buia della Repubblica riproposta partendo dal sequestro del giudice genovese



Andrea Ferro

Anni spezzati, anni spietati, anni di piombo. E’ la storia di un’epoca sprofondata nel buio della Notte della Repubblica, lunga e straziante, insanguinata dalle bombe e dalle raffiche caricate con l’odio, e poi mai completamente rischiarata dalla luce. Buchi neri nelle ombre, verità monche, imbarazzi, archiviazioni frettolose. E soprattutto orfani, vedove e superstiti lasciati spesso soli a sostenere il peso della memoria con i carnefici nel frattempo redenti e assurti a protagonisti delle ribalte mediatiche quali esclusivi depositari dell’”interpretazione”, della “rilettura”, della “contestualizzazione”.

Le prime stazioni di quella via crucis sono capitoli della cronaca e poi della storia di Genova, città inquieta al di là delle apparenze con una carica antisistemica radicata nel solco di una tradizione di libertà e fierezza finita distorta e poi deviata.

18 aprile 1974, ad Albaro le brigate rosse di Curcio e Franceschini rapiscono Mario Sossi, il pubblico ministero al processo contro la banda XXII Ottobre, i “tupamaros della Val Bisagno”, responsabili anche dell’omicidio di Alessandro Floris, il fattorino dello Iacp assalito per rapina. Lo liberano un mese dopo a Milano: il procuratore generale Francesco Coco si era rifiutato di firmare la scarcerazione dei detenuti della XXII Ottobre nel nome di uno Stato che non doveva scendere a patti con i terroristi.

8 giugno 1976. Tra Salita Santa Brigida e Via Balbi un commando di brigatisti stermina il giudice Coco e i due uomini della scorta (Giovanni Saponara e Antioco Dejana). L’agguato è l’esecuzione, militare, della condanna a morte decretata dal “tribunale al popolo”. L’attacco al cuore dello Stato non è più solo uno slogan, la “geometrica potenza” delle br si svela preannunciando la mattanza che seguirà.

Quasi quarant’anni dopo oggi quelle pagine di storia vengono trasliterate in una fiction televisiva e compongono uno degli atti della trilogia dedicata agli “anni spezzati”, dal titolo della serie, un triangolo ricalcato su quello che fu industriale prima che geografico. Le altre due “puntate” ripercorrono l’omicidio del Commissario Calabresi a Milano (1972) e la marcia dei quarantamila a Torino (1981). La fiction è diretta dal regista Graziano Diana che ha strutturato la ricostruzione del sequestro di Sossi sul libro scritto dopo il rapimento dallo stesso giudice insieme al giornalista Luciano Garibaldi e ora pubblicato, nella nuova edizione, dalla casa editrice Ares. Si intitola “Gli anni spezzati, il Giudice nella prigione delle br”.

In attesa che la produzione venga programmata nei palinsesti della Rai (non risulta ancora una collocazione precisa) la serie-tv riscuote già significativi riconoscimenti. Tra questi spicca il Premio Speciale assegnato dalla giuria del Premio Acqui Storia al regista Graziano Diana. Giunta alla 46esima edizione la manifestazione dedicata alla storiografia e al romanzo storico troverà il suo clou sabato 19 ottobre al Teatro Ariston della cittadina termale dove è in programma la consegna dei riconoscimenti. Accanto al regista premiato saranno presenti il giornalista Luciano Garibaldi e Massico Coco, figlio del Procuratore Generale ucciso dalle br e oggi affermato violinista.

Oltre a Diana ecco gli altri vincitori dell’edizione 2013 del Premio Acqui Storia (fu istituito nel 1969 per onorare la memoria della “Divisione Acqui” e i Caduti di Cefalonia del settembre 1943). Per la sezione storico-scientifica e storico-divulgativa sono Maurizio Serra, Ottavio Barié, Giuseppe Marcenaro e Dario Fertilio. A Franco Cardini è stato assegnato il Premio alla Carriera con la medaglia del Presidente della Repubblica.

LA MEMORIA – UN LIBRO E UN CAST DI ECCEZIONE

Le riprese della fiction sono state effettuate in Piazza Matteotti e in Piazza De Ferrari. Alcune sequenze anche Palazzo Tursi. Il giudice è interpretato da Alessandro Preziosi. Fra gli altri interpreti spiccano Stefania Rocca, nei panni della moglie del giudice e Alessio Vassallo, che interpreta un giovane magistrato che collabora con Sossi. Nel cast figurano anche Ennio Fantastichini, Simone Gandolfo, Lucia Batassa e l’affascinante Safroncik.





IL CORRIERE MERCANTILE: Levante; sab. 12/10/13; Cronaca|15





_________________


L'ultima modifica di genziana il Ven Dic 06, 2013 15:48, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12 ... 24, 25, 26  Successivo
Pagina 11 di 26

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati