ContoCorrente  Eventi  Shopping
Home Page Personal Curriculum Photo Gallery


 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

TOURNE' 2018 di ALE con VAN GOGH
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 17, 18, 19  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mar Feb 06, 2018 21:30    Oggetto: VINCENT VAN GOGH L'odore assordante del bianco, 1° TOUR 2018 Rispondi citando





_ KHORA.teatro con TSA - Teatro Stabile d'Abruzzo

presentano



ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

di STEFANO MASSINI con regia di Alessandro Maggi




testo vincitore del Premio Tondelli Riccione Teatro 2005



scene|costumi Marta Crisolini Malatesta; disegno luci
Valerio Tiberi, Andrea Burgaretta; musiche Giacomo
Vezzani
; supervisione artistica di Alessandro Preziosi




aiuto regia Angela Zinno; direttore di scena Giovanni Piccirillo; capo macchinista Mimmo Pirolla; capo elettricista Dino Iovannitti; sarta Silvia Lombardi; service audio e luci Emmedue; scenotecnica L'Aquila scena; trucco e acconciature Capelli & Company; calzature Shoes4show;



produz. KHORA.teatro |TSA Teatro Stabile d'Abruzzo

_ in collaborazione con il FESTIVAL di SPOLETO 60 _

prima nazionale 27 giugno '17 Napoli Teatro Festival





prodotto da Alessandro Preziosi, Tommaso Mattei, Aldo Allegrini

produzione esecutiva di Aldo Allegrini; ritratti di Francesca Fago; foto di scena: Manuela Giusto; design grafico: Arianna Sabbatini





        PERSONAGGI E INTERPRETI


        Vincent Van Gogh: Alessandro Preziosi

        Dottor Peyron: Francesco Biscione

        Theo Van Gogh: Massimo Nicolini
        Dottor Vernon-Lazàre: Roberto Manzi
        infermiere Gustave: Alessio Genchi
        infermiere Roland: Vincenzo Zampa



        voce di Vincent bambino: Davide Piccirillo







prima TOURNEE TEATRALE anno 2018, KHORA.teatro




      dal 20 al 21 gennaioFERMO, Teatro DELL’AQUILA
      . AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali
      - Residenza di Riallestimento


      23 gennaio - ESTE (PD), Teatro FARINELLI
      . ArteVEN Circuito Teatrale Regionale
      . Teatro Stabile del Veneto, Teatro Nazionale
      . Regione del Veneto e MiBACT


      dal 24 al 28 gennaio - VENEZIA MESTRE, Teatro TONIOLO
      . ArteVEN Circuito Teatrale Regionale


      30 gennaio - SACILE (PN), Teatro Politeama ZANCANARO
      . ERT del Friuli Venezia Giulia


      dal 31 gennaio al 4 febbraio - TRIESTE, Politeama ROSSETTI
      . TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA,
      - Teatro di Rilevante Interesse Culturale


      6-7-8|10-11 febbraio - FIRENZE, Teatro della PERGOLA
      . TEATRO DELLA TOSCANA, Teatro Nazionale


      dal 13 febbraio al 4 marzo - ROMA, Teatro ELISEO


      6 marzoSULMONA (AQ), Teatro Com.le Maria CANIGLIA
      . ACS Abruzzo Circuito Spettacolo


      dal 7 all'8 marzo - TERAMO, Teatro Comunale
      . ACS Abruzzo Circuito Spettacolo


      dal 9 all'11 marzo - BOLOGNA, Teatro DUSE


      dal 13 al 14 marzo - L'AQUILA, Ridotto del Teatro Comunale
      . TEATRO STABILE D'ABRUZZO, Ente Teatrale Regionale


      dal 15 al 18 marzo - SALERNO, Teatro Municipale VERDI
      . Teatro Pubblico Campano


      dal 20 al 25 marzo - NAPOLI, Teatro MERCADANTE
      . TEATRO STABILE DI NAPOLI, Teatro Nazionale


      27 marzo - URBINO (PU), Teatro SANZIO
      . AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali


      28 marzo - RECANATI (MC), Teatro Giuseppe PERSIANI
      . AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali


      dal 6 all'8 aprile - TREVISO, Teatro Com.le DEL MONACO
      . Teatri e Umanesimo Latino SpA


      dal 10 al 12 aprileTHIENE (VI), Teatro Comunale
      . ArteVEN Circuito Teatrale Regionale


      dal 14 al 15 aprileCHIETI, Teatro MARRUCINO



aggiornamenti, foto, interviste, rassegna stampa selezionata da


Alessandro Preziosi official Forum lieto 2018 con voi!

ADRICESTA Onlus seguirà il Tour con Eventi Benefici








con preghiera di utilizzare con parsimonia Riporta onde consentire aggiornamenti

e modifica al messaggio originale. Grazie per la comprensione e la collaborazione

allo scopo di fornire informazioni precise e accurate per utenti e lettori del Forum




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mar Feb 06, 2018 21:36    Oggetto: VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco - TOUR 2018 Rispondi citando




ha scritto:






    Da Van Gogh a Freud - quest’anno gli attori italiani mettono in scena i grandi -

    Alessandro Preziosi sarà il pittore in
    uno spettacolo del Teatro Stabile d’Abruzzo



Ci sono uomini, come J.F. Kennedy, Ghandi o i nostri Falcone e Borsellino, che solo con il loro esempio o parole hanno cambiato per sempre il mondo. Grandi talenti nella propria «arte», come Michelangelo, Freud o Rita Levi Montalcini, che con il proprio talento hanno inciso in maniera indelebile nel sapere dell'uomo. Ma anche persone “comuni” entrate con il loro coraggio a far parte delle pagine della Storia.
È soprattutto a loro che guarda il Teatro del 2018, in una seconda metà di stagione che uno dopo l'altro porta in scena vite e ambizioni dei grandi uomini e donne dell'ultimo secolo e non solo. Quasi a monito. O forse un augurio.

Prima star dell'anno è Vincent Van Gogh, il tormentato maestro dei girasoli, che dopo il debutto al Napoli Teatro Festival Italia parte in tournée a fine gennaio interpretato nella sua geniale follia da Alessandro Preziosi ne «L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO» di Stefano Massini. Lo spettacolo – coprodotto dal TSA (Teatro Stabile d’Abruzzo) - farà tappa anche in Abruzzo: il 7 e l’8 marzo al Comunale di Teramo; il 13 e il 14 marzo al Ridotto del Comunale dell’Aquila; e il 14 e il 15 aprile al Marrucino di Chieti.



Estratto dall'articolo di Daniela Giammusso ©RIPRODUZIONE RISERVATA


IL CENTRO ed. nazionale - Cultura&Spettacoli - pag. 37 03/01/2018







dall'edicola e dal web - la nostra rassegna stampa cronologica

su argomenti artistici o solidali sempre nel topic dei GIORNALI









_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 02:41    Oggetto: VINCENT VAN GOGH - L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO - 2017 - Rispondi citando




ha scritto:




Ci mette cuore, sentimento e intelligenza in tutti i personaggi che interpreta. Dallo straordinario Cyrano, che consegna alla morte la sua goccia di splendore, alla profondità del tormentato VINCENT VAN GOGH, Alessandro Preziosi trasferisce la sua sensibilità nei ruoli che sceglie, e lo fa non avendo timore di affrontare sul palcoscenico figure molto diverse. [...]
Qual è stata l'interpretazione più difficile?
"Sicuramente VAN GOGH. Lo spettacolo L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO richiede un'aderenza totale ai sentimenti e alle contraddizioni del personaggio".



estratto dall'intervista a cura di Gilda Camero © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA REPUBBLICA ed. Bari pag. 15, 17/11/17 Bari.Repubblica.it








Benvenute! siete in Alessandro Preziosi official Forum



_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 02:55    Oggetto: VINCENT VAN GOGH al Teatro dell'Aquila, FERMO, 20-21/01/2018 Rispondi citando




_ KHORA.teatro con TSA - Teatro Stabile d'Abruzzo

presentano



ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

20-21 gennaio 2018FERMO, Teatro DELL’AQUILA

Residenza di riallestimento - 1° TOUR teatrale 2018









FERMO, sab. 20, dom. 21 gennaio '18, ci ha accolto nel foyer del Teatro Dell'Aquila un

Desk Benefico dell'Associazione ADRICESTA ONLUS per promuovere e raccogliere

sostegno al fine di realizzare Progetti Nazionali in aiuto dei BAMBINI Ospedalizzati


l'artista Alessandro Preziosi è dal 2004 testimonial ufficiale promotore per ADRICESTA












_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:03    Oggetto: VINCENT VAN GOGH al Teatro dell'Aquila, FERMO, 20-21/01/2018 Rispondi citando












_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:06    Oggetto: VINCENT VAN GOGH al Teatro dell'Aquila, FERMO, 20-21/01/2018 Rispondi citando




ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

20-21 gennaio 2018FERMO, Teatro DELL’AQUILA






www.cronachefermane.it/2018/01/17/lodore-assordante-del-bianco-alessandro-preziosi-in-versione-van-gogh-a-teatro/141111/

https://www.cronachefermane.it/2018/01/17/alessandro-preziosi-a-cronache-fermane-i-giovani-devono-recuperare-lo-studio-dellarte-prima-di-apprezzarne-la-digitalizzazione-video-intervista/141212/





http://www.informazione.tv/it/cultura/art/73128-alessandro-preziosi-sviscera-la-sua-vena-artistica-ed-elogia-le-marche-in-attesa-dello-spettacolo-al-teatro-della-aquila-a-stazionare-tra-cielo-e-terra-questo-a-la-vostra-regionea-foto-e-video/




_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:06    Oggetto: VINCENT VAN GOGH al Teatro dell'Aquila, FERMO, 20-21/01/2018 Rispondi citando



ha scritto:





    PREZIOSI a Fermo «Senza fiato per VAN GOGH»



Preziosi sarà il gran mattatore sabato e domenica sul palco del
Teatro dell'Aquila a Fermo L'attore: «Estasiato da quella bellezza che non riesco a contenere e che finalmente porto in scena»





Cosa avrebbe potuto esserci di peggio, per uno come Vincent Van Gogh, di starsene chiuso tra le bianche pareti di un manicomio? Proprio lui, che di colori era sempre vissuto, assaporandoli con gli occhi, prima di trasferirli sulla tela. È a questa domanda che prova a rispondere Alessandro Preziosi con lo spettacolo in scena sabato sera e domenica pomeriggio al Teatro dell'Aquila di Fermo. VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco il titolo dell'opera scritta da Stefano Massini, coprodotta da KHORA.teatro e Stabile d'Abruzzo in collaborazione con il Festival dei due Mondi di Spoleto, e diretta da Alessandro Maggi.

Cast tutto al maschile

In scena un cast tutto al maschile. Insieme a Preziosi nei panni del genio morto suicida nel 1890, sul palco saliranno Massimo Nicolini che interpreterà Theo, il fratello del pittore, Francesco Biscione e Roberto Manzi, rispettivamente dr. Peyron e dr. Vernon-Lazare, Alessio Genchi e Vincenzo Zampa che vestiranno gli abiti degli infermieri Gustave, il primo, e Roland, il secondo.

L'evento, che rientra nel cartellone della stagione di prosa fermana, è stato presentato ieri mattina. «Il nostro teatro ha esordito il sindaco Paolo Calcinaro è il motore della vita cittadina, è sempre più utilizzato e sta diventando fondamentale per la città». Calcinaro si è anche detto «curioso ed entusiasta di quello che lo spettacolo riserverà». Anche se per vederli sul palco bisognerà aspettare il weekend, gli attori sono a Fermo già da un paio di giorni. Oltre a fare da cornice alla prima di sabato (ore 21) e alla replica di domenica (ore 17), l'Aquila ospiterà anche le prove della compagnia. «Stiamo lavorando molto sulle residenze di allestimento ha spiegato l'assessore alla Cultura Francesco Trasatti in modo da far vivere il teatro non solo con gli spettacoli, ma anche con le produzioni».

La grande attesa

L'attesa, però, era tutta per lui: Alessandro Preziosi, l'attore napoletano che, oltre agli ipnotici occhi di ghiaccio, nel tempo ha dimostrato notevoli doti teatrali. Cirano, Amleto e Don Giovanni le impegnative performance con cui si è confrontato negli ultimi anni. Ora tocca a Van Gogh. «Quando ho letto questo testo ha raccontato sono rimasto senza parole. Mi sono chiesto perché una persona così viva come me ne fosse rimasta tanto affascinata e ho cercato di capirlo. Il testo presenta una serie di componenti della vita di Van Gogh, tutti elementi di combustione, spinte che un pittore come lui riceveva soprattutto dal punto di vista umano, che lo devastavano, ma che sostanzialmente erano vita allo stato puro». In una parola: bellezza. Quella bellezza che lascia interdetti, che appaga.

La grande combustione

«Sono estasiato da questo teatro ha continuato l'attore e da tutta quella bellezza che non riesco mai a contenere e che finalmente posso portare in scena. È questa la componente che aveva Van Gogh: la grande combustione con qualcosa che lo travolgeva, rendendolo incapace di rispondere all'universo intero, e che lo schiacciava per essere dipinto».


di Francesca Pasquali ©RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRIERE ADRIATICO tutte le edizioni - SONAR - Spettacoli pag. 26 18/01/18







ha scritto:






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:18    Oggetto: VINCENT VAN GOGH al Teatro dell'Aquila, FERMO, 20-21/01/2018 Rispondi citando



ha scritto:









    FERMO, il Teatro - PREZIOSI si crede VAN GOGH



Dopo la residenza di riallestimento, va in scena oggi e domani al Teatro dell'Aquila - l'attore cura pure la supervisione artistica - la pièce drammatica diretta da Alessandro Maggi


di Steno Fabi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRIERE ADRIATICO tutte le edizioni - SONAR - Spettacoli pag. 30 20/01/18






ha scritto:




. Fermo, al Teatro dell’Aquila domenica con Preziosi

. 2° ultimo appuntamento con VINCENT VAN GOGH





CORRIERE ADRIATICO, edizione Fermo e provincia, pag. 6, 21 gennaio 2018






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:21    Oggetto: VINCENT VAN GOGH 2018 - Teatro dell'Aquila FERMO, recensione Rispondi citando







ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

20-21/01/18 FERMO, Teatro Dell'Aquila: recensione





ha scritto:




        il Van Gogh di Alessandro Preziosi

        è da applausi scroscianti a FERMO






L’ovazione al termine dello spettacolo è durata per tre minuti ininterrotti: teatro tutto esaurito e pubblico soddisfatto e stupito dal viaggio all’interno del tormentato artista




Si è concluso nel pomeriggio domenicale il weekend in cui protagonista assoluto del Teatro dell'Aquila è stato l'attore partenopeo nella sua appassionante interpretazione del più inquieto pittore olandese.
Il colpo d'occhio è totalmente votato al bianco, così freddo, così spoglio, così effettivamente "assordante", ma ci ha pensato Alessandro Preziosi a metterci i colori: presenza scenica, movimenti corporei a scatti, rabbia, repentini cambi di tono di voce e dei ritmi del parlato.
Scenografia essenziale (in cui si intravede sullo sfondo, in un candido e delicato rilievo, il famoso dipinto "Campo di grano con volo di corvi"), perché in realtà non serviva altro che un algido contenitore di sei impareggiabili attori.
Accanto a Preziosi, infatti, hanno riempito il palco anche Massimo Nicolini (negli eleganti abiti del premuroso fratello Theo), Roberto Manzi (nel camice, spudoratamente bianco, dell'insopportabile dottor Vernon-Lazàre), Francesco Biscione (l'intelligente dottor Peyron), Alessio Genchi e Vincenzo Rampa (i due antipatici, codardi e 'lecchini' infermieri Gustave e Roland, una sorta di 'il gatto e la volpe' tra le corsie).
Tanti, i meriti del regista Alessandro Maggi e degli interpreti, riconosciuti dall'intero pubblico: un lessico rapido e moderno, a tratti squisitamente ironico e tagliente, abbinato a costumi dell'epoca, connubio ben riuscito grazie al profondo studio ed adattamento del testo di drammaturgia contemporanea di Stefano Massini "VINCENT VAN GOGH- L'odore assordante del bianco"; le luci, modulate assecondando perfettamente l'atmosfera della scena in corso; i suoni in sottofondo che hanno accompagnato senza stonature le angosce del protagonista. Tutto perfettamente amalgamato per far sì che fosse impossibile staccare lo sguardo da Vincent Van Gogh e vivere insieme a lui tutte le turbe psichiche, le paure, la confusione tra fantasia e realtà, la lucida follia e la delirante solitudine. Si soffre con il protagonista che invoca i colori e si dispera per il bianco che lo ingabbia: "I colori ti entrano dagli occhi e ti escono dalla punta del pennello". Allo spettatore viene quasi la voglia di aiutare l'inquieto pittore per salvarlo e portarlo via dal ricovero per disturbi mentali in cui fu rinchiuso a 36 anni.
Un finale, che il pubblico avrebbe voluto non arrivasse mai, e la riapertura del sipario di velluto rosso sulle note di "Dream on" dei Depeche Mode: un sogno, appunto, da cui ci è risvegliati troppo presto.



di Silvia Remoli, 21 gennaio 2018; pubblicato via CronacheFermane.it





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:24    Oggetto: VINCENT VAN GOGH 2018 - Teatro dell'Aquila FERMO, recensione Rispondi citando







ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

20-21/01/18 FERMO, Teatro Dell'Aquila: recensione





ha scritto:




      Un bianco assordante, come l'applauso

      che consacra il "VAN GOGH" di Preziosi



Due serate da sold out per "L'odore assordante del bianco". Un magnetico Alessandro Preziosi conquista il pubblico del Teatro dell'Aquila nei panni del pittore olandese Vincent Van Gogh.





Un bianco assordante come l'applauso del pubblico dopo un'ora e mezza di spettacolo, accecante come la superba prova d'attore di Alessandro Preziosi e devastante come la sterilità di una scenografia scarna e totalmente bianca, curata sapientemente da Marta Crisolini Malatesta.

Ci troviamo nella stanza del manicomio di Saint-Remì dove il pittore decise di rinchiudersi nel 1889 dopo il noto episodio di follia che lo spinse a tagliarsi un orecchio. Una stanza vuota dove si susseguono i vari personaggi, tutti egregiamente interpretati da un cast eccezionale, e dove oltre al bianco quello che c'è di più assordante sono i tormenti di Van Gogh, resi quasi visibili grazie solo all'ausilio degli intensi monologhi di Preziosi. Sullo sfondo, anch'esso rigorosamente bianco, spicca per un occhio più attento, la rappresentazione in rilievo di un famoso quadro del pittore, "Campo di grano con volo di corvi", e in un angolo della stanza un'orchidea, di un bianco candido anch'essa, ma della quale Van Gogh si era preso cura nella speranza di veder rinascere un accenno di colore. Tutti elementi che, nella loro semplicità, riescono a trasmettere al pubblico il senso di vuoto e di immobilità artistica che sta vivendo Van Gogh in quei giorni privi di colore. Una prigionia senza eguali per un pittore che ha fatto dell'uso del colore il tratto distintivo di tutta la sua produzione artistica e usato come unico strumento per descrivere le sue emozioni.

Al centro dello spettacolo, scritto da Stefano Massini e diretto da Alessandro Maggi, c'è il dialogo tra Vincent Van Gogh e suo fratello Theo (Massimo Nicolini), uno spaccato sulla vita dell'artista, dalla sua infanzia ai giorni in cui si ritrova internato in quello che per lui è "il castello bianco", dove non gli è consentito neanche dipingere. Il ritmo incalzante dello spettacolo non si affievolisce mai e raggiunge il suo picco massimo nell'ultima parte, nel dialogo tra Van Gogh e il direttore dell'ospedale (Francesco Biscione), l'unica figura che, come racconta il testo autobiografico di Massini, aiuterà Van Gogh a dipingere di nuovo le sue emozioni, questa volta non con i colori ma con le parole.

Nelle movenze sofferte, nelle espressioni del volto e nel modo di parlare concitato e spesso faticoso, Alessandro Preziosi dipinge un Vincent Van Gogh perfetto e regala al Teatro dell'Aquila un quadro da appendere tra i migliori della proposta culturale fermana. Per chi se lo fosse perso, Preziosi sarà ancora nelle Marche il 27 marzo al Teatro Sanzio di Urbino e il 28 marzo al Teatro Persiani di Recanati.



di Chiara Fermani, 22/01/18; pubblicato via LaProvinciadiFermo.com





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:27    Oggetto: VINCENT VAN GOGH 2018 - Teatro dell'Aquila FERMO, recensione Rispondi citando







ha scritto:






.Preziosi conquista il Teatro dell'Aquila - doppio

.spettacolo e grande successo per "VAN GOGH"


L'EVENTO di FERMO

Bianche le pareti. Bianchi i vestiti e le lenzuola. Bianca perfino l'orchidea nel piccolo vaso sul pavimento. È un mondo senza colori quello in cui è costretto a vivere Vincent Van Gogh. È il 1889. Rinchiuso nel manicomio di Saint Paul, il pittore soffre e si dimena. La privazione visiva, più che i lacci che lo inchiodano al letto, lo annienta. In questo luogo senza spazio e senza tempo, realtà e immaginazione si intrecciano senza mai separarsi completamente. Tutto esaurito sabato sera al Teatro dell'Aquila per la prima de L'ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO, lo spettacolo diretto da Alessandro Maggi (in replica ieri pomeriggio), che ha visto sul palco uno strepitoso Alessandro Preziosi nel ruolo del genio olandese. Il testo di Stefano Massimi ha tenuto per quasi un'ora e mezza incollati al palco gli occhi di un pubblico che, attento e in religioso silenzio, ha assistito a un crescendo concitato di emozioni.

Il sipario

All'apertura del sipario, nel suo camice bianco dei matti, annientato, il pittore parla con il fratello Theo (Massimo Nicolini), che ha preso quattro treni e un carretto per andare a trovarlo. Vincent non si fida più della sua mente, perciò chiede al fratello una prova della sua reale presenza. In un dialogo serratissimo, tra ricordi d'infanzia e speranze per il futuro, il pittore convince Theo a farlo uscire dal manicomio. Lì è vietato dipingere e la sola idea di poter tornare a farlo lo fa sentire meglio. Quel dono che per lui è quasi una condanna, lo rimetterà al mondo. Tornerà ad essere schiacciato dalla bellezza della natura che vuole essere ritratta e le sue mani a farsi tramite tra gli occhi e la punta del pennello. Ma il pittore soffre di allucinazioni. È per questo che è stato internato. E si anche mozzato un orecchio. Anche se è considerato socialmente placido, com'è scritto sulla porta della sua stanza, gli infermieri non si fidano.

Gli ostacoli

Uscire dal manicomio diventa un percorso a ostacoli. Ci sono pratiche da sbrigare e serve tempo per prepararle. Impedimenti, agli occhi del pittore, incarnati dal dr. Vernon-Lazare (Roberto Manzi), il nemico, che Van Gogh ritrae con tocchi di carbone schiacciato su una tela improvvisata fatta di vecchie lenzuola. Sopraffatto dalle avversità, Vincent si rifugia nel suo letto fino all'arrivo del dr. Peyron (Alessio Genchi), il direttore del manicomio, l'unica nota di colore in questo mondo fatto solo di bianco. Con un approccio tutto nuovo, in un primo abbozzo di psicoanalisi, il medico cerca di aprire uno spiraglio nella mente del genio, divisa tra razionalità e follia. Con un gioco di associazioni prova a capire da dove nasce il suo profondo malessere.

La differenza

Un metodo innovativo, lontano anni luce dagli interminabili bagni di acqua calda e dalle camicie di forza con cui all'epoca si curavano i matti. Un approccio che, purtroppo, ha fatto breccia solo negli ultimi decenni dopo secoli di violenze e alienazioni. Dopo un'iniziale resistenza, il pittore comincia ad aprirsi. I fantasmi del passato riprendono forma. Sarà una battaglia lunga e difficile, le ricadute sempre in agguato, ma stavolta Van Gogh non è solo ad affrontarla.


di Francesca Pasquali ©RIPRODUZIONE RISERVATA

CORRIERE ADRIATICO ediz. Fermo- Primo Piano - pag. 3, 22/01/18






_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 03:57    Oggetto: VINCENT VAN GOGH 2018 - Teatro dell'Aquila FERMO, recensione Rispondi citando




ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

20-21/01/18 FERMO, Teatro Dell'Aquila: recensione





ha scritto:




. Tutto esaurito per Preziosi al Teatro dell’Aquila di

. Fermo; l’attore ha interpretato Vincent Van Gogh.

. Applausi per il thriller psicologico





Il bianco che non può avere odore, che non suona eppure è impossibile da gestire, da governare, da affrontare per un artista come Vincent Van Gogh, dentro una folla di voci e di suoni, di sensazioni e di suggestioni che premono per essere dipinte. È l’esperienza del grande artista, in bilico tra genio e follia, messa in scena al Teatro dell’Aquila da Alessandro Preziosi, con la sua compagnia di attori eccellenti, per due serate da tutto esaurito.
Ci sono la normalità e la pazzia, la ricerca incessante e la creatività dentro “L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO”, lo spettacolo firmato da Stefano Massini, magistralmente interpretato da Alessandro Preziosi e dagli altri attori, ma su tutto protagonista è il colore, come ha commentato la critica d’arte Daniela Simoni.
«Protagonista il colore, costantemente evocato in absentia – ha detto –, una scenografia essenziale e incisiva, un gioco continuo e spiazzante tra realtà e visione, tra arte e vita, tra la claustrofobia delle pareti del manicomio di Saint Paul e l’aspirazione alla fuga in un altrove dove trovare quiete, dove poter affrontare l’urgenza pressante dell’universo che attende di essere dipinto».
Uno spettacolo, dunque, coinvolgente e per niente scontato, chi c’era ha avuto la sensazione di vivere quel tempo col fiato sospeso e il dolore di Van Gogh addosso, senza riuscire a trovare la strada per la serenità, per portare quel colore al suo posto, sulle vesti bianche accecanti e in mezzo al nulla.
Un altro successo per la stagione fermana che si conferma sempre di più tra le migliori della regione, l’assessore alla cultura Francesco Trasatti ha parlato di un fine settimana di grande emozione, arrivato dopo giorni di allestimento che Preziosi e la sua compagnia hanno fatto proprio a Fermo.
Una formula che funziona e che fa muovere la vitalità fermana, grazie alla cultura e alle cose belle.



IL RESTO DEL CARLINO edizione Fermo - Cultura/Società - pag. 59 23/01/18








      Lieto Anno dalla rassegna stampa selezionata

      dal Forum ufficiale di ALESSANDRO PREZIOSI

      che rinnova l'appuntamento nel 2018 solo qui


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Marisol



Registrato: 07/01/11 10:40
Messaggi: 3543
Residenza: Madrid

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 13:28    Oggetto: Rispondi citando


“Quando sento un terribile bisogno di, se devo nominarla, religione. Allora esco e dipingo le stelle.”

“Io penso spesso che la notte sia più viva e più riccamente colorata del giorno.”
(Vincent Van Gogh)


Mio caro Ale,

Ti auguro stasera, come tutti i precedenti, che la tua genialità interpretando al genio dai capelli rossi del pennello, si illumini con la tua immensa, straordinaria e mai vista rappresentazione sull palcoescenico di Vincent Van Gogh, l'intero teatro della Pergola di Firenze, come le stelle di questi meravigliosi dipinti illuminano la notte.



Noche estrellada sobre el Ródano - Arles, Settembre 1888 (Museo de Orsay)



Noche estrellada - Saint-Rémy, Giugno 1889 (MOMA – Nueva York)


...che gli applausi "assordiscano" le tue orecchie !! Wink Wink


Tanti baci con grande e sincero affetto da Madrid Razz Razz !!

TVB Ale Wink Wink

Marisol

_________________
La vera ricchezza è prendere la vita con amore, donando amore.



Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
marystone



Registrato: 12/11/11 18:10
Messaggi: 3644
Residenza: Palermo

MessaggioInviato: Mer Feb 07, 2018 16:04    Oggetto: BRAVISSIMO!!! Rispondi citando


Caro Ale......leggo tutte le belle recensioni sul tuo magnifico VINCENT....e ne rimango affascinata....perchè da spettatrice penso che scrivano il vero sulla tua magnetica e magistrale interpretazione!!! Laughing Laughing


Una delle tante citazioni: "Ma in realtà bisogna dire una volta per tutte che Alessandro Preziosi è un attore di qualità, capace di interpretare personaggi complessi."
...e diciamolo...va...!!! Laughing Laughing

In bocca al lupo a Firenze e sono in attesa di vederti duettare a Sanremo venerdì con la Vanoni che ha portato una bellissima canzone (l'ho ascoltata ieri sera) e penso che anche tu...con la tua bella voce intonata....e presenza scenica...contribuirai a farle avere più voti!!! Laughing Laughing

EVVAI sempre il nostro NUMBER ONE!!! Laughing

P.S.: Visto il successo di Favino...farò una petizione per farti presentare l'anno prossimo Sanremo....hai tutte le carte in regola per farlo!!! Wink Laughing Laughing


un forte abbraccio
mariella
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
genziana



Registrato: 22/03/04 13:40
Messaggi: 34453

MessaggioInviato: Gio Feb 08, 2018 02:59    Oggetto: VINCENT VAN GOGH - Teatro Farinelli 23/01/2018 ESTE (Padova) Rispondi citando




ALESSANDRO PREZIOSI nel ruolo di protagonista in

VINCENT VAN GOGH. L'odore assordante del bianco

23 gennaio '18, ESTE (Pd) Teatro Giuseppe Farinelli


nella rassegna DELLA STESSA MATERIA DEI SOGNI


“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”. Anche il linguaggio teatrale è quello dei sogni, delle emozioni, della creatività. Condividerlo con altri assume un significato che va al di là della pura socializzazione: significa volersi incontrare anche sul piano dei sentimenti.


La denominazione del Teatro intende onorare la memoria dell'illustre musicista concittadino Giuseppe Farinelli (Este, 7 maggio 1769; Trieste, 12 dicembre 1836), un compositore italiano noto soprattutto come operista. Il suo vero nome al battesimo era Giuseppe Francesco Finco, ma in seguito egli adottò il cognome Farinelli come riconoscenza verso il celebre cantante. Educato nell'insigne Conservatorio di Napoli, per la sua originalità e le sue non comuni doti di compositore riportò coi suoi innumerevoli lavori musicali trionfali successi nei maggiori teatri italiani e francesi, lodato quale artista di prim'ordine e profondo conoscitore della gentile arte melodica.







a ESTE (Padova), martedì 23 gennaio 2018 ci accoglie nel foyer del Teatro Farinelli un

Desk Benefico dell'Associazione ADRICESTA ONLUS per promuovere e raccogliere

sostegno al fine di realizzare Progetti Nazionali in aiuto dei BAMBINI Ospedalizzati





ha scritto:






Il castello bianco di Van Gogh: in scena Preziosi




IL GAZZETTINO - Nord-Est , ediz. Padova, Eventi pag. 25 18/01/18







Alessandro Preziosi official Forum lieto 2018 con noi!

ADRICESTA Onlus seguirà il Tour con Eventi Benefici





ha scritto:



PREZIOSI interpreta VAN GOGH stasera a Este



E’ il 1889. Chiuso tra le austere stanze dipinte di un bianco assoluto, nel manicomio di Saint Paul, il pittore Vincent Van Gogh aspetta il fratello Theo. E spera di uscire presto, prestissimo, dall’isolamento del manicomio. Da tutto quel bianco. Accecante. Stasera alle 21:00 al Teatro Farinelli di Este, a Padova, l’attore Alessandro Preziosi porta in scena “VINCENT VAN GOGH. L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO”, testo pluripremiato, scritto da Stefano Massini, autore tra gli altri di “7 minuti”, “Lo Schifo”, “Lehman Trilogy”. Lo spettacolo mette in scena un Van Gogh tormentato: come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bianco? Lo spettacolo di KHORA.teatro in coproduzione con il Teatro Stabile d’Abruzzo, e che si avvale della messa in scena di Alessandro Maggi, è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica. Il testo è vincitore del Premio Tondelli a Riccio Teatro 2005: “…scrittura limpida, tesa, di rara immediatezza drammatica, capace di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva” (questa la motivazione della Giuria) ed è appunto firmato da Stefano Massini che, grazie alla sua drammaturgia asciutta ma ricca di spunti poetici, offre considerevoli opportunità di riflessione sul rapporto tra le arti e sul ruolo dell’artista nella società contemporanea. “Lo spettacolo è aperto contrappunto all’incalzante partita dialogica tra i due fratelli – spiega Alessandro Maggiun dialogo sottinteso. Latente. Nella stanza di un manicomio il pittore ci appare nella devastante neutralità di un vuoto. Qui dunque si rivela e si indaga la sua disperazione. Il suo ragionato tentativo di sfuggire all’immutabilità del tempo, all’assenza di colore alla quale è costretto, a quell’irrimediabile strepito perenne di cui è vittima cosciente, all’interno come all’esterno. In quel granitico "castello bianco". E soprattutto il suo costante dubbio sull’esatta collocazione e consistenza della realtà. La tangente che segue la messinscena resta sospesa tra reale e irreale”. Inaspettata, seppur desiderata, la visita del fratello Theo che ha dovuto prendere quattro treni e persino un carretto per andarlo a trovare. “VINCENT VAN GOGH. L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO” con Alessandro Preziosi andrà in scena dal 24 al 28 gennaio al Teatro Toniolo di Mestre (Venezia); dal 6 all’8 aprile al Teatro Del Monaco a Treviso; dal 10 al 12 aprile al Teatro Comunale di Thiene. Info: www.ARTEVEN.IT

di Barbara Codogno

CORRIERE DEL VENETO Padova e Rovigo; Treviso e Belluno; 23/01/18





_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Alessandro Preziosi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 17, 18, 19  Successivo
Pagina 5 di 19

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it
Copyright © ADRICESTA ONLUS - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy