ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

"IL GIUDICE"- Gli Anni Spezzati e un abbraccio
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 19, 20, 21 ... 24, 25, 26  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Gio Gen 02, 2014 20:27    Oggetto: GLI ANNI SPEZZATI - Rai Uno - 7-8/1 + 14-15/1 + 27-28/1/2014 Rispondi citando




in prima serata! ALESSANDRO PREZIOSI : ore 21.10

lun. 13 + mart. 14 gennaio 2014 film tv 'IL GIUDICE'

GLI ANNI SPEZZATI serie RAI1 regia: Graziano Diana






portale RAI www.gliannispezzati.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-48eb3c9b-1259-4ce8-ae0b-d7857de70feb.html cast artistico e tecnico; tutto sulla nuova serie


www.youtube.com/watch?v=9R-CTBGcX3A :VIDEO-promo ufficiale ALBATROSS Film

www.albatrossfilm.it/episodi/il-giudice.html fotogallery e sinossi miniserie 'Il Giudice'



Raiuno www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-67873fb1-c628-466e-82c3-dbe739995612.html video-promo televisivo in onda su RAI1; 40 scatti di scena

fotografie di "Bepi" Giuseppe Caroli e A. Letic







articoli e interviste 2012-13; la rassegna stampa del Forum di Alessandro:


      Idea commentiamo qui: nel topic aperto da Alessandro

      Exclamation un abbraccio e "IL GIUDICE" - Gli Anni Spezzati

_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 05:18, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Gio Gen 02, 2014 21:22    Oggetto: L'Arena-Il Giornale di Vicenza-Brescia Oggi - ANNI SPEZZATI Rispondi citando





ha scritto:


TV.
Dal 7 gennaio su Rai1 l’antologia sul decennio delle P38 e della strategia della tensione, due sere per ogni miniserie




        I ’70 con la pistola in pugno

        Tre fiction sugli «anni spezzati»


«Il commissario» su Luigi Calabresi, «Il giudice» su Mario Sossi e «L'ingegnere» sulla Fiat. Regia di Graziano Diana



Gli Anni Spezzati sono i '70, quelli dei conflitti politici in strada P38 in pugno, dell'inizio della strategia della tensione, del boom economico che si arresta bruscamente per diventare austerity, delle lacerazioni di un paese sulla 'trattativa o la fermezza'. Dopo una gestazione durata molti anni, il primo progetto risale al 2005, è ormai prossima alla messa in onda su RAI UNO l'antologia televisiva su quel decennio diretta da Graziano Diana, prodotta dalla Albatross e Rai Fiction.

''Attraverso tre figure emblematiche raccontiamo un intero arco temporale e geografico. Dei terroristi cinema e fiction si sono più volte occupati, degli altri protagonisti di quegli anni molto meno e a loro, a quelle vite spezzate, volevamo dare voce'', dice in un'intervista all'ANSA il regista e sceneggiatore Graziano Diana.
Sono tre miniserie autonome, per cast e storie: Il commissario, in onda il 7 e 8 gennaio, su Luigi Calabresi con Emilio Solfrizzi; Il giudice, in onda il 14 e 15 gennaio su Mario Sossi con Alessandro Preziosi e L'ingegnere, in onda il 27 e 28 gennaio che racconterà l'aspro scontro alla Fiat in quegli anni e la marcia dei 40 mila, con Alessio Boni.

Quello che accade in questi tempi con gli scontri nelle Università, le occupazioni, la ventilata marcia verso Roma del movimento dei Forconi, le manifestazioni No Tav, gli antagonisti, sembra riportare drammaticamente d'attualità lo scontro di allora. Ma parlare degli anni '70 oggi è ancora sfiorare ferite aperte. Lo stesso figlio del commissario, il direttore della Stampa Mario Calabresi, inizialmente non aveva approvato la realizzazione di una miniserie sul padre commissario.

Nella prima miniserie la vicenda del giovane commissario Calabresi viene raccontata descrivendo il rapporto con un giovane poliziotto romano appena arrivato a Milano, spiegando via via tutto il contesto per cui ad un certo punto con la morte dell'anarchico Pinelli (un «malore attivo», fu la conclusione della magistratura sul volo dal quarto piano della Questura) dopo Piazza Fontana, Calabresi diventa una sorta di bersaglio, e finirà in un lago di sangue sotto la sua abitazione il 17 maggio 1972.
Nella seconda, la solitudine di Francesco Coco sarà un pugno allo stomaco per i telespettatori che ricorderanno il sequestro Mario Sossi, due servitori dello Stato, due amici che si trovarono uniti nella tragedia di un'unica croce da portare. Nella terza, il contesto della Fiat a Torino attraverso la famiglia di un ingegnere, figura di fantasia ma simbolico di quello che accadeva sul finale dei '70

L'antologia ha il patrocinio dell'Associazione nazionale della Polizia di Stato e dell'Associazione Italiana vittime del terrorismo, un 'bollino' che dovrebbe mettere al riparo dalle polemiche. ''Sono passati oltre 40 anni, 41 dalla strage di Piazza Fontana e ci sembra - dicono Diana, Jacchia e Momi - una distanza giusta per affrontare questi argomenti in una serie tv che vuole essere spettacolare drammaturgicamente ma rigorosa nel rispetto dei fatti. Non c'è biografia di singole persone ma l'affresco di un periodo che ha segnato più di una generazione''
A garantire sugli eventi accaduti un comitato di consulenti storici composto da Adalberto Baldoni, Sandro Provvisionato e Luciano Garibaldi, quest'ultimo autore di due libri, uno su Calabresi, l'altro su Sossi, da cui si è preso spunto.




articolo pubblicato domenica 22 dicembre 2013 da L'ARENA
- IL GIORNALE DI VICENZA - BRESCIA OGGI - pagina 52 -







in attesa del topic dedicato esclusivamente a questo argomento

commentiamo insieme qui con Un abbraccio a tutti • Alessandro



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Gio Gen 02, 2014 21:26    Oggetto: 'GLI ANNI SPEZZATI' Alessandro PREZIOSI è Sossi 'IL GIUDICE' Rispondi citando



lun. 13 + mart. 14 gennaio 2014 film tv 'IL GIUDICE'

GLI ANNI SPEZZATI serie RAI1 regia: Graziano Diana




ha scritto:



          RAI1: GLI ANNI SPEZZATI


Con il nuovo anno appena iniziato RAI1 propone una nuova serie italiana: “Gli anni spezzati”, prodotta da RAI Fiction.
La storia è ambientata negli anni Settanta: una trilogia che racconterà le storie di altrettanti uomini, che hanno lasciato un’impronta indelebile nella memoria collettiva del nostro Paese. Ogni racconto durerà due puntate, trasmesse per due sere consecutive e per tre settimane.

Si comincia il 7 e l’8 gennaio alle 21.10 con “Il Commissario”, dedicato a Luigi Calabresi, interpretato da Emilio Solfrizzi. Il 13 e 14 gennaio sarà la volta de “Il Giudice”, che vedrà protagonista Alessandro Preziosi, nel ruolo di Mario Sossi. Infine, il 27 e 28 gennaio, sarà la volta de “L’Ingegnere” con Alessio Boni che presterà il volto a Giorgio Venuti, storico dirigente della Fiat.




RAI Ufficio Stampa - comunicato tv: 3 e 6 gennaio 2014





_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 03:35, modificato 6 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Ven Gen 03, 2014 10:09    Oggetto: Rispondi citando


Tra poco andra'in onda questo bellissimo lavoro e non vedo l'ora di vederlo...
Complimenti al nostro Ale e a tutto il cast.....

_________________

margherita79


L'ultima modifica di margherita79 il Sab Gen 04, 2014 10:50, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Ven Gen 03, 2014 12:54    Oggetto: OGGI n.2-1/2014 intervista protagonisti - GLI ANNI SPEZZATI Rispondi citando



ha scritto:




Per non dimenticare
Tre fiction raccontano la nostra storia recente




Anni 70 L’ITALIA DI IERI tra SANGUE e SENTIMENTI



Emilio Solfrizzi, Alessio Boni e Alessandro Preziosi, interpretano uomini chiave del decennio segnato da lotte politiche e drammi familiari. Allora però erano piccoli.
E qui ci raccontano come hanno affrontato ruoli così impegnati.




di Mauro Gaffuri e Maria Giuseppina Buonanno per OGGI
foto Fabrizio De Blasio/Photomovie




Milano, gennaio 2014

Una fiction racconterà un periodo della vita politica e sociale italiana complesso, gli Anni di piombo. Dal 1970 al 1980, l’Italia visse un decennio caratterizzato da violenze di piazza, lotta armata e terrorismo. A più di un quarantennio di distanza, GLI ANNI SPEZZATI, in onda su Rai1 dal 7 gennaio in prima serata, intende ricostruire quel lacerato pezzo di storia. Con tre miniserie, ciascuna di due puntate, che raccontano tre vite diverse: due vere, quella del commissario Calabresi a Milano e del giudice Sossi a Genova, una inventata ma verosimile, quella di un ingegnere della Fiat a Torino.

Protagonisti tre bravi attori: Emilio Solfrizzi, Alessandro Preziosi, Alessio Boni. I più giovani non conoscono il clima di tensione quotidiana, la paura della gente a uscire di sera, l’essere involontari testimoni di omicidi che avvenivano in mezzo alla strada, all’interno delle università, negli androni delle case private. Storie che anche una fiction può aiutare a non dimenticare. (...)

Alessandro Preziosi è il più giovane dei tre attori protagonisti.
Interpreta il magistrato Mario Sossi nella miniserie Il giudice, in onda martedì 14 e mercoledì 15 gennaio. “Quando Sossi venne sequestrato a Genova nel 1974, avevo solo un anno”, dice Preziosi. “Non ho ricordi di quel periodo di terrore. Nella mia memoria ho ben impresse le stragi e la morte dei giudici Falcone e Borsellino. Ma allora avevo 19 anni”. Graziano Diana, sceneggiatore e regista, ha distribuito tutto il cast una montagna di documentazione: ritagli di giornali, libri, fotografie. “Abbiamo conosciuto il giudice Sossi e la sua famiglia”, prosegue l’attore. “Oggi è ottantenne e lucido. Ci ha raccontato la sua storia in modo preciso: il luogo di prigionia, il materasso, la quantità di cibo. E’ venuto sul set quando giravamo la scena delle contestazioni e degli insulti sotto il suo ufficio, ma non si è scomposto”.
Quale impressione ne ha avuto? “Mario Sossi si è dimostrato uomo di grande dignità, soddisfatto del lavoro eseguito, di tempra forte”. (...)




        da OGGI n. 2 - 1/2014 - pagine da 70 a 73
        RCS il news magazine delle famiglie italiane




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Ven Gen 03, 2014 15:06    Oggetto: OGGI n.2-1/2014 intervista protagonisti - GLI ANNI SPEZZATI Rispondi citando



ha scritto:




        da OGGI n. 2 - 1/2014 - pagine da 70 a 73
        RCS il news magazine delle famiglie italiane




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 00:35    Oggetto: CORRIERE DELLA SERA intervista Preziosi in GLI ANNI SPEZZATI Rispondi citando



ha scritto:


l'Italia ferita dai terroristi, in tv i nostri Anni Settanta

. Tre volti per la serie, Solfrizzi interpreta Calabresi
. Preziosi: "ho parlato con Sossi, un uomo provato"
. Realtà e finzione: Alessio Boni, terzo protagonista




Roma — Alle 16.37 del 12 dicembre 1969 esplode una bomba nel cuore di Milano. È la strage di piazza Fontana: 17 morti e 88 feriti. «Avevo 7 anni all’epoca, ma ricordo bene quel tragico fatto e come i miei genitori ne parlarono a lungo in casa, commentando con orrore e preoccupazione la notizia», racconta Emilio Solfrizzi che ora interpreta il commissario Luigi Calabresi nel primo capitolo della trilogia «Gli anni spezzati», liberamente ispirata al libro omonimo di Luciano Garibaldi, in onda il 7 e 8 gennaio su Rai1. Si intitola «Il commissario» la prima miniserie, cui seguiranno «Il giudice» (14 e 15 gennaio) e «L’ingegnere» (27 e 28 gen- naio). Un inedito formato televisivo, prodotto da Albatross per RAI Fiction, con la regia e sceneggiatura di Graziano Diana, con cui si racconta l’Italia degli Anni 70 lacerata dal terrorismo.
Il capitolo successivo è dedicato al giudice Sossi, interpretato da Alessandro Preziosi: il primo sequestro di un magistrato da parte delle Br. Il terzo ha per protagonista un ingegnere della Fiat, Giorgio Venuti (Alessio Boni): l’unico personaggio inventato della trilogia, ma che racchiude in sé personaggi realmente esistiti.

«Rammento l’atmosfera grave che si respirava in famiglia — continua Solfrizzi — e solo in seguito, quando frequentando il liceo un professore di storia ci fece affrontare questi temi in classe, ho cominciato a capire». Il commissario Calabresi fu indicato da esponenti di Lotta Continua come il responsabile della morte dell’anarchico Pinelli e nel 1972 venne ucciso sotto casa: «Anche io da ragazzo, con estrema superficialità, ero entrato nella logica assurda della “colpevolezza” di Calabresi — ammette Solfrizzi — perché era l’epoca delle barricate, bisognava stare da una parte o dall’altra. Me ne vergogno. Nel film-tv ci siamo attenuti alla sentenza del giudice D’Ambrosio del ‘75, che fece piazza pulita delle leggende che accusavano il commissario». Per interpretarne il ruolo, però, non ha potuto parlare con la vedova, Gemma Capra, né con il figlio Mario Calabresi: «La famiglia non ha aderito al progetto».

Alessandro Preziosi, invece, ha conosciuto Mario Sossi: «Un uomo provato fisicamente, ma lucido e disponibile. Ho potuto apprendere dalle sue parole il ricordo di quella terribile avventura, da cui emerge tuttora la fermezza con cui non ha mai voluto ammettere delle colpe che gli venivano attribuite dai brigatisti e che non aveva commesso. Mi ha raccontato in che modo ha vissuto la prigionia in una cella di un metro e mezzo per un metro: a stento riusciva a stendersi sulla branda e per lui, che soffriva di claustrofobia, era una tortura. Così, cercava di darsi forza ripensando ai suoi trascorsi da ufficiale degli alpini, si aggrappava al ricordo dell’aria aperta e libera in montagna. Ma quel che gli costava di più era di non poter parlare mai con nessuno: i suoi carcerieri erano avari di parole. Quando è stato liberato si è chiuso in una stanza a piangere».

Quella dell’ingegner Venuti è ancora un’altra storia, che si rifà a tante storie di quegli anni: «Non è un personaggio vero ma veritiero — avverte Alessio Boni — e chiude la trilogia come anello di congiunzione con l’Italia di oggi: la vicenda dell’ingegnere della Fiat di allora, che subisce la violenza degli anni di piombo in fabbrica, tra estremismi di sinistra e di destra, prelude a quel che accadrà in futuro. Il futuro, ahimè, siamo noi e non è un granché». Boni, all’epoca dei fatti narrati, era un ragazzino: «Vivevo a Bergamo, e da noi la vita era tranquilla, ma quando i miei genitori dovevano andare a Milano avevano paura e cercavano di tornare prima di sera, come se ci fosse una guerra civile in corso. Il fanatismo, politico o religioso, è una brutta bestia — aggiunge — e, se i politici di oggi non si rendono conto che le persone hanno bisogno di fiducia, siamo destinati a implodere. Il rischio è di tornare a quella terribile stagione della rabbia».

Ed è con lo spirito di una testimonianza costruttiva che Graziano Diana ha concepito la trilogia: «L’Italia di ieri si specchia in quella di oggi: la crisi economica, l’incertezza del futuro, la ribellione, la protesta, l’emergenza democratica. Gli anni spezzati, allora come adesso, sono quelli dove si incrina l’integrità sociale di un Paese. Ma raccontando le storie di alcuni eroi borghesi del passato, il loro coraggio nel compiere delle scelte difficili, forse si può gettare un ponte col presente, per stimolare una riflessione e tentare di superare le lacerazioni».

Emilia Costantini


© RIPRODUZIONE RISERVATA


CORRIERE DELLA SERA - Spettacoli - sabato 4/1/2014, pag. 51






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 00:37    Oggetto: SECOLO D'ITALIA : Adalberto Baldoni consulente ANNI SPEZZATI Rispondi citando



ha scritto:

    Su Rai Uno arriva la fiction sugli "anni di piombo"
    Raccontati (finalmente) anche da storici di destra



      Il contributo di verità di Adalberto Baldoni e di
      Luciano Garibaldi nella serie tv sul terrorismo


    di Antonella Ambrosioni

    sabato 4 gennaio 2013/ SECOLO D'ITALIA \secoloditalia.it




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 00:59    Oggetto: LA REPUBBLICA intervista GRAZIANO DIANA 'GLI ANNI SPEZZATI' Rispondi citando



ha scritto:



      . « GLI ANNI SPEZZATI » in tv: la fiction
      . sul terrorismo che fa ancora discutere
      Calabresi, Sossi e gli anni caldi della Fiat


Silvia Fumarola - Roma

Graziano Diana ha scelto tre figure simbolo per raccontare gli anni di piombo. «Sto sempre dalla parte delle vittime» racconta il regista «mi confronto con la Storia cercando l’umanità. Gli anni 70 li ho vissuti da studente, l’Italia usciva dal boom economico per precipitare nell’austerity. Dal malessere si è passati alla lotta armata, una guerra civile che non ha risparmiato nessuno. Qualcosa si è spezzato». S’intitola così, GLI ANNI SPEZZATI la fiction in tre capitoli che farà scoprire ai ventenni la Milano livida del delitto Calabresi, la Genova ferita dal rapimento Sossi e dall’omicidio del giudice Coco, gli anni caldi di Torino e della Fiat. La serie si apre con Il Commissario (su RaiUno il 7 e l’8 gennaio), dedicato a Luigi Calabresi, con Emilio Solfrizzi.
Il secondo atto è Il Giudice, ispirato al magistrato Mario Sossi, con Alessandro Preziosi (il 13 e 14) mentre L’Ingegnere (il 27 e il 28) è interpretato da Alessio Boni nei panni dell’immaginario dirigente della Fiat Giorgio Venturi.

«Vedo queste storie come un dialogo tra padri e figli» spiega Diana «Calabresi viene visto con gli occhi di un poliziotto romano appena arrivato a Milano, mentre la figura di Sossi viene ricostruita attraverso il legame col giudice Francesco Coco (Ennio Fantastichini), che durante il rapimento dell’amico sceglie la linea della fermezza. È un uomo dello Stato: sarà ucciso dalle Br nel 1976 con gli uomini della scorta Giovanni Saponara e Antioco Deiana. L’Ingegnere è la storia di un dirigente della Fiat incaricato di licenziare 61 operai ritenuti vicini ai terroristi mentre la figlia (Giulia Michelini) abbraccia la lotta armata». Il direttore della Stampa Mario Calabresi non aveva approvato una miniserie sul padre. «Questo progetto ha coinvolto tante famiglie» continua il regista «Il figlio del giudice Coco, violinista, autore del libro Ricordare stanca, ci ha accompagnato nel percorso e ha suonato persino la colonna sonora. Calabresi ha preferito, legittimamente, rimanere fuori; l’avevamo invitato a vedere la fiction in anteprima: ci ha detto che la seguirà in tv da “spettatore normale”». Diana lavora alla serie — prodotta da Albatross con RAI Fiction — da sei anni. «La Storia ha sempre aspetti più personali di quanto possiamo immaginare. A 19 anni ero venuto a Roma per studiare. Nel dicembre del ‘79 c’era stato l’assalto di Prima linea alla Scuola d’amministrazione aziendale di Torino, cinque ragazzi e cinque professori furono messi contro il muro e gambizzati. Grazie a una borsa di studio ero ospite in un collegio dei Cavalieri del lavoro, “finanziato dai capitalisti” vicino a Cinecittà: l’idea che il desiderio di migliorare la propria vita ti facesse entrare nel mirino dei terroristi è sconvolgente. Dopo l’attentato a Torino c’era la polizia all’entrata». La crisi, il malessere sociale, la rabbia di questi anni riportano drammaticamente d'attualità lo scontro di allora; parlando di terrorismo le ferite si riaprono: «Credo nel confronto» dice Diana «Sono passati 44 anni dalla strage di Piazza Fontana, un tempo giusto per guardare indietro. Siamo stati rigorosi e rispettosi. Abbiamo il patrocinio dell'Associazione Italiana vittime del terrorismo, con gli sceneggiatori Stefano Marcocci e Domenico Tommasetti ci sono i consulenti storici Adalberto Baldoni, Sandro Provvisionato e Luciano Garibaldi. Le divisioni ideologiche non passano attraverso gli slogan ma le persone. L’allunaggio lega anarchici e poliziotti, ma il pensiero di un futuro possibile si spegne nella violenza. Eppure in tanti credevamo nell’impegno: il futuro, tutto da costruire, era nelle nostre mani».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


LA REPUBBLICA ed. nazionale - sabato 4 gennaio 2014, pag. 45






_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 05:40, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 01:46    Oggetto: Marieclaire.it - servizio GLI ANNI SPEZZATI serie tv RAI UNO Rispondi citando



ha scritto:



      serie tv: GLI ANNI SPEZZATI su Rai 1


Da Piazza Fontana alla marcia dei 40mila: storie di tre uomini investiti dal piombo di quegli anni.



Riparte dagli anni '70 la stagione delle serie tv sulla Rai con Gli Anni Spezzati, tre blocchi da due episodi ciascuno in programmazione il martedì e il mercoledì a partire dal 7 gennaio. Si tratta di tre storie dell'Italia degli anni di piombo che scrittori, di libri, cinema e tv italiani, non vogliono proprio dimenticare. Storie di tre uomini, il commissario (Calabresi) nei giorni immediatamente dopo la strage di Piazza Fontana, il giudice Mario Sossi e l'ingegnere della Fiat Giorgio ai tempi delle storiche contestazioni culminate con la marcia dei quadri del 1980.

Una produzione interessante e di qualità - Albatross e RAI Fiction - che ha raccolto attorno al regista (e sceneggiatore) Graziano Diana alcuni tra i migliori attori italiani. C'è Emilio Solfrizzi nei panni del commissario Luigi Calabresi (Il Commissario, il 7 e l'8 gennaio su Rai 1), Alessandro Preziosi che interpreta il giudice Mario Sossi (Il Giudice, il 14 e il 15 gennaio) e Alessio Boni, l'ingegnere Giorgio (L'ingegnere, il 28 e il 29 gennaio).

Completano il cast altri nomi eccellenti come Luisa Ranieri, Stefania Rocca, Giulia Michelini, Ennio Fantastichini, Enzo Decaro, Thomas Trabacchi, Christiane Filangieri e Paola Pitagora.

Un ripasso di storia recente, insomma, quella che inspiegabilmente ancora non si racconta a scuola e che, altrettanto inspiegabilmente, rimane ancora in mano a una reinterpretazione televisiva certamente attenta e obiettiva ma per forza di cose semplicistica e diplomatica. Un'interpretazione con gli occhi di tre testimoni di cui l'ultimo, l'ingegnere dovrebbe essere il più inconsapevole, suo malgrado.
In definitiva, una serie di qualità, realizzata da ottimi professionisti, che, se non altro, farà riflettere ancora una volta.

Valerio Mariani - venerdì 3 Gennaio 2014 per
MARIECLAIRE.it





_________________


L'ultima modifica di genziana il Dom Gen 05, 2014 03:03, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 02:35    Oggetto: LA VOCE DI ROMAGNA intervista Garibaldi: 'GLI ANNI SPEZZATI' Rispondi citando



ha scritto:



          La super fiction del nuovo anno


L'EVENTO Alessio Boni, Luisa Ranieri e Alessandro Preziosi tutti scritturati dalla Rai per GLI ANNI SPEZZATI. In sei puntate la storia degli "anni di piombo". Dai libri di Luciano Garibaldi (D.B.)





LA VOCE di Romagna - ed. nazionale - Album - sabato 4/1/2014





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3575
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 18:16    Oggetto: Rispondi citando


Sarà interessante vedere questo lavoro che tratta di un periodo così buio per il nostro Paese!
Tutto il cast è di altissimo livello e il nostro Capitano sono sicura ci regalerà tantissime emozioni con la sua interpretazione!!! Smile Smile
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Dom Gen 05, 2014 18:28    Oggetto: 'IL GIUDICE' - GLI ANNI SPEZZATI e un abbraccio 13-14/1/2014 Rispondi citando



ha scritto:


_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 05:39, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Lun Gen 06, 2014 14:10    Oggetto: 'IL GIUDICE' - GLI ANNI SPEZZATI e un abbraccio 13-14/1/2014 Rispondi citando



ha scritto:





_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 06:00, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32716

MessaggioInviato: Lun Gen 06, 2014 14:10    Oggetto: 'IL GIUDICE' - GLI ANNI SPEZZATI e un abbraccio 13-14/1/2014 Rispondi citando



ha scritto:



        TELE-VISIONI : di Giorgio Ponziano


(…) La RAI risponde con sei puntate de "GLI ANNI SPEZZATI", le vicende di tre uomini che hanno segnato la storia d’Italia: il commissario Calabresi (interpretato da Emilio Solfrizzi), il giudice Mario Sossi (Alessandro Preziosi), l’ingegnere Giorgio (emblema di un tecnico Fiat degli anni ’70, impersonato da Alessio Boni). Si incomincia il 7 gennaio e si finisce il 28.



    ITALIA OGGI - giovedì 2 gennaio 2014 – pagina 18







_________________


L'ultima modifica di genziana il Mer Gen 08, 2014 05:08, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Archivio messaggi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 19, 20, 21 ... 24, 25, 26  Successivo
Pagina 20 di 26

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati