ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

il nostro Don Diana
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 13, 14, 15 ... 30, 31, 32  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32499

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 01:19    Oggetto: DON DIANA per amore del mio popolo / RAI1 18 e 19 marzo 2014 Rispondi citando




          ............


    ''Per amore del mio popolo'' su Don DIANA

21.10 RAI1: martedì 18 e mercoledì 19 MARZO 2014

ALESSANDRO PREZIOSI nella miniserie di RAI Fiction

coprodotta da Aurora Film con regia di Antonio Frazzi






L'anteprima della fiction su Don Giuseppe Diana, "Per amore del mio popolo", avrà luogo il 17 marzo a Roma, alle ore 10,30, nella nuova Aula del Palazzo dei Gruppi della Camera dei Deputati, Via Uffici del Vicario.
A promuovere l'iniziativa è la Commissione Parlamentare Antimafia presieduta dall'onorevole Rosy Bindi. All'anteprima, a cui assisteranno anche i familiari del sacerdote ucciso a Casal di Principe il 19 marzo del 1994, parteciperanno il Presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, il produttore dell'Aurora Film, Giannandrea Pecorelli, il regista, Antonio Frazzi, Alessandro Preziosi, l'attore che nella fiction interpreta il ruolo di Don Diana, e Valerio Taglione, portavoce del 'Comitato Don Peppe Diana'.






La fiction sarà trasmessa in prima serata su Rai Uno il 18 e 19 marzo a vent'anni esatti dall'omicidio di don Diana nella chiesa di San Nicola di Bari. Negli stessi giorni anche "Rai Storia" si occuperà della vicenda di Don Diana con interviste a Don Ciotti, a Roberto Saviano e agli amici che negli anni lo hanno difeso dalle campagne infamanti di organi di stampa locali.

01/03/2014, dall'articolo di Raffaele Sardo, pubblicato da Napoli.REPUBBLICA.it


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3558
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 09:24    Oggetto: Rispondi citando


sarà molto commovente.....e rattristerà i nostri cuori vedere questa fiction.....sapendo che non è finzione...ma triste realtà!

Io penso che tu ti sia calato perfettamente nella parte di Don Peppe Diana....conoscendo la tua sensibilità e professionalità nel tuo lavoro! Smile

un caro abbraccio Smile
mariella
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Marisol



Registrato: 07/01/11 10:40
Messaggi: 3313
Residenza: Madrid

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 10:35    Oggetto: Rispondi citando


Cari Marghe e Antò,

Bellissimo il vostro racconto.

Con il tuo, Marghe, non riuscivo a smettere di ridere Laughing Laughing !! Povero Luigi, ah, ah, ah,!!

E il tuo, Antò, mi ha emozionato. Crying or Very sad Crying or Very sad !!

Grazie alla due!!

Antò, bellissima tua mamma Razz Razz !! "Come il padre, tale figlio", mi piace questa frase Razz Razz Razz !!!. In spagnolo si dice: " De tal palo, tal astilla" capisci?

Tanti baci,

Marisol

_________________
La vera ricchezza è prendere la vita con amore, donando amore.


Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32499

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 13:26    Oggetto: Don DIANA: 2014 Licenza ad honorem Teologia Biblica - Napoli Rispondi citando



ha scritto:







        Laurea ad honorem in Teologia
        a Don Giuseppe Diana, il
        sacerdote ucciso dalla camorra:
        cerimonia di consegna ai fratelli


Fu ucciso prima di poter conseguire la laurea in Teologia Biblica a cui teneva tanto. Adesso il riconoscimento "post mortem" per Don Giuseppe Diana con la consegna da parte della commissione d'esami nelle mani dei fratelli, Emilio e Marisa. La cerimonia, sobria ma molto partecipata, si è tenuta presso la Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale a Napoli, nella prestigiosa sede di Via Petrarca, alla presenza dei familiari di Don Diana, di tanti amici e sacerdoti arrivati da Casal di Principe, e di numerosi studenti dell'istituto.

Al tavolo dei relatori il preside decano, don Sergio Bastianel, uno dei suoi professori dell'epoca, Don Ettore Franco; Don Giovanni di Napoli, suo compagno di seminario e il Vescovo della Diocesi di Aversa, Monsignor Angelo Spinillo.

"Questa giornata ha luogo perché nel 2011 - ha spiegato Don Ettore Franco - il professor Sergio Tanzarella prese l'iniziativa di richiedere la ricomposizione del curriculum accademico di Don Peppino Diana. Il consiglio accademico ha discusso e valutato la richiesta e ha deciso che c'erano le condizioni per concedere la laurea "post mortem".

A Don Diana, già laureato in lettere e filosofia, mancavano pochi esami per la laurea in Teologia Biblica. "Aveva raggiunto 29 crediti doveva arrivare a 36 compresa la tesi finale. Don Diana - ha ricordato Don Ettore - citava spesso i profeti. Insieme agli altri parroci, aveva prodotto il documento: "Una religione della responsabilità", in vista delle elezioni del 1993: "Stavolta il coraggio della ipocrisia e la coscienza di essere lievito nella pasta, ci impongono di non tacere". Intervistato da Repubblica il 24 ottobre '93, Don Diana esplicitò meglio il suo pensiero: "Non sono un politico, ma un uomo di Chiesa che si limita a lottare accanto alla gente che abita in questi luoghi nel tentativo di affermare quei diritti che il malgoverno e la camorra hanno sempre negato".

"Gli avevo affidato una tesi dal titolo: "L'affidabilità del profeta" - ha ricordato Don Ettore - Quella tesi non è mai stata consegnata in segreteria, ma è stata scritta con l'amore più grande, quella che dona la vita ed è stata firmata col sangue".

Don Giovanni di Napoli ha tratteggiato il profilo di Don Diana, ragazzo di paese, compagno di seminario, ragazzo di provincia e uomo coraggioso. "Si stabilì tra noi un'amicizia sincera. In lui cresceva a vista d'occhio anche la dimensione spirituale. Spesso mi capitava di sorprenderlo in preghiera. Due esperienze lo avevano segnato in modo particolare: il contatto con gli ammalati e il rapporto con gli scout dell'Agesci. Mi confidava che la sua spontaneità lo faceva apparire agli altri come un superficiale. Ma non era così. Era attaccato alla terra. Alla sua terra. Nell'estate del 1969 tre di noi vissero con lui anche un'esperienza di lavoro nel suo terreno raccogliendo pesche per almeno quindici giorni. Fu l'occasione per conoscere la sua solidità di legami familiari e parrocchiali. Tutta la sua esuberanza la incarnava al servizio della Chiesa e della sua missione. Parafrasando il profeta, diceva: 'Impara da me che sono mite e umile di cuore'".

A consegnare la laurea nelle mani di Marisa ed Emilio, i fratelli di Don Diana, nella commozione generale, è stato il vescovo di Aversa, Angelo Spinillo. "La pergamena di laurea, interamente scritta in latino - ha spiegato il preside Don Bastianel - porta scritto in alto "in memoria", ricordando così che si tratta appunto di un titolo rilasciato ad "honorem".

Monsignor Spinillo nel suo saluto finale, ha voluto ringraziare la Pontificia Facoltà per questo riconoscimento. "Noi lo accogliamo non solo come commemorazione - ha detto - ma come un gesto che ci richiama ad un percorso da continuare nella nostra storia personale. La citazione di scritti di Don Diana e il racconto di episodi di vita vissuta, dimostrano la ricchezza del suo cammino, un percorso a volte anche faticoso con cui ha risposto alla vocazione. Pensare che le citazioni bibliche fatte, tutte prese nell'ambito della profezia, annuncino che non c'è compimento nella nostra vita se non si è partecipi nell'annunzio del nuovo. Mai come nel caso di Don Diana il chicco di grano che è morto ha generato vita nuova".

(27/02/2014)
di Raffaele Sardo, pubblicato da
Napoli.REPUBBLICA.it






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
cinzia76



Registrato: 10/07/08 16:50
Messaggi: 8414
Residenza: PROVINCIA DI VENEZIA

MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 00:45    Oggetto: Rispondi citando


Grazie sorelline per questi racconti densi di emozioni....
Non vedo l'ora di vedere questo film.....sono sicura che lascerà un grande segno!
_________________

Top
Profilo Invia messaggio privato
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 10:49    Oggetto: Rispondi citando


Grazie Giuly per questo articolo,è molto forte e commovente.....
Sarà sicuramente emozionante seguire l'anteprima del film.....
Forza Ale,ti siamo vicine con il nostro grido di speranza affinchè qualcosa cambi....

_________________

margherita79
Top
Profilo Invia messaggio privato
mari27



Registrato: 17/06/04 17:49
Messaggi: 6094

MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 19:55    Oggetto: Rispondi citando


-


....in silenzio.........togliamoci il cappello!..........



***
Top
Profilo Invia messaggio privato
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3558
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 20:08    Oggetto: Rispondi citando


....sì.....in silenzio...togliamoci il cappello e chiniamo la testa.....
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Beate-1969



Registrato: 16/04/12 20:20
Messaggi: 2661
Residenza: Deggendorf/Deutschland

MessaggioInviato: Mer Mar 05, 2014 20:30    Oggetto: Rispondi citando


Cara Mariella,

....sì.....in silenzio...togliamoci il cappello e chiniamo la testa.....

davanti ad una persona molto speciale e meraviglioso!

Bea
_________________
Mi dispiace per il mio cattivo italiano




Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32499

MessaggioInviato: Sab Mar 08, 2014 18:15    Oggetto: PER AMORE DEL MIO POPOLO anteprima alla CAMERA 17 marzo 2014 Rispondi citando



ha scritto:




    dal Settimanale STOP - marzo 2014 - pagine 86-87



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32499

MessaggioInviato: Sab Mar 08, 2014 18:48    Oggetto: PER AMORE DEL MIO POPOLO anteprima alla CAMERA 17 marzo 2014 Rispondi citando



ha scritto:



    La memoria, l’evento : Don Diana,
    sullo stesso altare la messa interrotta dal killer


Al via le iniziative per i venti anni dall’uccisione del sacerdote


mobilitati associazioni, studenti, scouts e fedeli: un omaggio che punta al riscatto



Tina Cioffo

Quando fu ucciso doveva celebrare la messa delle 7.30 ma il killer della camorra arrivò prima e Don Giuseppe Diana non riuscì neppure ad attraversare la navata. I fedeli che aspettavano pronti a farsi il segno della croce non lo videro comparire con il suo abito talare così come era solito fare. Don Diana era stato ucciso pochi minuti prima ed il 19 marzo prossimo, a 20 anni da quella tragica mattina, quella messa sarà finalmente celebrata.
Sarà officiata dal Vescovo di Aversa, Angelo Spinillo, nel suo nome e nel suo ricordo. E non sarà certo consueta, perché da 20 anni il 19 marzo a Casal di Principe non è un giorno come un altro. Lo sanno bene tutte le associazioni religiose, laiche, sociali, professionali, di categoria, studentesche ed accademiche, oltre 100 in tutto, che quest’anno si sono unite per lavorare insieme fianco al fianco al programma in memoria del sacerdote casalese. Un programma fitto di appuntamenti già avviato con le fiaccole della memoria nei diversi istituti scolastici della provincia di Caserta ma che vedrà manifestazioni fino al 18 maggio. Un fiume in piena di riflessioni e condivisioni che passa per la scuola incontrando docenti e dirigenti scolastici. Per scoprire il valore della cultura, dall’8 al 18 marzo ad Aversa, Caserta, Genova, Napoli e Roma ci sarà una vera e propria maratona di lettura dedicata a Don Diana, lungo il solco della «Forza della parola» alla quale il sacerdote casalese credeva fino in fondo. A Casal di Principe, l’appuntamento è per il 17 marzo nella sala consiliare a lui intitolata. Nello stesso giorno, alle 10 di mattina, la riflessione comincerà tra i banchi di scuola dell’Itc Guido Carli.
Ma al di là dell’importanza di ogni singolo momento programmato, il fulcro delle iniziative si concentra in quattro giorni in particolare. Il 16 marzo Casal di Principe sarà attraversato dall’onda blu degli scout ai quali la mamma di Don Diana, Iolanda Di Tella, ha rivolto il suo invito. Al 28 febbraio le iscrizioni erano più di 3mila.
Il 17 marzo a Roma, al Senato, ci sarà la prima della fiction 'Per amore del mio popolo'. L’annuncio ci fu il 4 luglio scorso, in occasione del ''Don Diana Day'' e del suo 55° compleanno. La fiction sarà poi trasmessa su Rai1, in prima serata, il 18 ed il 19 marzo. Nel ruolo di Don Diana, l’attore Alessandro Preziosi che prima di cominciare le riprese volle incontrare la famiglia di Don Peppe, per entrare in contatto con lo spirito del prete, con i suoi ricordi, la sua stanza, la sua scrivania. Il 18 marzo, tutto il clero della Diocesi, dopo la veglia di preghiera organizzata per il 13 marzo in tutte le parrocchie della Diocesi di Aversa, ci sarà il ritiro spirituale «Presbiteri in una terra che cerca speranza», con il Cardinale Crescenzio Sepe. Il giorno dell’anniversario, dopo la messa, il raduno alle 9,30 presso lo stadio comunale di Casal di Principe darà avvio alla lunga marcia per il riscatto nel nome di Don Diana e di tutte le vittime innocenti della criminalità organizzata. Per il quindicesimo anniversario arrivarono più di ventimila persone e si concluse nel piazzale antistante il cimitero comunale. Fu una giornata di memoria ma anche di festa ed i casalesi dimostrarono di avere uno spiccato spirito di accoglienza: aprirono le porte di casa a chiunque lo chiedesse offrendo dolci e acqua. In programma anche la premiazione del Premio Letterario 'Don Diana' per gli studenti della Campania con la consegna del riconoscimento il 12 marzo presso l’Auditorium a Pinetamare del Corpo Forestale, mentre il 21 marzo saranno proclamati i tre vincitori del quarto Premio Nazionale 'Don Peppe Diana'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



CHI ERA
Dal seminario agli Scout, sempre vicino ai giovani


Giuseppe Diana nasce il 4 luglio del 1958, a Casal di Principe. Nel 1968 entra in seminario, poi nel seminario di Posillipo, sede della Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale. Qui si licenzia in Teologia biblica e poi laurea in Filosofia alla Federico II. A 20 anni entra negli Scout. A 24 anni è ordinato sacerdote e diventa assistente ecclesiastico Scout. Dal 19 settembre 1989 era parroco della chiesa di San Nicola di Bari.



IL DELITTO
Colpi di pistola mentre saliva sull’altare


Don Giuseppe Diana fu ucciso il 19 marzo del 1994, nella sagrestia della chiesa San Nicola di Bari, nel quartiere Larina, a Casal di Principe. Mancavano pochi minuti per la messa delle 7,30. Dell’omicidio fu testimone Augusto Di Meo che riconobbe l’assassino. Un omicidio che fece scalpore ma fu necessario difendere l’integrità del giovane prete, perché i camorristi dopo averlo ucciso fisicamente ne volevano delegittimare l’esempio.



IL PROCESSO
La Cassazione: era un prete anti camorra


La sentenza della Corte di Cassazione del 4 marzo 2004 ha confermato che Don Peppe è stato ucciso per il suo impegno antimafia. L’omicidio fu ordinato da Nunzio De Falco per dimostrare che il suo gruppo era più forte e coraggioso di quello capeggiato da Francesco Schiavone alias Sandokan e per disturbare gli interessi di questi. In chiesa per uccidere Don Diana, il 19 marzo del 1994, entrò il killer Giuseppe Quadrano.



LA BEATIFICAZIONE
Giovanni Paolo II: «Un martire della Chiesa»


Papa Giovanni Paolo II, dopo la morte di Don Peppino Diana, pronunciò nell'Angelus «Voglia il Signore far sì che il sacrificio di questo suo ministro, produca frutti di Solidarietà e di Pace». Per Giovanni Paolo non ci furono dubbi, fu un martire. Il percorso di beatificazione viene richiesto da più parti. Nel 19° anniversario se ne è parlato nella chiesa San Nicola di Bari.
Si procederà ora secondo le linee generali della Chiesa.




NEL SUO NOME
Associazioni e tanti comitati: il coraggio avanza


Sono diverse le associazioni ed i gruppi che si sono costituiti nel nome di Don Giuseppe Diana. La prima a nascere fu Scuola di Pace Don Peppe Diana, l’Agesci ha continuato ad essere punto fermo nella memoria del sacerdote. Molte si sono poi riunite nel Comitato Don Diana. Intitolata al giovane prete ucciso dalla camorra anche la sala consiliare di Casal di Principe, il parco pubblico del paese e diversi presidi associativi della provincia di Caserta e Napoli



LE CELEBRAZIONI
Premi e sport per coinvolgere gli studenti


Il programma è partito ieri 6 marzo e andrà avanti fino al 18 maggio. Dopo la marcia del 19 marzo con il concerto organizzato dall’associazione Diamo voce all’arte, si proseguirà il 20 marzo a Casapesenna per l’intitolazione di un’altra strada a Don Diana, il 21 saranno proclamati i vincitori del Premio nazionale Don Diana e si disputerà il torneo di calcio. Il 23 marzo si giocherà allo stadio di San Cipriano ed il 1° maggio a Cancello Arnone.




IL MATTINO (ed. Caserta) del 07/03/14 primo piano, pag. 32






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 32499

MessaggioInviato: Dom Mar 09, 2014 12:36    Oggetto: Don DIANA ventennale : 12-13/03/2014 RAI STORIA Educational Rispondi citando




    Non tacerò, la storia di Don Peppe Diana : RAI STORIA

    merc. 12: ore 21.15 e 02.40; giov. 13 marzo: ore 09.40


Il documentario racconta la vicenda del sacerdote ucciso dalla camorra casalese il 19 marzo 1994.

L'esempio e la figura di Don Diana sono sempre stati al centro dei racconti di Roberto Saviano, che ha parlato di Don Peppe Diana in esclusiva per Rai Storia, ricostruendo il percorso anti-camorra del sacerdote e il contesto in cui ha operato. E soprattutto raccontando i depistaggi e le falsità che infangarono la figura del sacerdote, che fu accusato di essere complice dei clan, e ucciso per una storia di donne.

Nel documentario si ricostruisce la figura di Don Peppe attraverso le testimonianze dei familiari e di chi lo ha conosciuto, come l'ex sindaco Renato Natale e il giornalista Raffaele Sardo, ma anche con sacerdoti come Ton Tonino Palmese e Don Carlo Aversana, e giornalisti come Concita Sannino. Gli anni della formazione, il suo passato scout, e l'impegno anti-camorra, culminato nel manifesto "Per amore del mio popolo non tacerò".

Si torna indietro nel tempo al giorno dopo, quando le telecamere della Rai raccontarono lo sgomento e la paura del paese, ma anche la difficoltà di parlare di camorra. Ascoltando le voci dei ragazzi si coglie lo stato d'animo di una popolazione e la voglia di riscatto che si mischia all'omertà.

Quella di Don Diana è una vicenda giudiziaria molto complessa, che il racconto ricostruisce con gli interventi di 4 magistrati come il Procuratore antimafia Franco Roberti, il Procuratore di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, e i giudici Raffaele Cantone e Francesco Curcio che si sono occupati a più riprese dei Casalesi, e che (Curcio) hanno seguito i due processi di primo grado per il delitto Don Diana.

In chiusura, si racconta l'eredità del sacerdote, in nome del quale sono state utilizzate delle terre nel casertano sottratte alla criminalità. Dalle Terre di Don Diana oggi arrivano prodotti agricoli come mozzarelle e agrumi, e quelle terre danno lavoro a numerose persone. In questo senso, oltre agli operatori che lavorano nelle terre, è Don Luigi Ciotti a testimoniare i frutti del ministero spirituale di Don Diana, raccontando anche il loro unico incontro, all'inizio degli anni '90.



    è possibile vedere Rai Storia sul canale 54 del digitale terrestre, sul canale 23 di Tivùsat, sul canale 805 della piattaforma satellitare Sky e su www.raistoria.rai.it

_________________


L'ultima modifica di genziana il Mar Mar 11, 2014 14:56, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
pattyFI



Registrato: 03/01/07 21:15
Messaggi: 3275
Residenza: PELAGO (FI)

MessaggioInviato: Dom Mar 09, 2014 13:40    Oggetto: Rispondi citando


Buona domenica a tutti........e grazie Giuly x tutti gli articoli.......

Ora di pranzo durante il programma linea verde.......il promo di Don Diana.....a pranzo stranamente oggi eravamo solo in 3.......le immagin,la tua voce inconfondibile.......ci siamo soffermati in silenzio ad ascoltarti......anche mio suocero che ha la bella eta' di 88 anni ha detto......deve essere bella questa storia..........

Complimenti Alessandro,anche da parte della mia amica Ida.......anche lei ha visto il promo.......in bocca al lupo,sara' un grande successo......

patrizia,Ida P:S:Giorgio
_________________
Donare un sorriso ad un bambino malato è un atto d'amore!



Io e te che facemmo invidia al mondo, avremmo vinto mai contro un miliardo di persone! [Mille giorni di te e di me]
C.Baglioni
Top
Profilo Invia messaggio privato
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3558
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Dom Mar 09, 2014 18:55    Oggetto: Rispondi citando


Caro Ale.....poco fa...mentre mi rilassavo sul divano..davanti la TV....ho visto il promo di Don Diana e ho riconosciuto la tua voce.....e in pochi secondi mi sono commossa!!!
Una bella figura quella di Don Diana e sono sicura che la tua interpretazione nel raccontare la sua storia gliene renderà merito e farà tornare vivo il suo ricordo e lo farà conoscere a chi non lo conosceva!!!
Complimenti! Smile
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
margherita79



Registrato: 07/02/12 14:57
Messaggi: 2936
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Lun Mar 10, 2014 10:56    Oggetto: Rispondi citando


Caro Ale vedere il promo del film,i vari video delle scene,fa venire la pelle d'oca.E'una storia importante quella che hai interpretato,che parla di un uomo la cui vita è stata dedicata agli altri,e farla conoscere a tante persone servirà a scuotere gli animi.

_________________

margherita79
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 13, 14, 15 ... 30, 31, 32  Successivo
Pagina 14 di 32

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati