ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

DESK-CASOLA VALSENIO-FESTA DEI FRUTTI DIMENTICATI
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34183

MessaggioInviato: Dom Ott 20, 2013 18:50    Oggetto: Desk - CASOLA VALSENIO (RA) 23^ FESTA DEI FRUTTI DIMENTICATI Rispondi citando







23ª edizione • FESTA DEI FRUTTI DIMENTICATI

    e DEL MARRONE •di CASOLA VALSENIO (RA)




      Desk ADRICESTA ONLUS \ V. Cardinale Soglia

      solo Domenica 20 Ottobre 2013 • 09.00-19.00

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
GIUSY64



Registrato: 04/10/05 10:42
Messaggi: 442
Residenza: S.Cataldo-CL- SICILIA

MessaggioInviato: Mar Ott 22, 2013 10:47    Oggetto: Rispondi citando


Un abbraccio Mauraaaa !
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maura



Registrato: 22/11/04 17:28
Messaggi: 1185

MessaggioInviato: Mar Ott 22, 2013 11:40    Oggetto: Rispondi citando


CARA GENZY, ECCELLENTE ED UNICA DA TUA RASSEGNA STAMPA.............GRAZIE PER IL GRANDE AIUTO.

UN FORTE ABBRACCIO
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34183

MessaggioInviato: Mar Nov 05, 2013 14:19    Oggetto: Desk - CASOLA VALSENIO (RA) 23^ FESTA DEI FRUTTI DIMENTICATI Rispondi citando


Grazie a te, Maura e a chi ti accompagna in queste missioni di Solidarietà

arrivederci ai generosi casolani e turisti e alla Pro Loco di Casola Valsenio



ha scritto:



Casola Valsenio e il ritorno dei frutti dimenticati





    Autunno a colori al Giardino delle Erbe “Augusto Rinaldi Ceroni


In provincia di Ravenna l'autunno ha il sapore non solo di noci e mele cotogne ma anche di giuggiole , sorbe e azzeruole. Ovvero, i frutti dimenticati. Scopriamoli tutti


di Livia Fabietti (nexta)

Piacevoli i weekend d’autunno, occasioni ghiotte per ritagliarsi gite fuori porta allietati dai colori caldi della natura, pronti a calpestare quel morbido tappeto di foglie tipico della stagione. Il Belpaese, oltre al grande appeal delle città d’arte e le località sciisctiche, merita di essere scoperta puntando l’obiettivo su realtà minori, borghi e dimensioni a misura d’uomo dove si respira un’atmosfera d’altri tempi, pacata, rilassata, equilibrata e perfetta per intensi momenti slow.



LE IMPERDIBILI SAGRE DI OTTOBRE

In quel dell’Appennino Romagnolo, a fare capolino è Casola Valsenio, un comune adagiato nell’area collinare e montana della provincia di Ravenna, una dimensione dagli antichi trascorsi dove, grazie a preziosi ritrovamenti archeologici, è possibile certificare la presenza di insediamenti etruschi, gallici e romani. La caccia al tesoro che porta alla ricerca delle testimonianze del suo passato, conduce fino al Monte Battaglia, là dove si trovano i resti di una rocca medievale, teatro d'azione nel basso Medioevo di innumerevoli dispute per il controllo del territorio così come durante la seconda guerra mondiale per la liberazione partigiana condotta dalla 36ª Brigata Garibaldi nella disperata difesa del territorio contro le forze tedesche, battaglia che, oltre a distruggere il complesso architettonico, costò la vita a migliaia di persone portando la struttura, in seguito ad un accurato restauro, ad essere eletta come luogo di memoria e commemorazione, una realtà dalla grande forza evocativa dove riflettere sul valore dell’umanità e la pace dei popoli.

Fu proprio qui, a Casola Valsenio, uno dei tratti pittoreschi della valle del Senio, che lo scrittore Alfredo Oriani compose tutte le sue opere: oggi giorno è possibile visitare la sua antica austera casa-museo “Il Cardello”, per molti anni la foresteria dell’Abbazia di Valsenio, un complesso benedettino del X secolo, un raro esempio di abitazione signorile romagnola con quell’arredo così sobrio che si ammira visitando lo studio, la camera da letto e la sua bibilioteca.

Lo sviluppo turistico di Casola Valsenio ruota però soprattutto intorno al suo fascino ambientale e alle ricchezze della terra e, nello specifico alle erbe officinali tanto da essere chiamato il "Paese delle Erbe e dei Frutti Dimenticati o ancora “la Piccola Provenza Italiana”; un vanto questo che tutti possono toccare con mano visitando il Giardino delle Erbe “Augusto Rinaldi Ceroni” (via del Corso 6, Casola V., Tel. 054673158 www.ilgiardinodelleerbe.it ), dedicato proprio a colui che fu il pioniere dell'erboristeria italiana là dove, nei suoi quattro ettari di superficie, si coltivano e conservano piante di interesse officinale ed aromatico, se ne contano almeno quattrocento.

L’autunno accorcia le distanza con la terra invitando tutti a prendere parte alla Festa dei Frutti Dimenticati, in programma il 12-13 ed il 19-20 ottobre, un momento in cui è possibile scoprire i segreti, le qualità e le peculiarità di quelle piante che, fin dal basso medioevo, venivano lavorate nelle officine dei conventi e costituivano una preziosa scorta di cibo, un vero e proprio bottino da custodire e sfruttare durante il duro inverno. I loro nomi possono suonare non poi così nuovi: sono giuggiole, pere spadone, corniole, nespole, mele cotogne, corbezzoli, azzeruole, sorbe, pere volpine, uva spina o ancora noci, nocciole, melagrane, ingredienti alla base dei ristoranti della zona che li renderanno veri e propri protagonisti dei propri menù per tutto l’autunno.



IL RECUPERO DEI FRUTTI ANTICHI

La “Cucina ai frutti dimenticati” è una ghiotta occasione per sperimentare in maniera del tutto innovativa, piacevole e sfiziosa, quel curioso binomio tra frutti della terra e le piante aromatiche: il risultato sono insalate di sedano, ribes bianco e rosso in agrodolce, o di finocchio selvatico con tarassaco, cerfoglio e salsa di melograno, risotti di pere volpine, arrosto di arista con castagne e lamponi o il rotolo di vitello al melograno, la crostata di marmellata di sorbe, le prugnole ripiene di noci e zabaione, il sorbetto alle corniole ed il tipico, "migliaccio", realizzato con mele cotogne, pere volpine, mele gialle, cioccolato, pane, raffermo grattugiato, canditi, riso e, per chi volesse seguire la ricetta originale, bisogna aggiungere sangue di maiale.


LE FOTO DEI FRUTTI DIMENTICATI DA RISCOPRIRE

Informazioni utili:
Pro Loco Casola Valsenio
Tel. 0546 73033
www.terredifaenza.it
www.comune.casolavalsenio.ra.it

In italia 10/10/2013






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati