ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

"SORELLE" giovedì 9 marzo di CINZIA TH TORRINI
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Mer Mar 01, 2017 20:12    Oggetto: RAI UNO da giovedì 9 marzo 21:15 SORELLE regia C. TH TORRINI Rispondi citando




Avviso!! variazione di programmazione X 6 puntate

"SORELLE" 21:15 RAI UNO giovedì! 9 MARZO la 1^

puntata e
poi sempre IN ONDA OGNI GIOVEDÌ (+5)








Sorelle è una serie tv scritta da Ivan Cotroneo e Monica Rametta con la regia di Cinzia TH Torrini; vede protagoniste Anna Valle e un’altra meravigliosa località del nostro Paese, la città di Matera in Basilicata; previsti 6 episodi da 100' ciascuno in onda su RAI1






In Sorelle, Anna Valle interpreta Chiara, un brillante avvocato, single e senza figli, che vive a Roma ed è felice della sua indipendenza e dei suoi successi professionali. Nonostante non abbia buoni rapporti con la sua famiglia, decide di fare ritorno a Matera, la sua città d'origine, per far luce sulla scomparsa della sorella Elena, interpretata da Ana Caterina Morariu, e per star vicino ai suoi tre nipoti. Si troverà ad affrontare persone e segreti legati al suo passato, ma questo la porterà verso una nuova vita che mai avrebbe creduto possibile.
Grande ritorno, anche in questa serie, quello di Loretta Goggi, nel ruolo di Antonia la madre di Chiara ed Elena.
Il protagonista maschile è Giorgio Marchesi e nel cast, fra gli altri, troviamo Alessio Vassallo e Irene Ferri.






Interpreti:
Anna Valle, Giorgio Marchesi, Alessio Vassallo, Irene Ferri, con la partecipazione straordinaria di Ana Caterina Morariu e con Loretta Goggi, Alan Cappelli Goetz, Aurora Giovinazzo, Niccolò Calvagna, Leonardo Della Bianca, Elisabetta Pellini



Regia di Cinzia TH Torrini


Scritto da Ivan Cotroneo e Monica Rametta già autori di “Un’altra vita”

Produzione: Endemol Shine Italy



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Gio Mar 02, 2017 16:09    Oggetto: SORELLE a RAI UNO - Dopo Fiction 02/03/2017 TORRINI E GOGGI Rispondi citando



RAI 1 - Dopo Fiction - 23:50 - anteprima "SORELLE"

Cinzia TH Torrini e Loretta Goggi presentano la serie

6 puntate in onda ogni giovedì a partire dal 9 marzo!






siete utenti di FACEBOOK? https://www.facebook.com/cinziath.torrini.3

siete utenti del Forum di Alessandro? commentate qui e noi invieremo!!



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Sab Mar 04, 2017 01:35    Oggetto: SORELLE serie RAI UNO 6 puntate 1^ 9 MARZO 2017 ogni GIOVEDì Rispondi citando



Cinzia TH Torrini ospite in studio da Gigi Marzullo

presenta "SORELLE" 01:00 puntata : 4 marzo '17

su RAI UNO "CINEMATOGRAFO" e su RAI REPLAY



http://www.raiplay.it/video/2017/02/Cinematografo-271c1570-1881-42dd-bf12-2d4d04c5e4bd.html VEDI ANTEPRIMA





Lunedì 6 marzo, 10.30, RAI sala A viale Mazzini 14

Roma, presentazione di "SORELLE" 1^ puntata 9/3



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Sab Mar 04, 2017 19:50    Oggetto: SORELLE Rai 1 _ F Cairo Editore intervista CINZIA TH TORRINI Rispondi citando



ha scritto:



      INTERVISTA con Cinzia TH Torrini

      da Elisa di Rivombrosa a SORELLE

      mi piace raccontare la rinascita delle donne

di Laura Laurenzi


Al sesto piano di uno storico palazzo umbertino, in questo suo nido d’aquila affollato di Telegatti e premi vari, Cinzia TH Torrini crea, lavora, scrive, studia, prende appunti in attesa di volare sul prossimo set. Bionda, minuta, risoluta, a 62 anni è la regista dei record, quella che racconta le donne come sono e non come gli uomini vorrebbero che fossero.

Nelle sue fiction si afferma un tipo di donna più indipendente, meno soggetta agli stereotipi. È così anche in Sorelle, dal 9 marzo su RAI UNO?

«Cerco sempre di tratteggiare figure femminili meno prevedibili, più moderne, più sfaccettate. È certamente il caso di Chiara, la protagonista di questa fiction, ruolo affidato ad Anna Valle».

Ma chi è che sceglie gli attori: la produzione o il regista?

«Be’, tendenzialmente li scelgo io. Sono io che ho proposto Anna Valle, con la quale non avevo mai lavorato e che in questo ruolo funziona perfettamente. Non vorrei prendermi meriti che non ho, ma sono riuscita a tirare fuori da lei sfumature ed emozioni che prima non aveva mai dato, e di questo sono molto fera. Anna si è affidata a me completamente. La storia in particolare mescola molti generi: giallo, mystery, paranormale, commedia, melò. È una grande sfida a livello di regia. In più ci sono flashback, sogni, ricostruzioni: una storia intricata e intrigante».

Che ruolo ha Loretta Goggi?

«È la madre della protagonista, un personaggio molto complesso, quasi una sensitiva. Non trovo le parole per esprimere l’incredibile bravura di questa attrice. La paragono a uno Stradivari che io posso suonare come voglio. Nessuna riesce a essere così mutevole nell’esprimere le emozioni, nessuna si sarebbe fatta invecchiare come l’abbiamo invecchiata in questa fiction».

Sono sempre le donne i personaggi che lei racconta meglio.

«Sì, in fondo in tutte le mie regie a me piace raccontare storie di rinascita femminile. È così con Sorelle, è stato così con Elisa di Rivombrosa e anche con Un’altra vita, la fiction con Vanessa Incontrada, ambientata a Ponza, che ha avuto un vero boom di ascolti. Tutti aspettavano il due invece non è stato fatto. D’altra parte nemmeno il sequel di Elisa è mai stato fatto».

È vero che Elisa di Rivombrosa lei non lo voleva girare?

«Per la verità ero piuttosto perplessa. Una storia d’amore contrastato: non mi sembrava particolarmente interessante. Ho sempre raccontato vicende molto più forti, legate all’attualità e al sociale. Non mi ci ritrovavo in questa fiction in costume. Fu un po’ una scommessa, che ho vinto. Man mano ho capito che fare un film in costume è solo la cornice: si può uscire facilmente da quelle pagine di storia polverosa. Ho capito che le psicologie rimangono le stesse e gli spettatori vi si possono ugualmente identificare, come se la storia fosse contemporanea».

È vero che le registe donne girano le scene di sesso in maniera diversa?

«L’ho sempre pensato, e credo che lo spettatore se ne accorga immediatamente. Se il regista è un uomo, le scene d’amore somigliano quasi a una violenza, a uno stupro velato: le donne sono vittime passive. A me invece piace raccontare la gioia della passione, la sensualità. E mi piace far vedere che spesso sono le donne a prendere l’iniziativa».

Come mai sono ancora così poche le donne registe?

«Non solo da noi ma anche in America resta un lavoro, anzi un mondo, ancora tutto maschile, da cui gli uomini tendono a escluderci come dai loro circoli. Da giurata dei David di Donatello mi sono accorta che degli 81 flm in concorso quelli diretti da donne erano soltanto otto: niente».

È vero che per fare questo lavoro lei ha rinunciato ad avere dei figli?

«È verissimo. Il mio lavoro è totalizzante e non c’è posto per nient’altro. Il film che sto facendo diventa l’unica cosa della mia vita: so che devo dare il meglio, non penso ad altro, mi sveglio alle quattro del mattino con i miei personaggi in testa».

È per questo che ha rinunciato anche a sposarsi?

«Prima le mie storie naufragavano ogni volta che partivo e andavo a fare un film. Con Ralph Palka, attore e fotografo di scena tedesco, la convivenza dura miracolosamente ormai da vent’anni. Ma dura, secondo me, anche perché non siamo sposati. Obbligami a prendere un impegno come il matrimonio, rinchiudimi prigioniera di una regola e sarò la prima a trasgredire. In più, ho avuto una pessima esperienza con il mio primo ragazzo, con cui sono stata da quando avevo 16 anni fino ai 19: era violento, mi picchiava. Sono cose che non si dimenticano».

Perché una fiction funzioni che cosa è indispensabile e che cosa è superfluo?

«Non saprei dire. È un po’ come quando uno cucina: io cerco di avere i migliori ingredienti, l’olio buono eccetera. È da lì che devi partire, sentendo i sapori, amalgamandoli. Insomma, è una questione di chimica».

Dicono che lei sia una regista molto dura, dispotica.

«Certo sono un po’ tosta, però grido raramente, nei momenti in cui lo devo proprio fare. Sono un po’ burbera, però non sono sadica. Al contrario, amo profondamente i miei attori. Il mio lavoro è tirare fuori il meglio da tutti: non solo dagli attori, ma dal costumista, dallo scenografo, dall’attrezzista. Quando si sentono apprezzate e stimolate, le persone lavorano meglio. Devo coinvolgerli tutti: il nostro è un lavoro di squadra e io sul set creo una famiglia».

C’è una fiction fatta da altri che avrebbe voluto fare lei?

«Avrei voluto fare I Medici, tantissimo. Avrei voluto farlo meglio, l’avrei fatto diversamente, anche perché sono di Firenze e conosco profondamente la città e i suoi abitanti. “Fatelo fare a Cinzia!”: l’ha detto il sindaco di Firenze, l’ha detto il presidente della Regione, ma la produzione ha voluto un regista americano, che poi è di origini romene. Ed è andata come è andata».

Che consiglio darebbe a una ragazza che vuole seguire le sue orme?

«Ci deve credere, deve avere tanta passione, deve andare avanti, non si deve scoraggiare, deve filmare col telefonino, mandare le sue cose ai festival, coltivare la propria creatività. Se uno ha dentro di sé un mondo da raccontare, alla fine viene fuori.
Io ho deciso di prendere questa strada a 21 anni. Quando dissi ai miei genitori che volevo iscrivermi al Centro Sperimentale di Cinematografia, la loro risposta fu un bel ceffone: Roma gli faceva paura, la vedevano come la città della perdizione. Però mi lasciarono andare a studiare cinema in Germania, a Monaco. E lì è cominciata la mia avventura
».




F – n. 8 – pagine da 57 a 60 – settimanale Cairo Editore - 1° marzo 2017





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Sab Mar 04, 2017 20:04    Oggetto: SORELLE Rai 1 _ F Cairo Editore intervista CINZIA TH TORRINI Rispondi citando



ha scritto:




F – n. 8 – pagine da 57 a 60 – settimanale Cairo Editore - 1° marzo 2017






Avviso!! variazione di programmazione X 6 puntate

"SORELLE" 21:15 RAI UNO giovedì! 9 MARZO la 1^

puntata e
poi sempre IN ONDA OGNI GIOVEDÌ (+5)



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 12:30    Oggetto: SORELLE serie RAI UNO - attori raccontano CINZIA TH TORRINI Rispondi citando




gli attori di SORELLE raccontano di Cinzia TH Torrini, regista e persona,

siete utenti di FACEBOOK? https://www.facebook.com/cinziath.torrini.3

siete utenti del Forum di Alessandro? commentate qui e noi invieremo!!



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 14:13    Oggetto: SORELLE - TV SORRISI E CANZONI intervista CINZIA TH TORRINI Rispondi citando



ha scritto:



          Cinzia TH Torrini presenta

          la nuova fiction : SORELLE


La regista delle nuova fiction di Rai1 ci racconta meglio dei personaggi interpretati da Loretta Goggi e Anna Valle



Giovedì 9 marzo arriva su Rai1 la prima puntata di «SORELLE» la nuova fiction con protagoniste Loretta Goggi e Anna Valle che vede Cinzia TH Torrini alla regia. Sei puntate da 100 minuti l’una per raccontare la storia di queste due sorelle, diversissime tra loro, e della loro madre Antonia.

Per scoprire qualcosa di più sui personaggi che popolano questa storia, abbiamo parlato con una persona che di certo li conosce bene: la regista della fiction Cinzia TH Torrini.

Loretta Goggi è l'elemento che accomuna «SORELLE» e «Un'altra vita», ma non è l'unico. Al centro della storia c'è ancora una volta una donna, cosa ci può raccontare di «SORELLE»?

Proprio perché era già in «Un’Altra Vita», qui ho cercato di rendere completamente un’altra “Loretta”. Un personaggio diverso e in un modo così particolare che solo la sua bravura è riuscita ad interpretare! Mi piace raccontare personaggi femminili in tutte le loro sfaccettature. Anche in «SORELLE» c’è una rinascita, com'è stato in «Un’Altra Vita» con Emma (Vanessa Incontrada). In questo caso Chiara (Anna Valle), brava avvocatessa in carriera, suo malgrado deve tornare nella sua città, Matera, perché ancora una volta sua sorella Elena è sparita lasciando da soli i suoi tre ragazzini. Chiara ha un difficile rapporto con la sua città d’origine, legata a dolorosi ricordi del passato che l’hanno profondamente segnata. È lì, infatti, che ha visto infrangersi il suo sogno d’amore e vive anche la madre, Antonia (Loretta Goggi) che da quando è scomparsa la figlia, dice di percepire la presenza di Elena. Nessuno la prende sul serio, ma stranamente anche Chiara inizia a fare un sogno che la riconduce sempre a sua sorella…. È una storia che mi ha molto appassionato, perché racchiude vari generi, c’è il giallo, c’è il mistero, c’è l’amore, c’è la famiglia.

Come descriverebbe in breve i personaggi di Loretta Goggi e A. Valle?

Chiara, interpretata da Anna Valle, è una donna tutta d’un pezzo, razionale, assennata, molto responsabile. Antonia (Loretta Goggi), invece, è esattamente l’opposto: uno spirito libero. L’età inizia a giocarle qualche brutto scherzo e a volte perde di lucidità, sembrerebbe a tratti al limite della pazzia.

E il rapporto tra le due?

Hanno un rapporto conflittuale per la diversità dei loro caratteri. Si vogliono naturalmente un gran bene, ma i troppi silenzi e le incomprensioni hanno creato un muro tra le due difficile da abbattere.

Il personaggio interpretato da Giorgio Marchesi sembra essere pieno di misteri e segreti, può anticiparci qualcosa?

Giorgio Marchesi interpreta Roberto. Il grande amore di Chiara a cui nel passato ha dovuto bruscamente rinunciare. Roberto si era ritrovato coinvolto passionalmente dalla esuberante Elena, molto più simile caratterialmente ad Antonia.

A fare da sfondo alla storia è Matera, una città senza dubbio unica nel suo genere, come vi siete trovati e quanto ha influito nella narrazione la sua particolarità?

Matera con i suoi Sassi ha una forza magnetica che ci ha subito catturati, non solo per l’architettura particolare che sembra un quadro di Escher, ma anche per il paesaggio straordinario su cui si affaccia. Nella fiction sarà possibile vedere immagini che sono un piacere per gli occhi e abbiamo girato durante l’inverno, quindi senza turisti.



23 Febbraio 2017 | di Manuela Puglisi | pubblicato via SORRISI.COM







(foto di Ralph Palka)
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 14:40    Oggetto: SORELLE fiction RAI 1 - FILM TV intervista CINZIA TH TORRINI Rispondi citando



ha scritto:



        Intervista a Cinzia TH Torrini

        .. LA FORZA DELLE DONNE


Tre anni dopo Un’altra vita, la regista Cinzia TH Torrini torna a lavorare con gli sceneggiatori Ivan Cotroneo e Monica Rametta.

SORELLE, sei puntate in onda dal 9 marzo, è ancora la storia di una donna protagonista di una rinascita. “Amo lavorare con Cotroneo e Rametta perché sono in grado di andare in profondità nelle psicologie e nei sentimenti dei personaggi. In Sorelle Anna Valle è Chiara, una donna moderna, avvocato in carriera a Roma, senza marito né figli” racconta Torrini. “Quando sua sorella Elena scompare, torna a casa, a Matera, ed è costretta a confrontarsi col passato e con l’uomo che le ha segnato l’esistenza. Ci sono dei collegamenti con Un’altra vita, verto, ma i personaggi principali sono molto diversi tra loro; anche Loretta Goggi, in entrambe le serie, incarna due caratteri lontanissimi: qui è stata molto coraggiosa, accentando di invecchiarsi. Lo stesso vale per Anna, che si è fidata ciecamente di me”. Se là aveva filmato a Ponza, qui è la volta di Matera. “Nelle atmosfere di questa vicenda vedevo riferimenti, con tutte le differenze del caso, a Twin Peaks, e ho scelto di girare a Matera perché i tufi scavati, le grotte, i dirupi, la gravina, restituiscono la sensazione di mistero e magia che cercavo. Inoltre, girando d’inverno siamo riusciti a evitare che fosse invasa di turisti e a mostrarne un volto inedito”.
Oltre al melò, dunque. SORELLE costeggia il giallo, il mystery, il soprannaturale. “E’ stato complicato navigare tra i generi, e anche tra gli esperimenti narrativi: ci sono i flashback, i sogni… Ho cercato di rendere semplice e accessibile tutto questo per un pubblico vasto. Elisa di Rivombrosa è stato uno spartiacque, nella mia carriera, ma prima avevo fatto Ombre e Morte di una strega, il mistero era un po’ la mia cifra. Quindi Sorelle è, anche per me, un ritorno alle origini”. Continua: “E’ una scommessa: conosco bene gli spettatori di Rai!, e mi piace stimolarli. Chi ha detto che vogliano vedere sempre la stessa cosa, che siano fuori dalla realtà? Anche se non abbiamo il budget delle serie Usa, non vuol dire che non possiamo, come loro, diversificare”. Conclude con un appello. “Visto che la serie inizia il 9 marzo, mi piacerebbe che le donne si trovassero a guardarla insieme, per festeggiare e fare squadra. Non anticipo troppo, ma il finale sarà imprevedibile e anche di grande attualità”.



FILM TV n. 09 27/02/17 pag. 31 - TELEpass a cura di Alice Cuccetti







(foto di Ralph Palka)

_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 19:54    Oggetto: SORELLE serie: TV SORRISI E CANZONI intervista LORETTA GOGGI Rispondi citando



ha scritto:




LORETTA GOGGI nella serie di Raiuno SORELLE

è una nonna fuori dagli schemi:
«Sul set ho usato una parrucca, ma poi...»
questa fiction mi ha fatto venire i capelli bianchi




Arriva al nostro appuntamento di corsa, in leggero ritardo. «Scusa, mi è saltata la luce a casa e non sapevo come fare con l’allarme!». Cappellino calato in testa e occhiali in tinta con il blu del completo, Loretta Goggi ci apre il suo ufficio romano in zona Parioli, un piccolo «caveau» dove ha raccolto una sintesi della sua infinita carriera, iniziata quando aveva solo 11 anni. L’occasione è «SORELLE», fiction in sei puntate al via il 9 marzo su RAI UNO, in cui ha ritrovato lo stesso gruppo di lavoro di «Un’altra vita». Anche questa fiction, prodotta da Endemol Shine Italy, scritta da Ivan Cotroneo e diretta da Cinzia TH Torrini, racconta una storia di rinascita femminile, ma in più c’è una vena di mistero e giallo.
Qui Loretta è Antonia, mamma «hippy» di due ragazze molto diverse: Anna Valle è Chiara, un avvocato brillante dedito alla carriera, mentre Ana Caterina Morariu è Elena, artista, insegnante e mamma di tre figli avuti dall’ex fidanzato di Chiara, Roberto (Giorgio Marchesi).

Lei ha interpretato il ruolo della nonna nelle fiction «Un’altra vita», «Come fai sbagli» e ora anche in «SORELLE». Una nonna tira l’altra…
«Come le ciliegie! (ride). Ci sono tanti fan che si lamentano perché faccio sempre la parte della nonna. Ma per l’età che ho è normale. In alternativa potrei fare la zitella o la vedova!».

Ci spieghi chi è Antonia.
«È difficile da inquadrare e ha diverse sfaccettature. Ha vissuto la giovinezza negli anni dei figli dei fiori. È una hippy che si è battuta per l’emancipazione femminile. Libera e disinibita, ha avuto due figlie da partner diversi. A Matera, dove vive, ha intrecciato diverse storie con uomini sposati. Sua figlia Elena le somiglia molto e spesso, quando ha una nuova storia d’amore, scompare per qualche giorno. Solo che questa volta non torna più. Così, per evitare che i suoi figli vengano affidati al padre, chiedo aiuto a Chiara».

Con i suoi nipoti che rapporto ha?
«Non è la tipica nonna tutta coccole e favole, ma è energica e indipendente. Quando Elena scompare, inizia a ricevere strani segnali da lei: oggetti che cadono, rumori in cantina, fotografie segnate in modo strano. Ma la prendono per pazza. Oltre ad avere avuto un’ischemia ha anche un principio di demenza senile e scorda molte cose».

E poi ha un’immagine forte: abiti colorati, capelli lunghi e grigi.
«L’idea è di Cinzia, la regista. Non voleva che somigliassi a una nonna tradizionale o a qualche altro mio personaggio. Cercava qualcosa che si staccasse completamente. A me non interessava essere bella ma, possibilmente, brava. Così abbiamo trovato assieme la chiave del personaggio. Un giorno a Firenze Cinzia ha visto in una vetrina di accessori etnici un manichino che secondo lei era perfetto. Mi ha mandato una foto dicendomi che mi avrebbe visto bene così. Poi con Chiara Ferrantini, già costumista di “Montalbano”, abbiamo fatto diverse prove di parrucche e trucco. Il risultato finale è molto pulito, le labbra risultano sottili e tirate, il viso largo. La parrucca, poi! Sembrano capelli veri. Mi sono sentita benissimo così, tant’è che subito dopo la fine delle riprese ho voluto farmi i capelli bianchi e cambiare taglio».

Le sarebbe piaciuto avere due figlie come Anna e Ana?
«Sono persone meravigliose. Con Anna ho instaurato un rapporto bellissimo: per la festa della mamma mi ha mandato gli auguri. L’altro giorno al telefono mi ha chiamata “mammetta” e le ho fatto mille raccomandazioni perché doveva partire. Come farebbe una vera mamma!». [...]

Cosa si aspetta da questa fiction?
«Di essere scoperta come attrice. Cerco sempre di migliorare e non vedevo l’ora di interpretare un ruolo forte come questo. Una brava interprete deve dimostrare di poter fare ruoli sempre differenti. È stato molto impegnativo creare un personaggio completamente diverso da quello di “Un’altra vita”, ma credo di esserci riuscita: nel “promo” andato in onda durante Sanremo mia sorella non mi ha riconosciuta!».

Ci sarà il seguito di «SORELLE»?
«No, essendo un mistery si conclude, a differenza del finale aperto di “Un’altra vita”. Per ora non ho altri progetti. Dopo due libri, tre fiction e sei edizioni di “Tale e quale show” forse è il caso che mi fermi a pensare cosa voglio fare da grande».

E cosa vuole fare da grande?
«Voglio continuare a recitare! Se Dio mi dà la forza e... la memoria!».


di Solange Savagnone |

TV SORRISI E CANZONI - N. 10 - pagine 20 e 21 - 28 febbraio 2017








http://www.sorrisi.com/tv/fiction/sorelle-loretta-goggi-presenta-antonia-in-esclusiva-per-sorrisi-nuova-fiction-rai1-anna-valle/


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mayte



Registrato: 25/09/15 20:30
Messaggi: 371
Residenza: BARCELONA

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 23:03    Oggetto: Rispondi citando


Non vedo l'ora, sto ansiosa
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2017 14:40    Oggetto: SORELLE a RAI UNO - Domenica In 05/03/2017 GOGGI e MARCHESI Rispondi citando



    LORETTA GOGGI E GIORGIO MARCHESI ospiti di

    BAUDO a DOMENICA IN presentano : "SORELLE"

    RAI UNO in apertura della puntata 5 marzo 2017



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2017 14:47    Oggetto: SORELLE a RAI 3 Fuori che tempo che fa 05/03/2017 ANNA VALLE Rispondi citando



ANNA VALLE ospite di RAI TRE presenta "SORELLE"

FUORI che TEMPO che FA, domenica 5 marzo 2017






http://www.raiplay.it/video/2017/02/Che-fuori-tempo-che-fa-1e043138-9c43-4e19-9c2d-df443656484b.html VAI A 00:45:33


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2017 15:06    Oggetto: SORELLE, 6 giovedì su RAI 1 - Gente intervista LORETTA GOGGI Rispondi citando



ha scritto:



La metamorfosi impressionante: 10 anni di più

Loretta GOGGI:vedrete nessuno mi riconoscerà




Dopo oltre cinquant’anni di carriera come attrice, cantante, ballerina e presentatrice, Loretta Goggi ha accumulato una discreta serie di segreti professionali. Molti di questi le sono tornati utili per interpretare Antonia nella fiction SORELLE, in onda dal 9 marzo in sei puntate su Rai Uno. Saranno protagoniste al suo fianco Anna Valle e Ana Caterina Morariu nel ruolo delle figlie Chiara ed Elena. Dopo decenni di assenza dalle fiction, nel 2014 il grande successo di Un’altra vita ha segnato il ritorno di Loretta nelle serie tv. SORELLE è una storia di riscatto al femminile, in cui tre donne dal carattere forte e diverse tra loro si confrontano sulla vita e sull’amore, nella bellissima cornice di MATERA.
Non accetto mai lavori che non mi facciano anche un po’ paura” spiega la Goggi, che in questo personaggio si è calata con tutta se stessa, come sempre. “Interpretare mamma Antonia è stata proprio una sfida perché è completamente diversa da me: io sono solare, lei è chiusa, introversa, piena di contraddizioni. E’ libera, ma è anche rigorosa, non è cattiva ma non è nemmeno buona. Ho lavorato molto. Anche sull’intonazione della voce, per rendere il timbro più basso. Volevo proprio che non si riconoscesse”. Infatti, si stenterà a trovare Loretta Goggi sotto i panni di Antonia, una donna dai capelli brizzolati e raccolti, che porta gonne lunghe e gioielli gipsy. “Mia sorella Liliana, dopo aver visto il promo della serie, mi ha chiamata per chiedermi se c’ero davvero nel cast”.
Anche il trucco ha fatto la sua parte della metamorfosi. “L’intenzione era di dimostrare almeno dieci anni di più. Antonia è una ex figlia dei fiori che non ha mai usato rossetto e fondotinta, quindi le truccatrici non hanno corretto i difetti dell’età. Ho indossato anche una parrucca di capelli grigi e il gioco delle luci ha fatto il resto”. Loretta ha contribuito alla creazione del personaggio fornendo abiti e gioielli direttamente dal suo guardaroba. “Ho messo a disposizione qualche gonnellone fiorato, mentre le collane e gli orecchini sono tutti miei: li ho acquistati durante i miei viaggi in India, negli Anni ‘70”. […]

Una delle conquiste dell’ultimo periodo è il rapporto con Anna Valle. “E’ una persona eccezionale. Per lei sono “Antonetta”, un mix di Antonia, che è sua madre nella fiction, e Loretta. L’anno scorso, finite le riprese di SORELLE, mi chiamò per farmi gli auguri per la Festa della Mamma e anche a Natale non è mancata una sua telefonata. Per me, che di figli non ne ho avuti, è stata una grande emozione. E’ come avere una figlia senza aver provato la fatica di crescerla. Perfetto, no?”.

di Roberta Spadotto


GENTE n. 8 - 28 febbraio 2017 – pagine 43-45 - magazine Hearst Editore





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2017 18:21    Oggetto: SORELLE Raiuno di giovedì; NUOVO TV intervista VALLE e GOGGI Rispondi citando




ha scritto:



Arriva su RAI UNO la fiction “SORELLE”, firmata da

CINZIA TH TORRINI - nella serie tv al via il 9 marzo







Anna e Loretta: in televisione abbiamo un rapporto difficile

nella vita invece... tra di noi è nata una bellissima amicizia







Valle: “Interpreto Chiara, una donna troppo razionale

Goggi: “Ho il ruolo di Antonia, una mamma poco convenzionale







NUOVO TV - settimanale n. 9|2017, 7 marzo - pagine 6-7-9 _ Cairo Editore





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34190

MessaggioInviato: Lun Mar 06, 2017 18:21    Oggetto: SORELLE serie RAI UNO 6 puntate ogni GIOVEDì 1^ 9 MARZO 2017 Rispondi citando




_________________


L'ultima modifica di genziana il Gio Mar 09, 2017 02:27, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Pagina 2 di 10

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati